Ramequin di pane (ricetta senza lattosio)

Nuovo appuntamento con la Rubrica Idea Menù, tema di questo appuntamento: cucinare con il pane.

E sarà proprio il pane il protagonista delle nostre ricette, che dall’antipasto al dolce, andranno a formare il menù di questa uscita, dedicata ad uno degli alimenti più antico: il pane appunto! Un tempo era una sorta di focaccina piatta che veniva cotta su pietre roventi, che man mano con il cambiare degli usi (soprattutto delle tecniche di cottura), raggiunge la forma gonfia e morbida del pane che conosciamo oggi.

Furono gli Egizi a scoprire l’importanza di lasciar riposare l’impasto per ottenere un pane gonfio e morbido, i Greci poi aggiunsero aromi e altri ingredienti per migliorarne il sapore, e con i Romani si ebbe la creazione dei primi forni pubblici adibiti alla cottura del pane. Solamente intorno agli anni 1630 viene introdotto l’utilizzo del lievito nell’impasto per abbreviarne i tempi di fermentazione e, con la successiva rivoluzione industriale, la nascita delle prime macchine per la lavorazione del grano e della farina.

Oggi il pane viene soprattutto comprato, e per mantenerlo fresco e fragrante, biscogna tenerlo lontano dall’aria e dall’umidità, ma quando inizia ad indurire o a perdere di fragranza, basta bagnarlo e porlo qualche minuto nel forno caldo per riacquistare quella friabilità, oppure impiagarlo in altre ricette per donar lui nuova vita; utilizzandolo quindi come ingrediente nella preparazione stessa.

La mia proposta, per una ricetta in cui il pane è l’ingrediente principale, è il  ramequin di pane, una ricetta tipica della cucina svizzera, in questa mia piccola rivisitazione per renderla una ricetta senza lattosio; adatta quindi per chi ha intolleranza al latte ma nache per chi è allergico ad esso (vedi nota a fine articolo*).

La ricetta originale altri non è che un gratin di pane e una salsa composta da uova, latte, formaggio grattugiato e panna montata; un piatto da servire caldo appena sfornato. Una ricetta golosa per recuperare del pane raffermo e dar vita ad un secondo piatto ricco e sostanzioso, e se abbinato a delle verdure, può diventare un sorprendente piatto unico!

Per questa ricetta ho utilizzato del panbauletto preparato in casa, sostituendo il latte, la panna ed il burro con prodotti vegetali, e utilizzando del Parmigiano Reggiano stagionato almeno 30 mesi (vedi nota a fine aricolo*)

Ramequin di pane (ricetta senza lattosio)

Ingredienti

Per 4 persone

  • 400 gr di pane raffermo tipo panbauletto tagliato a fette (non troppo sottili)
  • 200 gr di Parmigiano Reggiano (stagionato 30 mesi) grattugiato
  • 2 uova
  • 250 ml di panna vegetale
  • vino bianco q.b.
  • 200 ml di bevanda vegetale non zuccherata (io di farro)
  • burro vegetale q.b.
  • 200 gr di prosciutto cotto senza lattosio
  • sale
  • pepe

Procedimento

  1. Spalmare con il burro vegetale le fette di pane, disporle su una teglia ricoperta da carta forno, e lasciarle dorare nel forno già caldo a 240°C per 5 minuti, e comunque, fino a dortaura. Togliere il pane dorato dal forno ed abbassare la temperatura a 200°C.
  2. Disporre le fette dorate in una pirofila imburrata con il burro vegetale, e spruzzare ogni fetta con del vino bianco; quindi disporre tra una fetta di pane e l’altra, una fetta di prosciutto cotto.
  3. Preparare la salsa sbattendo le uova con il formaggio grattugiato, il sale, ed il pepe. A parte montare la panna vegetale (non zuccherata) ed unirla al composto di uova mescolando delicatamente per non far smontare il composto.
  4. Versare il composto sulle fette di pane e cuocere in forno  per 20 minuti.
  5. Sfornare e servire caldo.

Ramequin di pane (ricetta senza lattosio)

Scopriamo insieme il menù “cucinare con il pane” completo:

Rubrica Idea Menù

Antipasto Paola: I tirtlen di pane alla mediterranea

Primo Linda: Spaghetti quadrati con merluzzo e mollica

Secondo Sabrina. Ramequin di pane (ricetta senza lattosio) 

Dolce Carla: Torta di pane e mele annurche

5° portata Laura: Pizza di pane 

Ramequin di pane (ricetta senza lattosio)

*Attenzione a non confondere l’intolleranza al lattosio con le allergie alle proteine del latte vaccino. Per fare chiarezza: le intolleranze hanno a che fare con l’apparato digestivo; le allergie interessano il sistema immunitario.

Alcuni recenti studi medici hanno dimostrato che i soggetti allergici alla caseina, la proteina principale del latte, sono asintomatici all’assunzione di Parmigiano Reggiano, purché sia un Parmigiano a lunga stagionatura. Perché questo? Perché durante la stagionatura avviene un fenomeno che si chiama “proteolisi”: gli enzimi proteolitici presenti nel latte e nel siero innesto “predigeriscono” la caseina. La proteina viene trasformata più volte, fino a ridursi in aminoacidi liberi, più facili da assorbire per il nostro organismo.

Gli specialisti consigliano di consumare un Parmigiano Reggiano stagionato 30 mesi o più.

Per maggiori informazioni sull’argomento, puoi consultare la mia pagina sulle Allergie Alimentari.

Avvertenze:

Ricordo che la scelta e la prescrizione di una giusta terapia, spettano esclusivamente al medico curante e/o ad un medico specialista, che sono in grado di valutare anche eventuali rischi collaterali (quali intossicazioni, intolleranze, allergie alimentari). Tutte le notizie, preparazioni, ricette e suggerimenti contenuti in questi miei articoli hanno carattere puramente informativo, non avendo io le qualifiche per fare delle valutazioni personali e/o individuali. Tutte le informazioni condivise in questi miei articoli relativi a determinate esigenze alimentari, sono frutto di uno studio personale effettuato per esigenze personali e/o semplice approfondimento personale sull’argomento stesso.


Ti potrebbe interessare:

Pane proteico superfood, senza glutine e senza lievitazione: il mio cavallo di battaglia.

Pane azzimo (senza lievito, cotto in padella o in forno)

Pane arabo

Torta di pane

Rosa al pesto (pane al pesto)

Zuppa primavera in ciotole di pane ai semi di girasole, avena e lino


Se provi una mia ricetta, e pubblichi una foto su Instagram o altri social, ricordati di taggare  @delizieeconfidenze  e di utilizzare l’hashtag #delizieeconfidenze : sarò felicissima di condividerlo a mia volta!

Per non perdere nessuna ricetta, e per riceverle via email, iscriviti QUI . Ese ti va, metti il tuo “mi piace” QUI e seguimi anche sulla pagina Facebook. E non dimenticarti di Istagram! Puoi seguirmi cliccando QUI

Mi trovi anche su TwitterPinterest e Google+.

Segui anche il mio canale Youtube e iscriviti.

Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato sulle novità: torvi il format nella home.

E se hai un argomento da proporre, un approfondimento da chiedere, o per dire la tua su tematiche già esposte, ti aspetto QUI sul forum.


 

6 Commenti

  1. Non conoscevo questa ricetta svizzera, trovo sia un’ottimo modo di riciclare il pane rimasto e anche la tua versione senza lattosio mi piace molto!!!
    Baci

  2. Ottima ricetta Sabri, mi stuzzica moltissimo! Bacioni a presto 🙂

  3. wow,che delizia,gnam gnam gnam.
    Sempre spettacolari le tue foto

  4. Un riciclo favoloso!
    Complimenti per il post, hai fatto bene a specificare le differenze fra allergia e intolleranza.
    Un bacio

  5. lericettediannaeflavia

    non conoscevo la ricetta originale, ma non avrei mai potuto mangiarla! la tua rivisitazione invece è perfetta per me!

  6. Non conoscevo il ramequin ma lo trovo una preparazione gustosissima, perfetta per un lunch veloce ma senza rinunciare a una buona dose di golosità.
    Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.