Angelica di Natale – Panbrioche con canditi e cioccolato

Hai già preparato tutto tutto per il Natale? Se sei alla ricerca di qualche altra ricetta da preparare per la tavola natalizia, la Rubrica Il Granaio-Baking Time può fare la caso tuo!

Anche oggi, il paniere della nostra Rubrica si riempie di tante delizie, tutte idee perfette per il menù di Natale, o da confezionare e portare in dono alle persone care.

Per questo nostro appuntamento, ho preparato una corona di panbrioche con canditi e cioccolato, intrecciata e decorata con della glassa, perfetta per accompagnare i dolci classici di queste festività, nonchè come idea regalo!

L’Angelica di Natale è un dolce tipico del periodo delle feste natalizie, un goloso centro tavola da gustare e farcire come più piace, con uvetta, canditi e cioccolato, ma anche con crema o con frutta secca a guscio.

La mia angelica di Natale è preparata senza burro, e arricchita con arancia e cedro canditi, uva sultanina e gocce di cioccolato extra fondente. E’ perfetta anche per la colazione o la merenda di tutta la famiglia, soffice e golosa.

Angelica di Natale

Ingredienti per il livitino

  • 100 gr di farina Manitoba
  • 4 gr di lievito di birra fresco
  • 100 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di zucchero semolato

Ingredienti per l'impasto

  • 400 gr di farina Manitoba
  • 120 ml di acqua tiepida
  • 2 tuorli d’uovo di media grandezza
  • 50 ml di olio di vinacciolo
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 70 gr di zucchero semolato
  • la buccia di 1 limone non gtrattato grattugiata
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere

Ingredienti per farcire

  • 50 gr di uvetta sultanina
  • 50 gr di cedro candito
  • 50 gr di arancia candita
  • 100 gr di gocce di cioccolato extra fondente

Ingredienti per la glassa

  • 100 gr di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di acqua

1 tuorlo d’uovo + 1 cucchiaio di latte di mandorle per spennellare

Procedimento

  1. Prepariamo il lievitino: sciogliere il lievito di birra nell’acqua tiepida con lo zucchero. Quando saranno completamente sciolti, versare in una ciotola con la farina setacciata e mescolare fino ad ottenere un composto appiccicoso ma compatto. Coprire con pellicola alimentare  elasciar lievitare per 30 minuti, fino al suo raddoppio, in luogo caldo.
  2. Prepariamo l’impasto: ho lavorato l’impasto con la planetaria dapprima con gancio a foglia per poi passare al gancio ad uncino quando ottenuto un panetto. L’impasto può essere lavorato energicamente anche a mano, con tempi di lavorazione più lunghi, ma si può ottenere comunque un ottimo risultato.
  3. Setacciare la farina e versarla nella ciotola della planetaria. Unire l’acqua , lo zucchero, la buccia grattugiata del limone, la cannella in polvere ed il sale. Azionare la macchina e mescolare gli ingredienti a velocità bassa.
  4. Unire un tuorlo alla volta, alternandoli con l’olio. In ultimo, unire il lievitino.
  5. Lavorare a lungo fino ad ottenere un panetto compatto e liscio, quindi sostituire il gancio a foglia con quello ad uncino, aumentare la velocità della planetaria e lasciar lavorare per circa 10 minuti, fino a quando la pasta non sarà ben incordata.
  6. Trasferire il panetto in una ciotola, coprire con pellicola alimentare, e lasciar lievitare per 3 ore in luogo caldo, e comunque, fino al suo raddoppio.
  7. Una volta lievitato, riprendere il panetto e rovesciarlo sul piano lavoro leggermente infarinato.
  8. Nel frattempo, mettere in ammollo in acqua l’uvetta sultanina per 30 minuti. Dopo di che, strizzare e tamponare bene.
  9. Senza lavorarlo nuovamente, stendere direttamente con il mattarello a formare un rettangolo.
  10. Distribuire sul rettangolo i canditi, l’uvetta sultanina precedentemente ammollata, e le gocce di cioccolato.
  11. Arrotolare il rettangolo partendo dal lato più lungo, formando un lungo salsissiotto ripieno.
  12. Con un coltello, tagliare il salsicciotto a metà nel senso della lunghezza, e formare una treccia lasciando il lato tagliato rivolto verso l’alto.
  13. Unire le estremità della treccia a formare una ciambella, e trasferire sulla placca rivestita da carta forno.
  14. Lasciar lievitare ancora fino al suo raddoppio nel forno spento ma con la sola luce accesa. Ci vorranno circa 40 – 60 minuti.
  15. Cottura del dolce: preriscaldare il forno statico a 180°C.
  16. Quando il forno è giunto a temperatura, spennellare la superficie del dolce con un tuorlo sbattuto velocemente con un cucchiaio di latte di mandorle. Infornare e cuocere per 25-30 minuti, fino a doratura. A metà cottura controlla la doratura e se la ciambella si sta colorando troppo copri con un foglio di carta di alluminio.
  17. A cottura ultimata, sfornare e adagiare su una su una griglia così che la parte inferiore del pane non resti umida. Lasciar raffreddare completamente.
  18. Prepariamo la glassa: in una ciotola versare lo zucchero a velo ed unire un cucchiaio di acqua alla volta, mescolando bene, fino ad ottenere la consistenza desiderata.
  19. Quando l’Angelica di Natale sarà completamente fredda, decorare con la glassa formando delle sottili linee o delle piccole gocce bianche sul dolce.

L’Angelica di Natale si conserva per 3-4 giorni se ben chiusa in un sacchetto di carta o avvolta in un panno asciutto e pulito.

Scopriamo insieme il paniere odierno al suo completo:

Il Granaio - Baking Time
Il Granaio – Baking Time

Carla: Chelsea buns 
Monica: Colazione di Natale 
Natalia: Panini Albero di Natale 
Sabrina: Angelica di Natale
Simona: Pandolce alto genovese (Pandöçe Zenéise) con lievito madre 
Zeudi: Coroncine di pane bicolore 

Angelica di Natale

Articoli correlati:

Stella al cioccolato

Corona di rose bicolore

Pandoro con crema di albumi alla nocciola

Pandoro sfogliato

Pane e cacao (speziato per il Natale)



Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se vuoi chiedermi un consiglio per personalizzare e rifare una mia ricetta, scrivimi qui. Poi però scatta una foto del piatto ricreato, e condividila sui tuoi profili social utilizzando il mio hashtag #delizieeconfidenze e taggandomi su IG utilizzando @delizieeconfidenze

Ti sono grata per il tuo supporto al mio lavoro!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter, e  Pinterest.

18 Commenti

  1. Ciaoooo piccolo gnomolo!!!! Che tesoro!!!
    Una proposta sontuosa perfetta per le nostre tavole delle feste!!!

    Un abbraccio grande
    Moni

  2. Cara Sabrina, ma quanto ben di Dio ci fai vedere, qui troviamo di tutto ce solo da scegliere!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

  3. arbanelladibasilico

    Che bella questa torta, Sabri. Ho fatto l’angelica salata ma non mi sono mai cimentata in quella dolce. Magari ci provo. Al tuo folletto è piaciuta? Vi abbraccio tutti e tre, buon Natale 🙂

  4. Lo Gnomolo addobbato è stupendo ^_^
    L’angelica è superlativa! Bravissima come sempre!
    Un bacione grande

  5. È proprio una bella proposta per il Natale, l’angelica non ‘l’ho ancora mai fatta, ma mi hai fatto venire voglia di provarci. Auguri a te e tutta la tua famiglia un Natale sereno.

    • Sai che questa è la prima che preparo? E sarà la prima di una lunga serie direi, visto il successo riscontrato!
      Un abbraccio grande mia cara, e tantissimi auguri a te e alla tua bellissima famiglia!
      UN bacio
      Sab

  6. Un goloso centro tavola, bravissima….Tanti auguri di un sereno Natale!

  7. Cara Sabrina bellisima receta!!
    Tu piccolo che tesoro.
    Tanti auguri cara e buon Natale
    Un abbraccio !!

  8. Non l’ho mai fatta quindi non mi resta che prendere appunti ^_^
    Bellissimo il tuo ometto 😍 vi faccio tanti tanti auguri!

  9. CHe meraviglia queste foto, io ultimamente faccio solo disastri!!!!
    Mi piace questa tua versione dell’Angelica!!! Ovvio che me la segno. Baci

    • Sabrina Pignataro

      Lavorando con luce naturale, questo periodo è il peggiore per scattare foto vista la scarsità di luce che ho in casa!
      Grazie mille Nat!
      Un abbraccio grande!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.