Ciambelle e bombolotti fritti senza patate

Benritrovati con la Rubrica Il Granaio-Baking Time, il primo appuntamento per questo nuovo anno con tutti gli amanti dei lievitati (e di tutti quei prodotti da forno) che amano mettere le mani in pasta.

Come lo scorso anno, anche per questo 2019 la rubrica offre due panieri mensili (primo e terzo giovedì del mese) ricchi di ogni bontà, con ricette correlate da spiegazioni passo passo, per offrire a tutti la possibilità di replicare la ricetta in tutta semplicità, anche per chi è meno esperto.

Dopo i grandi lievitati del Natale e del Capodanno, la mia proposta odierna è meno impegnativa, ma sempre golosa: delle ciambelle fritte senza patate, semplici e veloci da realizzare e, con lo stesso impasto, dei bombolotti ripieni di Nocciolata, una deliziosa crema alle nocciole Rigoni di Asiago, realizzata con ingredienti biologici selezionati e certificati di alta qualità.

Una variante delle classiche ciambelle fritte (che vuole tra gli ingredienti l’utilizzo di patate lesse), queste ciambelle sono favolose anche cotte in forno per una versione ancor più leggera.

Ciambelle e bombolotti fritti senza patate

Ingredienti

Per 20 pezzi circa

  • 250 ml di latte vegetale (io alle nocciole)
  • 20 gr di lievito di birra fresco
  • 300 gr di farina 00
  • 300 gr di farina Manitoba
  • 70 gr di fecola di patate
  • 80 gr di zucchero semolato+necessario per decorare
  • 2 uova
  • la buccia grattugiata di 1 arancia
  • la punta di un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 80 gr di olio di girasole
  • Nocciolata Rigoni di Asiago q.b. per farcire
  • olio di arachide q.b. per friggere

Procedimento

  1. Scaldare il latte in un pentolino senza portarlo all’ebolizzione. Togliere dal fuoco e sciogliere dentro il lievito di birra fresco sbriciolato insieme allo zucchero. Far sciogliere perfettamente il lievito e mescolare con una forchetta fino a quando non si sentiranno più neanche i granelli di zucchero che sarà completamente sciolto.
  2. Versare il latte con il lievito e lo zucchero sciolti in una capiente ciocola, ed unire la buccia dell’arancia, la vaniglia, l’olio e le uova. Mescolare il composto con una frusta a mano o con una forchetta.
  3. Setacciare le due farine con la fecola di patate, e incorporare poco alla volta al composto di liquidi, avendo cura di far incorporare bene le polveri prima di aggiungerne altre.
  4. Quando l’impasto diventa sodo e difficile da lavorare con la friìusta a mano, trasferirlo sul piano lavoro infarinato, e impastare energicamente con le mani continuando ad aggiungere le polveri sempre poche alla volta, fino ad esaurimento delle stesse.
  5. Lavorare fino ad ottenere un composto elastico ed omogeneo che non appiccica più alle mani; quindi porre nuovamente nella ciotola infarinata e lasciar lievitare almeno 1 ora, ben coperto con pellicola alimentare, in un luogo caldo ed asciutto.
  6. Trascorso il tempo di lievitazione, il composto avrà raddoppiato il suo volume. Capovolgerlo sul piano lavoro infarinato e, con l’aiuto di un mattarello, stenderlo ad uno spessore di 1 cm circa.
  7. Con l’apposito coppapasta per ciambelle ritagliare su metà impasto le ciambelle con il buco, e sul restante impasto ritagliare dei dischi senza buco (in alternativa si possono ritagliare le ciambelle utilizzando il bordo di un bicchiere grande per le ciambelle, ed una tazzina o un tappino per formare il buco centrale).
  8. Ritagliare tanti quadrati di carta forno tanti sono i pezzi di ciambelle e bombolotti ricavati dall’impasto; quindi adagiare ogni pezzo su un quadrato di carta forno e posizioniamoli nella teglia, lasciandoli distanziati tra loro (questo ci faciliterà nel maneggiare le ciambelle ed i bombolotti senza sformarli nei vari passaggi  dal piano lavoro, alla nuova lievitazione, ed alla cottura finale)
  9. Impastare nuovamente i ritagli di impasto, stenderlo e ricavare altre ciambelle e bombolotti. Procedere fino ad esaurimento dell’impasto.
  10. Coprire le teglie con della pellicola alimentare e lasciar lievitare nuovamente per 1 ora, sempre in un luogo caldo ed asciutto.
  11. Trascorso il tempo di lievitazione, portare a temperatura l’olio di arachide in una capiente padella.
  12. Quando l’olio sarà ben caldo, adagiare tre o quattro ciambelle (o bombolotto) nella padella con tutto il quadrato di carta forno che andremo ad eliminare con una piza dopo qualche secondo (in questo modo, la forma delle ciambelle e dei bombolotti non viene rovinata)
  13. Girarle più volte fino a quando non risultano ben dorate.
  14. Nel frattempo, prepariamo un piatto con dello zucchero semolato ed uno con della carta assorbente: una volta pronte, togliere le ciambelle dall’olio e adagiarle nel piatto con la carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso, quindi porle nel piatto con lo zucchero semolato lasciando che le ricoipra su tutti i lati. Infine, adagiare nel piatto da portata.
  15. Scaldare a bagnomaria la Nocciolata e, una volta raggiunta una consistenza più liquida, versarla in una siringa da pasticcere con beccuccio a siringa (lungo e fino); quindi procedere con il riempimento dei bombolotti.

NB: Se si vuol preparare delle ciambelle al forno, evitando così la frittura, una volta lasciate lievitare nelle teglie, procedere con la cottura in forno preriscaldato a 180°C per 10-15 minuti, modalità statica (in modalità ventilato abbassare la temperatura a 160-170°C sempre per 10-15 minuti). Una volta pronte, spennellarle con dell’acqua (per preservarne la morbidezza) e spolverare con dello zucchero a velo.

Scopriamo insieme le altre delizie del paniere di oggi:

Il Granaio - Baking Time
Il Granaio – Baking Time

Carla: Panettoncini al cacao
Monica: Ciambella dei Re Magi
Simo: Brioche sofficissima con uvetta e cranberry (senza uova)

Ciambelle e bombolotti fritti senza patate

Se provi una mia ricetta e pubblichi una foto su Instagram o altri social, ricordati di taggare  @delizieeconfidenze  e di utilizzare l’hashtag #delizieeconfidenze : sarò felicissima di inserirti nella raccolta “Fatte da voi” e di condividerlo a mia volta!

Per non perdere nessuna ricetta, e per riceverle via email, iscriviti QUI .

Se ti va, metti il tuo “mi piace” QUI e seguimi anche sulla pagina Facebook.

Non dimenticarti di Istagram! Puoi seguirmi cliccando QUI

Mi trovi anche su TwitterPinterest e Google+.

Segui anche il mio canale Youtube e iscriviti.

Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato sulle novità: torvi il format nella home.

E se hai un argomento da proporre, un approfondimento da chiedere, o per dire la tua su tematiche già esposte, ti aspetto QUI sul forum.

10 Commenti

  1. Buon anno!!! Si ricomincia…
    I miei figli farebbero la ola con le tue ciambelle…
    Adoro lo zucchero che si appiccica alle dita mentre mangi la ciambella!!! 😛

    Un abbraccio grande
    Moni

  2. Sono irresistibili! Per me quello citte al forno grazie! Però visto che poi mi rimane il dubbio su quelle fritte … uhm … assaggerei anche una di quelle ☺️… buona befana 🧹 Sabri!

  3. Ma che belli questi frittini, ho proprio un languorino che si placherebbe “quasi” subito con un paio di loro! Ciao Sabri a presto 😉

  4. Ma che buone queste ciambelline! Nonostante tutti i pasticci delle feste a me la voglia di dolce non è ancora passata e ora una me la mangerei proprio volentieri. Brava, ottima proposta.

  5. Sono a bocca aperta!!! Delle ciambelle golosissime ed irresistibili ^_^
    Un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.