Stracciatella

Mamma mia che tempaccio!!
Freddo e pioggia con qualche accenno di nevischio …
E quanta acqua abbiamo preso oggi io e topino!!
Avevo dimenticato l’ombrello a casa e quando sono andata a prenderlo al nido, “nel mezzo del cammino” verso la macchina, ha iniziato a buttarla giù con cattiveria proprio…. ed il keeway non ce l’ha fatta a salvarci!!!
Così tutti zuppi, zuppi ed infreddoliti, una volta a casa ci siamo chiusi dentro al calduccio …….
Credo che il mio malcontento per la stagione invernale sia ormai chiaro a tutti …… e sopratutto al povero Fabry che deve sopportare la mia meteopatia!!! Povero lui!!
Beh, con questo tempaccio ci sta proprio bene un qualcosa di caldo: una bella minestra!!
Così, una volta ripreso colorito, metto su un bel brodo di gallina (gallina di paese generosamente fornita dalla mamma!!) in previsione di una bella stracciatella!
Ricordo che mia mamma la faceva spesso nelle serate fredde lì al paese ……
La
stracciatella è una delle minestre più tradizionali della cucina
italiana e malgrado la sua semplicità è una delle più gustose.

Ingredienti:
(per 4 persone)
 
per il brodo:

1/2 gallina
1 costa di sedano
1 carota
1 patata
1/2 cipolla gialla
2-3 pomodorini pachino
sale

per la stracciatella:

4 uova,  
100 g di parmigiano grattugiato,  
noce moscata q.b.
sale,   
scorza di 1/2 limone grattugiata


Preparazione:

Preparare il brodo 

Pulire le carote, il sedano, i pomodorini, la cipolla,  e  tagliare a pezzi la gallina; disporli in una capiente pentola e ricoprirli con acqua; salalre e lasciar cuocere finché
la gallina diventerà giusta di cottura (normalmente io lascio cuocere il brodo coperto su fiamma bassa per almeno un’ora e mezza)

Togliere la pentola dal
fuoco e lasciar raffreddare il brodo, quindi togliere il grasso che si è
formato in superficie.

(La gallina con le verdure andranno messe in un
piatto e potranno essere utili anche come secondo.)

Preparare la stracciatella

In una terrina battere le uova con un pizzico di sale, unire il
parmigiano, la
buccia grattugiata e pochissimo succo di limone, la noce moscata ed infine aggiungere
un mestolo di brodo freddo e continuare a sbattere ancora per qualche
minuto.

Riportare ad ebollizione il brodo e versare  il composto di uova, mescolare e agitare il brodo con una forchetta
finché  l’uovo non  si “sfilaccia” in piccoli pezzetti come fossero degli straccetti.

Far cuocere ancora per circa tre minuti a fuoco basso e sempre
rimestando, quindi versare nei piatti e servire caldo con aggiunta di
parmigiano grattugiato.

Preparare la stracciatella per topino


Per rendere la stracciatella più ricca e nutriente per topino, schiacciare le verdure (lasciate da parte) con una forchetta e frullare qualche pezzo di petto della gallina.

Unire il  “passato” così ottenuto di carne e verdure alla stracciatella a fine cottura.




… E buon appetito!!

2 Commenti

  1. La straccatella mi ricorda quando ero bambina…è una vita che non la faccio!!! scalda il pancino! buon fine settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.