In evidenza

3 commenti

Casetta di pan di zenzero ( la mia gingerbread house per gli allergici a latte e alle uova !! )




Come promesso
inizio con la prima ricetta 
(quella di cui vado più fiera!!) 
di questo Natale 2013!

Quest'anno ho voluto strafare: 
preparare una classica gingerbread house 
(dolce completamente al di fuori delle tradizioni di casa mia e delle mie abituali ricette) 
e non  solo: 
rivisitare la ricetta in base alle necessità della mia famiglia, o 
meglio, 
alle necessità di topino!

Modificare dosi e sostituire alcuni ingredienti delle più tradizionali ricette 
affinchè potesse essere il tutto gustato tranquillamente anche da topino!!

Certo, per alcuni cioccolatini non ho potuto farci nulla .... 
ma un cioccolatino a Natale se lo siamo concesso!!

L'impresa è stata ardua, 
il crollo della casa durante la fase di costruzione c'è stata 
(avoglia se c'è stata!!), 
ma alla fine ce l'ho fatta!!

Peccato che tutto questo impegno, tutta questa fatica e 
due istanti per la sua demolizione!!!




Ingredienti :
per 1 casetta:
125 gr di margarina 100% vegetale
2 cucchiai di latte di soia Alpro

100 gr di zucchero semolato
50 gr di zucchero di canna
150 gr di miele d'acero
420 gr di farina 00
2 cucchiaini di zenzero in polvere
1 cucchiaino di cannella in polvere
1/4 di cucchiaino di noce moscata
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di sale

per la glassa:
1/4 tazza di acqua calda
1-2 cucchiaini di succo di limone
3 tazze zucchero al velo
coloranti alimentari
per decorare:
caramelle alla frutta gommose
cioccolate varie (kitkat, Bueno mini)
sesamo
Swiss Roll White della  Freddi
pasta di zucchero verde, bianca e rossa q.b. 
(o pdz bianco + coloranti)
cacao amaro
zucchero a velo
nocciole in granella
due liquirizie lunghe


 Procedimento:

Preparare le sagome della casetta:
In una ciotola lavorare la margarina con i due tipi di zucchero, il latte di soia e il miele.
Lavorare l’impasto aggiungendo man mano la farina setacciata con le spezie, il sale e un pizzico di bicarbonato; continuare a mescolare fino ad ottenere un impasto piuttosto morbido e liscio.

Formare una palla con l’impasto, avvolgerla nella pellicola trasparente e riporre in frigorifero per 1 ora.

Trascorsa l'ora di riposo, disporre il pan di spezie su una spianatoia infarinata e con un mattarello stendere una sfoglia dello spessore di 4 mm circa.
Disporre la pasta stesa sull'apposita teglia preformata (in alternativa, ritagliate le sagome della casettacon l'aiuto di sagome disegnate e ritagliate da fogli di carta).

Infornate a 190 gradi, cuocete per 15/18 minuti.
Lasciar raffreddare i biscotti completamente.

Preparare la glassa:
Aggiungere allo zucchero a velo il succo di limone e l'acqua mescolando fino ad ottenere una crema liscia e abbastanza densa.

Aggiungere il colorante alimentare alla glassa secondo l'occorrenza.

Iniziate a decorate i vari pezzi della casetta.
Disporre un pò della glassa del colore preferito nella sac a poche e decorare le pareti ed il tetto della casetta.
 Lasciar asciugare per 1 ora.

Scelto il piano per poggiare la  casetta, iniziare a costruire la casetta stessa e il paesaggio.
Per attaccare le pareti tra loro, utilizzare la glassa bianca come collante, disponendola su tutto il perimetro delle quattro pareti e  su un piano.
Per sicurezza io ho messo dei libri tutto intorno finchè "il collante" non si è solidificato e le pareti sono rimaste in posa.



Procedere allo stesso modo per il tetto. Sigillare bene il tutto con abbondante glassa che servirà a creare anche un effetto neve.
Poi attaccate anche il comignolo.
Io l'ho lasciata asciugare tutta una notte.




L'indomani è stato il momento del paesaggio:
Con la pasta di zucchero verse, formare delle palline da cui ricavare gli alberelli piccoli, pizzicando la pallina con la punta delle forbici così da crfeare l'effetto rami.









Per creare l'albero grande con gli addobbi e renderlo particolare e dal ripieno morbido e delicato, ho utilizzato lo Swiss Roll White della Freddi, tagliando alcune fette e ricavandone dei cerchi grandezza diversi, sovrapposti e ricoperti poi da pdz verde a completare e definire nella forma.



Con la pdz rossa e bianca creare gli addobbi  per l'albero.
(Io ho utilizzato anche della glassa rossa per creare delle palline più piccole per l'albero).

Creare il pupazzo di neve sempre con la pdz bianca.




Con una goccia di glassa, fermare le caramelle zuccherate sul tetto a piacere.

Formare la staccionata con le due liquirizie fermate da tre stuzzicadenti.




Sempre utilizzando un pò di glassa come collante, formare il vialetto di casa con la barretta di sesamo ed i cioccolatini.





Con delle barrette di KitKat spezzate ho voluto creare un mucchietto di legna sul lato della staccionata.





Ho cosparso un pò di cacao amaro in polvere sulla base del piano d'appoggio, ho ricoperto con una manciata di nocciole in granella e spolverato tutto con dello zucchero a velo per completare con un effetto neve!













NB:  per le decorazioni della casetta ed il paesaggio, si può lavorare di fantasia quanto più si vuole!!












3 commenti

Aspettando l'anno nuovo.....

Ore 10.00 del mattino: papo a lavoro, topino dorme 
.................. si, si, avete capito bene: topino DORME!!!! ............
 ed io trovo finalmente un attimo per tornare da voi!

Mi è mancato molto il mio blog, ma sono stata in una fase ..... boh, non so bene come poterla definire ......... un periodo di "pigrizia".... ?? ....


Preparativi al Natale: la scelta degli addobbi!!


Si, lo so che non sono l'unica che lavora, e dopo il lavoro è al 100% assorbita da topino, e poi pensa alla casa e a cucinare, ed ha un blog ...... lo so bene.
Ma in questi mesi sono stata così carica di impegni a lavoro ed a casa che non ne potevo ... non ne posso più....
E, a volte,  io non ce la faccio a portare avanti tutto e sento il bisogno di staccare un pò, di rinunciare a qualcosa per concedere un pò di attenzioni solo a  me stessa...... 
La sera arrivo così stanca (mentalmente anche) che l'unico mio desiderio è quello di buttarmi sul divano davanti ad un bel film a rilassarmi un attimo e pensare a niente!! .... 

Ovviamente tutto questo relax è concentrato in quei due-tre minuti di lucidità prima del mio crollo psico-fisico e completo abbandono al sonno!!!

 E in queste fasi di "pigrizia" ed  egoismo personale, chi ne fa le spese, è il blog!


Preparativi al Natale: gli addobbi, che fatica!!



Poi finalmente le feste Natalizie!!





Così dopo aver passato le notti sveglia per la tosse di topino 
(................... nooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 
le notti sveglia perchè topino ha la tosse????????????????? 
............... ma quando mai l'ha abbandonato??? ................... povero il mio piccolo)
ho potuto comunque recuperare la mattina .... e che dormite ci siamo fatti !!! 
Tanto che lui sta ancora dormendo!!!!





Restare accoccolata a lui?? 
................ Si, c'ho pensato!!! 


Momenti di intimo relax!!



Ma poi questo post avrebbe continuato a girarmi in testa ..... e gira, e gira, e gira........ 
Avrebbe fatto la stessa fine dei biscotti per topino!!

Gingerbread & alberelli di soia


Vi spiego: 
giorno 20 dicembre: ultimo giorno di asilo con relativa festicciola. 
Sapete ormai di topino e le sue allergie alimentari: sono stata così tanto a pensare a che dolce fargli per quest'occasione e a come farlo che ormai i "biscotti per topino" erano diventati un'ossessione, tanto da sognare una notte che stavo preparandone a quantità industriale e non andavano bene, e dovevo rifarne, e rifarne.... così mi ha svegliata papo perchè stavo urlando "i biscotti per topino, i biscotti per topino"...!!!


Crostata di frolla di soia


Capito ora perchè mi serviva uno stop da qualcosa????

Comunque, mi sto riprendendo, non è grave, piano piano ne uscirò fuori!! 






Ma intanto so bene che arrivo in ritardo con le mie ricettine Natalizie ..... vabbè, saranno di spunto per qualcuno per le prossime, no??


Dolcetti con yogurt di soia


Come sono andate le prime feste? .... beh, diciamo solo che il primo round è andato!

Eh si, con S. Stefano si è conclusa la prima maratona culinaria  ed ora, con i classici kg in più presi in questo primo round, aspettiamo la seconda tornata: il capodanno!

E per fortuna che quest'anno eravamo in pochi e si è preparato poco!!

Facciamo così: per evitare che mi perda post per strada, io intanto vi racconto del menù "anti dieta" di questi giorni, e poi pian piano linko le varie ricettine ..... almeno stavolta spero di non saltare nulla e  poi devo recuperare le varie foto fatte con i vari dispositivi ....

(non facendo così infatti, ancora ho in sospeso il pranzo del mio compleanno che è stato solo ad agosto!! ..... pessima, come sono pessima!!!!)




Diciamo che si è cercato di mantenere la tradizione: una Vigilia a base di pesce, con la classica insalata di mare e carpaccio di polpo, accompagnata da qualche stuzzichino rustico con salsa di alici e papavero, o dal panettoncino gastronomico al tonno, per poi passare al primo preferito da papo: spaghetti alle vongole ..... ma per l'occasione la ricetta è stata un pò rivisitata ed è diventata strangozzi alle vongole con crema di ceci e carote. 


Strangozzi alle vongole con crema di ceci e carote


Poi le classiche fritelle di baccalà, carciofini e broccoletti e, 
dulcis in fundo, i dolci!! 
La mia mamy ha portato un cestino pieno dei dolcetti della nostra tradizione, dolcetti che l'aiutavo a preparare quando ero piccola! Così mi sono deliziata con la sua nocciolata, i suoi tozzetti ed i suoi spumoni ..... 


Dolcetti tradizionali di casa mia


E mica finisce qui!!!!
E ti pare che non preparavo dei pandorini di soia al limone che potesse tranquillamente mangiare topino??


Pandorini di soia al limone


Anche se ad essere sinccera, lui ha di gran lunga preferito demolire la casetta di pan di zenzero e divorare i vari alberelli in pdz ed i vari cioccolatini ...... 




(e sui cioccolatini è stata una concessione Natalizia che però ha subito manifestato le sue reazioni ..... ma perchè fanno tutto cioccolato al latte?????)



.... certo, tanto impegno, tanti preparativi e puf... 
in un attimo passa tutto..... 
vabbè che qua sembra voli tutto da quando è nato topino!!
Ricordo che non vedevo l'ora che passassero i primi tre mesi perchè mi dicevano che dopo sarebbe andata meglio con i rigurgidi, ed invece sono passati già due anni e mezzo......!!








Ops, credo che ora si sia svegliato l'ometto di casa ..... beh, ancora tanti auguri ed ai prossimi link delle ricette!!





Bacio!!




3 commenti

Buon Natale e Felice Anno Nuovo....



Tanti auguri a tutti voi da me 
(la mamy!), 
il papo e 
topino!!

Auguroni!!!!!
4 commenti

Bocconcini di tacchino allo champagne con topinambur, carote ed oro giallo

Dopo venti giorni di dieta ferrea priva degli alimenti allergici per topino, 
finalmente al controllo l'allergologo ci fa un bel regalo: 
reintroduciamo SOLO la carne di tacchino 
.... ma con moderazione!!

Immaginate la mia gioia?? 

Per tutto il resto è ko: dice che tra i 3 ed i 4 anni le allergie alimentari nei bambini si perdono lasciando il posto a quelle respiratorie 
(no, dico, pure????... che culo!!
ed allora potremmo reinserire anche latte, uova e derivati ......

Già, peccato che mancano ancora due anni .... mese più, mese meno!!

Vabbè, ma torniamo al momento di esultanza:

evvai, finalmente una "cicci" nuova da poter alternare alla poca scelta che ci era rimasta!!

Così andiamo subito subito a far scorta di tacchino, e per renderlo felice 
(al topino intendo, non al tacchino, che credo sia stato meno felice di tutti!), 
una ricettina pensata per l'occorrenza per festeggiare questa  piccola bella notizia!!





Ingredienti:
(per 2 persone e 1 topino)

250 gr di spezzatino di tacchino
4 carote
4-5 topinambur
1 bustina di zafferano
sale
olio evo
2 scalogni
1/2 bicchiere di champagne
1/2 bicchiere di acqua

Procedimento:

Pulire gli scalogni e tagliarli a rondelle sottili, metterli in un tegame con dell'olio.
Pulire i topinambur , tagliare anch'essi sottili ed unire allo scalogno insieme alle carote, anch'esse pulite e tagliate a pezzi piccoli.

Unire i bocconcini di tacchino e lasciar rosolare uniformemente.

Aggiungere lo champagne e lasciar evaporare a fiamma alta; quindi unire l'acqua e lasciar cuocere a fuoco medio per 20 minuti.

A cottura ultimata, aggiungere il nostro oro giallo, ovvero lo zafferano, mescolando bene prima di togliere dal fuoco e servire caldo.





............... E buon appetito!!
1 commenti

Quadrotti di cocco, cacao e nocciole con il latte di soia

E continuo il mio viaggio alla ricerca di nuove ricette, dolci e salate, per il mio piccolo topino prive di latte, uova e derivati.....

E sebbene si trovano tremila ricettari per celiaci e vegani (ricette che rispecchiano bene le nostre necessità), realizzare questi dolci e poi riscontrare un buon sapore, non è molto semplice: la pasticceria italiana ha come ingradienti base prorpio il latte vaccino e le uova ...... e il risultato finale lo sappiamo tutti, sono delle delizie fantastiche per il palato!!!

Sostituire il latte vaccino con il latte di riso e di soia è facile, ma sicuramente si avrà un sapore tutto nuovo....

Tra questi nuovi sapori, ce n'è uno che prticolarmente ha riscontrato un buon apprezzamento nelle mie cavie: i colleghi di papo, il mio topino e la mia amica nonchè maestra di Ricky!!

Si tratta di un mix esotico di sapori: dal fresco gusto del cocco, al sapore avvolgente del cacao amaro, alla nota corposa del latte di soia.....





Ingredienti:
(per una tortiera da 24 cm)

500 gr di farina 00
50 gr di fecola di papate
70 gr di farina di cocco
50 gr di cacao amaro in polvere
50 gr di nocciole triatate
400 gr di zucchero grezzo di canna
400 ml di latte di soia Alpro
50 ml di olio di semi
1 bustina di vanillina
1 buistina di lievito per dolci
zucchero a velo per decorare





Procedimento:

In un pentolino far scaldare il latte con l'olio di semi; quindi togliere dal fuoco.

In una capiente terrina, setacciare la farina 00 con la fecola di patate, la vanillina, il cacao ed il lievito per dolci.

Unire il cocco, lo zucchero e la granella di nocciole e mescolare.
Versare a filo il latte caldo con l'olio ed iniziare a mescolare utilizzando uno sbattitore elettrico.

Versare in uno stampo ricoperto da carta da forno ed infornare (forno già caldo) a 180° per 30 minuti circa.

Prima di sfornare il dolce, fare sempre la prova dello stecchino!

Quando il dolce è cotto, togliere dal forno e lasciar raffreddare completamente prima di toglierlo dallo stampo e tagliarlo a quadrotti.

Disporli sul piatto da portata e decorare con lo zucchero a velo.




NB: questa ricetta si presta bene per la realizzazione di diversi dolci cambiando il tipo di farine e latte (latte di soia/riso, farina 00/farina di riso/di soia) mantenendo invariate le dosi;
oppure diminuendo il latte di 100 ml se si diminuisce la parte solida (se cioè si vuole un dolce "base" senza nocciole, cocco e cacao) 



Delzie & ConfidenzediSabrinaDesign byIole