owl sandwich

Owl Sandwich: il panino gufetto per la merenda dei bambini

+1

“Owl sandwich” è un panino che (ritagliato e decorato) riproduce un grazioso e simpatico gufetto. E’ un panino divertente, farcito con ingredienti salutari per la merenda o il pranzo dei più piccoli.

Sono perfetti anche da portare a scuola o per un pasto all’aperto.

Quella di preparare dei piatti divertenti e allegri per i bambini è una scelta adottata da molte mamme per avvicinare i propri figli a nuovi sapori e invogliarli al consumo di alcuni alimenti altrimenti rifiutati come verdure (nella maggior parte dei casi) ed anche frutta (in alcuni casi).

E’ un tema che sta molto a cuore anche a noi della Rubrica Al km 0, tanto da decicare il menù odierno alla cucina per i bambini con piatti allegri, sani e soprattutto simpatici.

E poi diciamolo, anche per noi grandi, è un divertimento prepararli, e con un pò di allegria a tavola ne giova anche il nostro umore!

Animal food art

Si chiama “animal food art” (o “animals made out of food”) ed è l’arte di realizzare degli animali con il cibo, di riprodurre la forma di un animale nel piatto.

Il cibo diventa protagonista fondamentale, viene ritagliato, intarsiato e combinato con altri ingredienti (ritagliati e/o intarsiati a loro volta) per dare vita al’animale, ricreare la forma di un animale.

L’ ingrediente camuffato del mio panino

Sebbene mi sia sempre ritenuta una mamma fortunata poichè il mio ometto ha sempre mangiato di tutto ma, soprattutto, è sempre stato curioso di assaggiare nuovi piatti e nuovi sapori, anche lui ha dei cibi “off limits”, limiti dettati più dalla mente che dal gusto degli stessi.

Uno di questi è l’insalata: la maggior parte di ciò che si presenta come foglie verdi fa storcere il naso allo gnomolo, sebbene è consapevole che quei piattoni frullati che tanto gusta con amore, sono a base proprio di quelle foglie verdi!

Chiaro quindi che nel mio caso si tratta di un rifiuto mentale (chiamiamolo così). Ma quante come me? Credo moltissimo.

I bambini più degli adulti mangiano con gli occhi, ed una foglia di insalata è più triste e meno appetibile di altri cibi.

Ma ecco che la stessa insalata, presentata in maniera diversa o camuffata all’interno di altre preparazioni, rende l’insieme talmento buono da gustarlo con amore.

Ed è proprio l’insalata l’ingrediente che ho camuffato nel mio sandwich, tagliata finissima e aggiunta alla maionese, che è stata così apprezzata e gradita.

Gli altri ingredienti

Quando si prepara un pasto per i nostri bambini, l’attenzione al sano e genuino aumenta notevolmente. Si fa più attenzione allo scegliere prodotti provenienti da agricoltura biologica, possibilmente prodotti locali.

Per il mio sandwich ho preparato personalmente la maionese, utilizzando dell’olio di oliva di produzione familiare, ma ciò non vuol dire che non si possa utilizzare della maionese già pronta. Per un sapore più delicato, si può utilizzare dell’olio di semi di girasole (o metà e metà).

A completare il mio gufetto, l’aggiunta di carote e mela e dell’arrosto di tacchino.

Anche quest’ultimo può esser sostituito da dell’arrosto vario preparato in casa, delle frittatine, oppure utilizzare dell’affettato (come nel mio caso delle fette di tacchino arrosto).

Insomma, via libera alla fantasia, prediligendo quanto più possibile prodotti biologici, spaziamo con la combinazione di alimenti e poi pochi piccoli tagli sul pane et voilà: il sandwich più allegro al mondo è pronto!

Owl Sandwich: il panino gufetto per la merenda dei bambini

Recipe by Sabrina PignataroCourse: merenda, pranzo, snack, sandwich, panini, panini decoratiCuisine: cucina per bambini, animal food artDifficulty: facile
Servings

1

servings
Prep time

10

minutes
Cooking time

00

minutes

L’owl sandwich è un panino che (ritagliato e decorato) riproduce un grazioso e simpatico gufetto. E’ un panino divertente, farcito con ingredienti salutari per la merenda o il pranzo dei più piccoli.
Sono perfetti anche da portare a scuola o per un pasto all’aperto.

Ingredients

  • 2 fette di pane integrale per sandwich

  • 2 fette di fesa di tacchino arrosto

  • 2 foglie di lattuga

  • 1 carota

  • 1 scatoletta di tonno al naturale (75-80 gr)

  • 1/2 mela

  • Per la maionese (dose per 4 persone)
  • 200 gr di olio di oliva extravergine (dal sapore delicato)

  • 2 cucchiai di succo di limone

  • 1 uovo

  • sale (1 pizzico)

Directions

  • preparare la maionese
  • Per evitare che la maionese impazzisca, lavorare con ingredienti a temperatura ambiente, quindi utilizzare un uovo che sia stato torlo dal frigorifero almeno un’oretta prima della preparazione.
  • Nel bicchiere del frullatore ad immersione versare l’uovo ed aggiungere l’olio.
    Unire anche il succo di limone ed il pizzico di sale.
  • Immergere il frullatore ad immersione nel bicchiere, fino a toccare il fondo, e lavorare alla massima velocità gli ingredienti senza muovere il frullatore, fino a quando il composto inizia ad addensare.
  • A questo punto, con movimenti dal basso verso l’alto, muovere il frullatore e completare il lavoro fino ad ottenere una consistenza cremosa, densa e vellutata (ci vorranno circa 2-3 minuti).
  • La maionese è pronta per l’utilizzo.
    Conservare la maionese in frigorifero pe run massimo di 3-4 giorni.
  • Preparare il panino
  • Su un tagliere disporre le due fette di pane una sopra l’altra e, con l’aousilio di un coltello, ritagiare una “V” sul lato alto e centrale delle fette.
    Si formeranno quindi le orecchie del gufo.
  • Lavare e lasciar agocciolare bene l’insalata, quindi tagiare le foglie e metà e da ogni metà ritagliare delle striscioline sottilissime.
  • Sgocciolare bene il tonno.
  • Lavare ed asciugare la mela e la carota.
    Ritagliare delle fette tonde sottili di mela e fette con poco spessore di carota (2-3 mm).
  • In una ciotola mescolare un cucchiaio colmo di maionese con il tonno sgocciolato e l’insalata piccolissima.
    Mescolare accuratamente per amalgamare gli ingredienti.
    Se il composto risulta troppo asciutto, aggiungere altra maionese.
  • Distribuire metà del composto di maionese su una fetta di pane, coprire con l’affetatto (ripiegato così da non fuoriuscire dal panino), fette di mela e qualche rondella di carota.
  • Ricoprire con il restante composto di maionese e chiudere il panino con la seconda fetta di pane.
  • Decorare il gufo
  • Tostare le fette di pane e adagiare due fette di mela alla fine del taglio a “V” fatto sul pane: le fette di mela sono gli occhi del gufo.
  • Da una fetta di carota ricavare due tondi più piccoli da adagiare al centro delle fette di mela: questi piccoli tondi di carota servono per replicare la pupilla.

    Per dare un aspetto più realistico, al centro delle pupille si possono aggiungere le striscioline sottili e piccole di lattuga, una per pupilla.
  • I piedi del gufo sono realizzati da due fette di carote ritagliate, mentre il ramo su cui è poggiato è ottenuto con il pane ritagliato.
  • Anche il becco del gufo e ricavato ritagliando un triangolo da una rondella di carota.

Notes

  • Semplice, veloce e da farcire come più piace. E poi è allegro e gustoso!

Scopriamo insieme le altre proposte odierne:

Carla: Omini biscotto
Daniela: Funghetti di uova sode
Elena: Il bruco di polpette
Simona: Insalata di pasta integrale con pomodorini colorati

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook

Articoli correlati:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.

7 Commenti

    • Gufetto in arrivo per te mia cara amica! 😁😁
      Una ricetta-non ricetta versatile, pratica e semplice da preparare, che rallegra la tavola!

      0
  1. Troppo troppo carino!
    L’insalata credo sia poco gradita a tutti i bambini, ma infilata in un panino del genere diventa una delizia all’istante 🙂
    Un bacione

    0
  2. Verissimo Dany! Lo gnomolo ad esempio la mangia solo dietro “ricatto”, e non mi piace proprio come cosa! Invece così, tagliata piccola piccola e mescolata a salse, diventa addirittura golosa!

    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.