Pappa al pomodoro delle feste

La pappa col pomodoro è un piatto povero della cucina toscana, di origine contadina, un primo piatto preparato con pane raffermo, pomodori pelati, aglio, basilico e abbondante olio extravergine di oliva, che veniva realizzato come piatto di recupero del pane avanzato.

Ottima d’inverno come zuppa calda, la pappa al pomodoro è altrettanto invitante e gustosa d’estate, da gustare con un ottimo (e abbondante) olio extravergine d’oliva e foglie di basilico fresco.
Come spesso succede con i piatti semplici, poveri e/o di recupero,  anche la pappa al pomodoro ha subito delle piccole varianti applicate da ogni famiglia, come per esempio, l’aggiunta di un soffritto, o l’accostamento ad altri ingredienti per presentarla non più come piatto “povero”, ma un piatto ricco; servito non solo come primo piatto ma anche in un finger food, o come piatto unico.
Quella che vi propongo oggi è la mia rivisitazione della pappa al pomodoro, arricchita negli ingredienti. Una pappa al pomodoro ricca, festosa!
Nell’attesa che arrivino a maturazione i pomodori di casa, a sostituirli egregiamente ha pensato Pomì con i suoi pomodori a cubetti.
pappa al pomodoro
Ingredienti:
(per 4 persone)
800 gr di pomodoro a cubetti Pomì  
300 gr di pane raffermo toscano (o pane sciapo)
300 gr di brodo vegetale 
pappa al pomodoro1 cucchiaio mix per soffritto
(carota, cipolla, sedano a cubetti)
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva 
2 spicchi di aglio
1 cucchiaino di zucchero
sale q.b.
pepe q.b.
basilico fresco q.b.
3-4 filetti di acciuga
4 mozzarelline di bufala
Preparazione:
Preparare il brodo vegetale e mantenerne una leggera bollitura fino al completo utilizzo.
Tagliare a fette il pane raffermo, disporle sulla leccarda rivestita da carta forno, e far tostare in forno già caldo a 200° per qualche minuti (modalità ventilata). 
Estrarle dal forno e lasciar raffreddare. Quando saranno intiepidite strofinarci sopra gli spicchi di aglio preventivamente sbucciati.
In una padella antiaderente dai bordi alti, versare un cucchiaio di olio e il mix per il soffritto; quindi unire le fette pane tostate e strofinate con l’aglio. 
Far insaporire qualche istante il pane, unire i filetti di acciuga e ridurli in purea con i rebbi della forchetta,  e versare il pomodoro a cubetti Pomì* ed il brodo bollente fino a ricoprire completamente le fettine di pane. 
Aggiungere lo zucchero e unire del basilico spezzettato con le mani.
pappa al pomodoro
Mescolare, salare, pepare e lasciar cuocere a fuoco basso per almeno 40 minuti, aggiungendo di tanto in tanto il brodo caldo rimanente, e continuando a mescolare ogni tanto.
A cottura terminata, il risultato finale deve essere una zuppa abbastanza ristretta.
Far raffreddare la pappa al pomodoro e distribuirla nei bicchieri da finger food.
Tagliare a cubetti le mozzarelline di bufala e distribuire nei bicchieri con la pappa al pomodoro.
Completare con un trito fresco di basilico e abbondante olio extravergine d’oliva crudo.
pappa al pomodoro
 *Se avete scelto di usare i pomodori maturi, lavateli bene sotto abbondante acqua corrente, praticategli una piccola incisione a croce, e scottateli per pochi minuti in un pentolino con acqua bollente.
Passati pochi minuti scolateli, e proseguite sbucciandoli ed eliminando i semi che troverete all’interno dei pomodori.
Infine, tritateli non troppo grossolanamente con un coltello o una mezzaluna.

4 Commenti

  1. Ma è la panzanella? Non ho ancora capito l differenza essendo preposizioni non appartenenti al mio territorio comunque … LA VOGLIO

    • Simo, devi assolutamente venirmi a trovare e ti faccio provare entrambe!! 😉 la panzanella è diversa, ma tra le due non saprei dirti quale preferisco….
      Bacione grande

  2. Ne ho sentito parlare e più volte ma non ho mai avuto modo di assaggiarla!Si tratta sicuramente di un piatto gustosissimo e non immagini quanto mi piacerebbe assaggiarlo e l'acquolina incredibile che mi ha fatto venire!;).
    Grazie mille per la condivisione e i miei migliori complimenti!:).
    Un bacione:)).
    Rosy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*