Torta Serena

Sebbene mi ero ripromessa di procedere a ritroso con i post per potervi raccontare tutto quello che è successo dalla mia pausa vacanza ad oggi,
non potevo resistere ancora nel presentarvi la mia nuova torta!
E’ stata preparara in occasione del compleanno della mia cara amica Serena,
nonchè la maestra del nido di topino,
e visto che al nido conoscono già i miei dolci,
 mi ha chiesto di occuparmi della sua torta dandomi solo un’indicazione:
“Fai tu!”
Ora, prepararle una torta ricoperta in pdz non l’avrebbe sorpresa più di tanto: sa che le faccio
(o meglio, mi diletto a farle)
e poi ha visto la torta apine per il compleanno di Tato
e per sorprenderla dovevo farle qualcosa di più difficile …… meglio non esagerare!

Una classica torta italiana no………….
poteva comprarla in pasticceria allora!
Così ho pensato di prepararle una torta che avesse un pò dello stile italiano,
un pò dello stile americano,
e qualche cosa di particolare per renderla, appunto, particolare!!
A parte l’effetto estetico della presentazione che ha riscosso un grande successo,
è stato “il dentro” che ha conquistato tutti:
infatti, nello scegliere tra Pan di Spagna e Pasta Sfoglia,
ho optato per entrambe!!
E l’effetto sbriciolata che ho voluto dare alternandola al pan di spagna, ha davvero sorpreso e deliziato tutti.
Beh,  senza elogiarmi ancora oltre
(da queste parti si dice “chi si loda si sbroda”), ecco la mia

Torta Serena

Ingredienti:
(per una torta per 30 persone)

Per il Pan di Spagna
(tortiera da 24cm)

75 gr farina
75 gr fecola di patate
150 gr zucchero
5 uova
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
 Per la crema “chantilly”** all’italiana
(torta da 24cm)

4 tuorli
4 cucchiai di farina
5 cucchiai di zucchero
400 ml di latte
1 stecca di vaniglia
(o 1 bustina di vanillina)
250 ml di panna per dolci
in aggiunta: gocce di cioccolato 

 In più:
Pasta sfoglia che potete trovare qui
(oppure comprarne di già pronta)
75 gr pasta di zucchero gialla
pennarello rosa alimentare
250 ml panna per dolci
lettere e numeri di cioccolata
1 confezione di biscotti Pavesini 
rafia gialla

Per la bagna alcolica:
 200 ml  di acqua
100 gr zucchero
1 bicchierino di liquore Varnelli

Procedimento:

Preparare Pan di Spagana:

Dividere gli albumi dai tuorli mettendoli in due ciotole grandi:
iniziare a sbattere
con l’aiuto delle fruste elettriche i tuorli con
metà dello zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, gonfio e chiaro.
Sbattere ora gli
albumi fino a  quando saranno abbastanza
gonfi e bianchi, aggiungere il restante zucchero e proseguire a montare ancora per qualche minuto. 
Unire gli albumi montati ai tuorli montati e
mescolare per amalgamare il composto, quindi aggiungere la farina, la fecola di patate e la vanillina setacciate
insieme, versandole nel composto tramite un
setaccio per far si che non si formino grumi.
Mescolare il tutto con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto omogeneo, facendo attenzione a non smontarlo.
Imburrare e infarinare per bene una teglia rotonda del
diametro di 24 cm e versare l’impasto livellandolo per bene .
Far preriscaldare il forno (modalità statica) a 180° e infornare il Pan di Spagna per circa 35-40 minuti senza mai aprire il forno
nella prima mezz’ora di cottura, onde evitare lo sgonfiarsi della torta.
Terminato il tempo di cottura, togliere la torta dal forno e far raffreddare bene nello stampo prima di toglierlo e tagliarloa strati.

 Preparare la crema:

Far sobbollire il latte con una stecca di vaniglia (o in alternativa una bustina di vanillina).
In una terrina, montare i tuorli con lo zucchero.
Incorporare alle uova la farina setacciata e versare il latte a filo nel composto con le uova mescolando bene il tutto.
Trasferire il composto in un pentolino e cuocere la crema mescolando di
continuo per non far creare grumi.
Lasciar sobbollire finchè la crema
non si addensa.
Appena la crema si sarà raffreddata, iniziate a montare la panna.
Incorporare dolcemente la panna alla crema pasticciera mescolando dolcemente per non smontare la crema chantilly.
Aggiungere le gocce di cioccolato e mescolare bene.

Preparare la bagna:

Mettere in un pentolino
l’acqua e lo zucchero e far scaldare a fuoco moderato fino a che lo
zucchero non si sarà completamente sciolto.
Una volta che lo sciroppo così ottenuto sarà tiepido, aggiungere il bicchierino
di liquore (o l’estratto alcolico di liquore) e mescolate.
La bagna
per torte alcolica è pronta: bagnare il disco di Pan di Spagna
con l’aiuto di un pennelloo dell’apposito spruzzino.

 Comporre il dolce:

Direttamente sul vassoio da portata, disporre un disco di Pan di Spagna e bagnarlo bene.
Aggiungere la crema, briciolare un disco di pasta sfoglia, ed ancora uno strato di crema.
Aggiungere il secondo disco di Pan di Spagna, bagnarlo, e aggiungere la crema; quindi uno strato di pasta sfoglia lasciandola questa volta intera e dinuovo la crema.
Aggiungere il terzo ed ultimo disco di Pan di Spagna e bagnarlo leggermente.

Ricoprire l’ultimo Pan di Spagna con la panna montata e ricoprire anche i lati della torta.
Disporre lateralmente i biscotti Savoiardi senza bagnarli.

Al solo fine estetico, legare i biscotti alla torta con un filo di rafia giallo.

Nel frattempo, stendere la pasta di zucchero gialla e, con gli appositi stampi, ritagliare le forme desiderate.
(o creando la forma disegnandola e ritagliandola da un foglio, quindi ritagliarla sulla pasta di zucchero)
Con il pennarello alimentare rosa creare l’effetto cucito sul bordo degli stampi ottenuti e disporli sulla torta.

Bagnare leggermente (con della semplice acqua) la superficie del decoro in pdz centrale per far aderire le letterine ed i numeri di cioccolato.

Et voilà, la Torta Serena è pronta!!

……… E buon compleanno Serena!!
 ——————————————————————————–

** La crema chantilly è una delle creme più
adatte a farcire le torte a base di pan di spagna, grazie sopratutto alla sua caratteristica principale: l’estrema leggerezza!
 La vera crema
chantilly però, in realtà altri non è che  panna fresca aromatizzata alla vaniglia, ben lavorata,  con
l’aggiunta di zucchero a velo.
In Italia però, molti attribuiscono erroneamente il nome “chantilly” all’unione della crema pasticciera con la panna. Quest’ultima in realtà è crema
diplomatica.
 

4 Commenti

  1. Bellissima Sabri..grazie x la condivisione!
    la zia Consu

  2. È uno spettacolo! !! Complimenti davvero! Un bacio

  3. ha un aspetto invitante!!
    grazie per la condivisione

    ristorante torino
    http://restaau.it/Search/City/ristorante-torino.html

  4. Ciao carissime,
    grazie mille a tutte!!!!!
    Siete sempre così carine …. siete preziosa per me!
    Vi lovvo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*