In evidenza

5 commenti

Torta di compleanno a forma di pallone

.... ed eccoci alla torta/regalo per il compleanno di papo:

una torta per lui, per la sua passione del pallone!!










Ingredienti:

per la cake al cacao
4 uova
150 gr di burro morbido
300 gr zucchero
270 gr farina 00
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
200 ml di latticello
(200 ml di latte + 1 cucchiaio di aceto di mele)
4 cucchiai di cacao amaro in polvere

per la farcia
500 gr mascarpone
500 ml panna di soia
150 gr zucchero

per decorare
pasta di zucchero nera
pasta di zucchero bianca
colorante verde pistacchio in polvere


attrezzi indispensabili:
stampo forma 1/2 palla
sac a poche
beccuccio a stella
1 pennarello alimentare nero




Procedimento:

Imburrare e infarinare lo stampo.
Accendere il forno a 180°C.

Preparare le cake:
Montare il burro ben morbido con lo zucchero fino a formare un composto spumoso e bianco.
Setacciare la farina ed il lievito.

Aggiungere uno alla volta le uova le uova al composto di zucchero e burro e far assorbire completamente prima di inserire il successivo.
Alternare l'inserimento delle uova con l'aggiunta di qualche cucchiaio di farina.

Preparare il latticello aggiungendo al latte l'aceto di mele e lasciar riposare qualche istante, quindi mescolare ed aggiungere la vanillina.

Unire gli ingredienti liquidi al composto dopo aver terminato con le uova e la farina.

Riempire lo stampo e infornare per 35, 40 minuti.

Fare sempre la prova dello stecchino!

Lasciar raffreddare completamente prima di sformare per evitare di rompere la torta.

Nel frattempo preparare la farcia:
Montare la panna ben ferma.
In altra ciotola mescolare il mascarpone con lo zucchero con le fruste elettriche, quindi unire la panna montata.

Lasciar da parte 1/3 della crema ottenuta che servirà poi per decorare di verde la base dove appoggiare la torta.

Comporre il dolce:

Una volta raffreddato completamente, sformare la torta dallo stampo e tagliarla in due strati.

Riempire ogni strato con la farcia preparata precedentemente e ricomporre la palla.






Decorare la torta:

Ricoprire tutta la torta con la farcia rimasta.

Sul piano da lavoro ben spolverato da amido di mais, iniziare  a lavorare la pasta di zucchero bianca con il mattarello fino a stenderla in uno strato sottile.

Ricoprire la torta con la pasta di zucchero, farla aderire bene alla torta; quindi tagliare la pasta in eccesso.

Ricavare un pentagono da un cartoncino (se non si ha a disposizione uno stampo) e ritagliare alcune sagome pentagonali dalla pasta di zucchero nera stesa in uno strato sottile.


Iniziare ad applicare un pentagono alla volta sul pallone, e formare le righe che lega l'uno all'altro con il pennarello alimentare nero.


Completata questa operazione, decorare il "prato":



aggiungere alla farcia lasciata da parte un pò di colorante in polvere verde pistacchio e amalgamare bene (poco alla volta fino al raggiungimento del colore desiderato).




Versare la farcia colorata nel sac a poche con beccuccio a stella, e formare così tanti ciuffi stretti intorno al pallone fino a riempire completamente la base d'appoggio della torta.




..... Ed il gioco è fatto !!!





1 commenti

Lasagne bianche ai formaggi


....e passiamo al secondo primo del menù "il compleanno di papo": 


Lasagne bianche ai formaggi






Ingredienti:
(per 6 persone)

2 confezioni di pasta per lasagna
oppure preparare la pasta all'uovo seguendo la ricetta che trovate qui
200 gr di salsa besciamella
150 gr di gorgonzola dolce
400 gr di fiordilatte
200 gr di emmental
100 gr di parmigiano grattugiato


Procedimento: 

Preparare la besciamella secondo la ricetta che trovate qui e appena pronta, aggiungere il gorgonzola a pezzetti e farlo sciogliere nella besciamella.

Tagliare la mozzarella e l’emmental a pezzetti.

Disporre sul fondo della pirofila un mestolo di questa besciamella e iniziare a disporre uno strato di pasta.
Ricoprire con i formaggi a pezzetti e una spolverata di parmigiano.
Continuare con gli strati fino a esaurimento degli ingredienti.
Terminare con uno strato di pasta, di besciamella e una spolverata di parmigiano.
Infornare per 20 minuti a 200° circa.






1 commenti

Lasagna al ragù ricco


...... ancano ancora poche ricette per completare il "famoso" menù de "il compleanno di papo",

e per non tirarla ancora troppo alle lunghe, visto che ormai il tempo che posso passare qui con voi

è misurabile con il contagocce, meglio se procedo con rapidità una ricetta dopo l'altra!!

Ed ecco uno dei due primi:

Lasagne al ragù ricco





Ingredienti :
(per 4 persone)

300 gr. di lasagne all’uovo
oppure preparare la pasta all'uovo seguendo la ricetta che trovate qui
parmigiano grattugiato q.b.
2 mozzarelle

per la salsa besciamella:
50 gr. di burro
50 gr. di farina
Mezzo litro di latte
Sale q.b.
Pepe q.b.
Noce moscata (facoltativa) 1 pizzico

per il ragù ricco:
300 gr di salsiccia di maiale magra
600 gr di carne di manzo tritata
100 gr di mortadella
50 gr di sedano, carote e cipolle tagliate a cubetti
1 lt di passata di pomodoro
1 bicchiere di vino rosato
1 foglia di alloro
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
Sale q.b.
Pepe nero q.b.

Preparazione:

Prepariamo il ragù:
Spellare la salsiccia e sbriciolarla in una terrina.
Quindi unire la carne di manzo tritata e mescolare tutto insieme.
Versare nella pentola a pressione l’olio extravergine di oliva ed unire il misto di verdure per soffritto.
Far cuocere per qualche minuto e poi aggiungere la carne.
Farla rosolare mescolando con un forchettone di legno facendo in modo che durante la cottura si sbricioli e non formi dei grumi di carne.
Quando la carne si è rosolata, versare il vino rosato e farlo sfumare a fiamma medio-alta mescolando spesso.
A questo punto unire la passata di pomodoro e la foglia di alloro.
Mescolare e poi regolare di sale e aggiungere una generosa macinata di pepe nero.
Mescolare ancora, quindi coprire la pentola, abbassare a minimo la fiamma e e lasciar cuocere per almeno 40 minuti.
Trascorso il tempo, spegnere il fuoco.
Il ragù è pronto!

Prepariamo la salsa besciamella:
Mettere il latte in un pentolino e portalo a bollore.
Far sciogliere il burro in una casseruola e poi unire la farina.
Rimescolare in continuazione con un cucchiaio di legno e far cuocere per pochi minuti.
A questo punto unire il latte bollente e continuare a girare con una frusta a mano per eliminare ogni grumo.
Aggiustare di sale e pepe.
Unire la noce moscata.

Preparare la lasagna:
Mettere sul fondo di una pirofila un mestolo di salsa besciamella e due mestoli di ragù.
Mescolarli insieme e poi fare un primo strato di lasagne.
Cospargerle con un mestolo di besciamella, due mestoli di ragù, la mozzarella tagliata a cubetti e una spolverata di parmigiano.
Ripetere l'operazione formando lo strato di pasta, poi le salse,  fino a esaurire le lasagne a disposizione.
Terminare con l’ultimo strato di besciamella e ragù,  una spolverata abbondante di parmigiano grattugiato in modo che con la cottura  le lasagne vengano ben dorate.
Mettere la pirofila in forno caldo a 200° e lasciar cuocere per 30 minuti.
A cottura ultimata estrarre la pirofila dal forno e lasciar riposare per una decina di minuti.
Impiatta e servire.



Buon appetito!!!!!
0 commenti

Seitan con miglio e bacche di goji

Oggi sono felice di presentarvi la mia nuova collaborazione 
con un altro grande nome che rappresenta con i suoi prodotti
la bontà e la genuinità :





Prima di presentarvi il piatto realizzato con un loro prodotto meraviglioso, 
voglio riportarvi un pò della loro storia:

"Nuova Terra è il marchio toscano da oltre vent’anni sinonimo di alimentazione naturale. Con i suoi mix per zuppe e minestre, i cereali biologici e un’ampia gamma di semi oleosi, è un punto di riferimento per chi vuole mangiare in modo sano, buono e giusto.
Dal 1989 i prodotti Nuova Terra regalano al consumatore l’opportunità di seguire un’alimentazione naturale soddisfando ogni bisogno o desiderio: cereali, legumi, zuppe, minestre, prodotti Linea Bio, dedicati a chi sceglie uno stile di vita sostenibile e una Linea Gluten Free, dedicata a chi non vuole rinunciare al gusto quando deve seguire una dieta specifica per motivi di salute.
Cereali, legumi, semi, sono alla base di un’alimentazione bilanciata ed ecocompatibile, antica come la dieta mediterranea e moderna come le ultime scoperte nel campo della corretta nutrizione, che privilegiano il consumo di grani integrali, legumi e verdure rispetto a grassi e proteine animali.
Nuova Terra offre una vasta gamma di ingredienti e sapori da riscoprire, proposti secondo le esigenze della vita contemporanea: prodotti porzionati contro lo spreco, cotture veloci, miscele pratiche ed equilibrate – dal sapore tradizionale o etnico, la comodità della distribuzione in tutti i supermercati.
Nuova Terra è inoltre da sempre impegnata nel rispetto dell’ambiente e dei lavoratori, dei luoghi di produzione e di tutta la filiera, per la massima qualità nutrizionale, sociale e ambientale di ogni prodotto.
Dal 2012 il marchio Nuova Terra è entrato a far parte del gruppo Drogheria & Alimentari, storica azienda italiana del settore alimentare."

 E dopo questi piccoli cenni sulla storia di Nuova Terra
passiamo al piatto realizzato con un alimento eccezionale quale il miglio.


A questo piatto ho voluto aggiungere il prodotto di un'altra collaborazione: le bacche di goji.
 Sono due nomi importanti per un'alimentazione naturale e sana ..... 
e spero non me ne vorranno 
se ho lavorato con entrambe 
per realizzare questo piatto "tutta salute" e bontà!





Seitan con miglio

  e bacche di goji







Ingredienti:
(per 4 persone)

1 conf. di seitan alla piasta
(tot. 4 seitan)
1 peperone giallo
1 peperone rosso
la buccia di mezzo limone
3 cucchiai di panatura di mais tostato 
1 ciuffo di prezzemolo
1 zucchina
2 carote
1 scalogno
3 foglie di lattuga
20 gr di bacche di goji
160 gr di miglio Nuova Terra
olio evo
sale


Procedimento:

Arrostire i peperoni in forn, quando saranno cotti pelarli eliminando il picciolo e i semi.

Nel frattempo cuocere il miglio in abbondante acqua salata per 40 minuti, scolare e lasciare da parte.

Nel frattempo mondare le altre verdure e tagliare le foglie di lattuga, lo scalogno, le carote e le zucchine a dadini e far cuocere in una padella con due cucchiai di olio e due bicchieri di acqua. Aggiustare di sale e far cuocere a fuoco medio coperto.
A fine cottura aggiungere le bacche di goji ed il miglio; mescolare bene per far insaporire.

Preparare una salsina con della panatura di mais con il prezzemolo tagliato piccolissimo, la buccia del limone e un pò d'olio; mescolare e ricoprire ogni fetta di seitan con questa salsa.




Tagliare il seitan a fette sottili e avvolgere la fetta di seitan con una striscia di peperone.

Disporre in una pirofila leggermente oleata e, con l'ausilio di un coppapasta, versare su ogni fetta di saitan  due o tre cucchiai dei miglio e verdure.





Infornare a 160° per 15 minuti e gustare caldo .... o freddo secondo preferenze!


1 commenti

Spatzle di spinaci con crema di riso e bacche di goji

Oggi vi parlo della mia nuova collaborazione con la  Goji Shop Lindenberg.



 Ho avuto modo di conoscere queste bacche durante una dieta: era uno degli alimenti consiglieti per la prima colazione.

Quanti di voi hanno sentito parlare delle bacche di Goji?
In realtà è già da diverso tempo che circolano idee a volte anche errate circa le proprietà di queste
bacche selvatiche.
Ma che cosa hanno di speciale tanto da essere addirittura pubblicizzate dal mondo dello spettacolo?

Le bacche di goji, sono conosciute e apprezzate per le loro proprietà benefiche già da millenni. In inglese sono conosciute anche come wolfberry, le bacche del lupo, mentre la parola goji viene da una storpiatura del termine cinese che indica le bacche.Il Goji, dal nome latino Lycium Barbarum, proviene dalla Mongolia interna ed è un arbusto deciduo perenne della famiglia delle solanacee (stessa famiglia di melanzane, pomodori, patate, peperoncino e peperoni) che cresce su viti rampicanti.

Nel paese della Grande Muraglia queste bacche sono considerate da più di 2000 anni come un alimento molto gradito ed un rimedio naturale che aiuta a mantenere l'organismo in buono stato di salute, tanto da meritarle il nome di "frutto della longevità".
Infatti le popolazioni della Cina del Nord e della Mongolia Interna - grazie al loro stile di vita e alle loro abitudini alimentari - sono tra le più longeve del mondo e tra le meno soggette alle cosiddette malattie del benessere, quali malattie cardiovascolari e tumori. La loro dieta quotidiana è arricchita delle bacche di Goji, che fra tutti i frutti della terra rappresentano un vero prodigio, dei potentissimi antiossidanti.
Questi frutti portentosi rappresentano un concentrato assoluto delle caratteristiche del suolo su cui crescono e una fonte nutrizionale completa per l'organismo umano, ricchissimi di sostanze nutrienti quali vitamine C ed E e minerali dalle note proprietà.

La varietà migliore è quella “Xing Dal” poiché coltivata in una zona sottoposta ad alti sbalzi termici, su un terreno non contaminato, in modo artigianale e senza l’uso di macchinari. Tutto ciò fa sì che le proprietà nutritive delle bacche di goji rimangano il più possibile ricche e inalterate.

I tesori nascosti di queste piccole bacche rosse: proteine, lipidi (compresi gli omega 3 e gli omega 6), carboidrati, zuccheri, sodio, calcio, rame, ferro, fosforo, manganese, potassio, magnesio, zinco, cromo, fibre, vitamina C, vitamina E, carotene, amminoacidi, vitamina B1, luteina, germanio.
Ma quali sono i benefici delle bacche di goji? Tutti questi componenti cosa comportano?
Di omega 3 e 6 tutti sanno che sono importanti per regolare la pressione sanguigna, il colesterolo e i trigliceridi. 
Il calcio, ce lo dicevano anche le nostre nonne, è importante per le ossa e i denti. Ferro, fosforo, rame e manganese sono minerali importanti per il metabolismo; mentre potassio e magnesio, come sanno bene gli sportivi, sono importantissimi per aiutare il tessuto muscolare ad aumentare la resistenza; infine zinco e cromo sono un grande aiuto nelle diete perché favoriscono il metabolismo dei nutrienti principali della dieta.
Le vitamine contenute nelle bacche di goji, in particolare la vitamina C che pare sia contenuta in quantità più elevate che nelle arance, proteggono dai radicali liberi e dall’ossidazione. Infine la luteina è importantissima per gli occhi. Ecco perché in Oriente sono conosciute come “bacche della lunga vita”!

Come sempre però è bene non abusarne: la quantità giornaliera consigliata è 30 grammi, pari a circa tre cucchiai, per gli adulti. Mentre per i bambini la dose scende e si misura in cucchiaini: da uno a tre al giorno.

Inoltre è molto importante parlare col proprio dietologo o col proprio medico curante, sia nel caso in cui si stia seguendo una dieta particolare, sia, soprattutto, se si è in terapia per il diabete, per l’ipertensione, o con farmaci anticoagulanti. Non sono indicati nemmeno per persone con chiara allergia ai pomodori.

Detto questo, consumare quotidianamente le bacche di goji è semplicissimo: si trovano in commercio soprattutto essiccate, somigliano a uva passa di un rosso intenso, il gusto è dolce e vagamente aspro, come i frutti di bosco, potete aggiungere le bacche di goji al muesli al mattino, allo yogurt, alle insalate miste, alle minestre, potete scaldarli a bagnomaria o semplicemente consumarli come snack mangiando direttamente le bacche. Si possono consumare anche fresche, ma sono più difficili da reperire.
Le ricerche scientifiche confermano le proprietà benefiche delle bacche di goji, mentre non è altrettanto provato che i prodotti derivati dalle bacche, come per esempio il succo, abbiano gli stessi effetti positivi sulla salute.
Per le alte capacità antiossidanti sono usate nel trattamento e nella prevenzione del cancro, per la presenza di carotene e minerali e luteina sono indicate per migliorare la salute degli occhi e infine, in generale, risollevano il tono della salute in generale, alcuni arrivano ad affermare che sia un toccasana anche per la vita sessuale.

Ormai trovare in commercio le bacche essiccate o prodotti da esse derivate è semplice, potreste però decidere di coltivarle da soli: il momento ideale per pinatare i semi (che si trovano nei vivai oppure online) è primavera; oppure, se avete meno pazienza, potrete trovare anche le piantine già cresciute da travasare. Il travaso va eseguito con le radici umide, in un terreno che scoraggi i ristagni (terreno sabbioso o fondo di ghiaia se coltivata in vaso). Preferisce un’esposizione al sole, per far sì che i frutti siano molto ricchi di principi attivi. Fiorisce da maggio a luglio, il raccolto va effettuato a fine estate, quando le bacche sono completamente mature. Vanno poi essiccate al sole e conservate in un barattolo di vetro scuro a chiusura ermetica, oppure negli stessi sacchetti in cui si trovano in commercio: alluminio e chiusura ermetica.

 E il primo piatto che ho voluto creare con questo alimento così ricco e pieno di qualità, è un primo totalmente privo di proteine di origine animale, un piatto "tutta salute" !!


Spätzle di spinaci 

con crema di riso e bacche di goji





Ingredienti:
(per 4 persone)

per gli spatzle
300 gr di spinaci lessati
300 gr di farina 00
1 bicchiere di acqua
noce moscata q.b.
sale q.b.

per il condimento 
30 gr di bacche di goji
200 gr di crema di riso
1/2 scalogno
1 cucchiaio di olio evo

Preparazione:

Tritare gli spinaci  e mettere in un frullatore assieme  all’acqua, alla noce moscata e al sale; frullare gli ingredienti e ridurli in una crema liscia.

Versare il composto di spinaci in una ciotola  e, poco alla volta, aggiungere la farina mescolando continuamente per amalgamare il tutto; quindi lasciar riposare qualche minuto.

Mettere a bollire dell’acqua sul fuoco e, nel frattempo,preparare il condimento:
tritare lo scalogno e versate  in una padella con un cucchiaio d'olio evo e lasciar appassire a fuoco basso.

Nel frattempo porre le bacche di goji nel frullatore e ridurre in polvere frullando con velocità auto pulse




 ed unire allo scalogno appassito insieme a due cucchiai di acqua.




Togliere la padella dal fuoco, mescolare e unire la crema di riso. Amalgamare bene.




Porre l’impasto degli spätzle in uno schiacciapatate con i fori grossi e spremere l'impasto direttamente sopra la pentola di acqua in ebollizione  per fare fuoriuscire gli "gnocchetti".




Gli spätzle che cadranno nell’acqua bollente , saranno cotti quando riaffioreranno in superficie (pochi minuti); quindi prenderli con una schiumarola, scolarli bene e trasferirli nella padella per farli saltare per pochi secondi nel condimento di crema di riso e bacche di goji.




Sevire gli spätzle ben caldi

1 commenti

Muffin salati con formaggio e mortadella


E continuiamo con le portate del menù de "il compleanno di papo" con questi muffin semplici, veloci, e di gran successo. 

Una versione salata ricca di gusto e di sapore, ottimi in ogni occasione e da preparare con gli ingredienti più svariati.






Ingredienti:
(per 6 muffin)

130 gr di farina 00
50 gr di parmigiano grattugiato
1/2 bustina di lievito
100 ml di latte
1 uovo
30 gr di burro
1 cucchiaino di sale
100 gr di mortadella in un'unica fetta
100 gr di formaggio semi duro (a piacimento)



Preparazione:

In una ciotola mescolare l'uovo con il latte, il burro e il sale. A parte mescolare la farina, il parmigiano e il lievito.

Aggiungere nella ciotola della farina la mortadella e il formaggio a pasta semi dura tagliati a dadini, mescolare il tutto e aggiungere al composto liquido.

Mescolare bene l'impasto e versare nei pirottini per muffin.

Infornare in forno già caldo a 180°C e cuocere per 20 minuti.

Lasciar intiepidire prima di servire

 
Delzie & ConfidenzediSabrinaDesign byIole