Coniglietti di Mecoulin di Cogne

Nuovo appuntamento con la Rubrica L’Italia nel Piatto, che oggi ci propone piatti divertenti per i bambini.

Questo mese è stato più semplice per me trovare un piatto tradizionale della regione che devo rappresentare: la Valle D’Aosta che, come ben sapete, è così lontana dalla mia regione d’origine e residenza per territorialità, tradizioni, costumi e prodotti.

Valle D’aosta

Ma questo mese le mie ricerche sono state semplici, giocando sulle tradizioni valdostane per la Pasqua, e scoprendo così un dolce tipico di Cogne nato inizialmente come dolce del Natale, ma divenuto oggi dolce anche del periodo Pasquale: il Mecoulin di Cogne.

Partendo dal loro dolce tipico, risivitandolo giusto un pochino per renderlo un lievitato dolce senza latticini, nonchè più goloso per i più piccoli sostituendo l’uva passa con delle gocce di cioccolato fondente, e utilizzando un animaletto simbolo della Pasqua quali il coniglietto, realizzare un piatto creativo e coreografico per i bambini è stato un gioco da ragazzi!

Una volta teminata la lievitazione dell’impasto, basta ricavare dei “cordoncini” di impasto da arrotolare su se stessi e creare il corpo del coniglietto, applicare due palline per formare la testa e la coda dell’animaletto, e, in ultimo, due piccole punte di impasto saranno le orecchie dei coniglietti. Facili e divertenti da realizzare, anche insieme ai nostri piccoli aiutanti cuochi!

Anche in questa rivisitazione, i latticini sono stati sostituiti da alternative vegetali per rendere il dolce dairy free e, quindi, adatto a tutti coloro che hanno allergie alimentari al latte e derivati del latte, o intolleranza al lattosio.

Coniglietti di Mecoulin di Cogne

Storia del Mecoulin di Cogne.

Il Mecoulin è un lievitato dolce della Valle D’Aosta, per la precisione un dolce invernale tipico della Val di Cogne, la cui ricetta è strettamente legata al territorio d’origine, tanto che è quasi sconosciuto nel resto d’Italia, e lo si può acquistare solo a Cogne e in poche algtre pasticcerie della Valle. La storia di questo dolce è molto antica: per secoli le famiglie di Cogne lo preparavano con l’arrivo della prima neve, nei forni comuni. La preparazione di questo dolce era un momento di incontro collettivo: mentre le donne erano incaricate di cuctodire e mantenere vivo il lievito madre, gli uomini (sfruttando la loro forza di braccia) dovevano preparare l’impasto. Nato inizialmente per esser consumato durante le feste natalizie, questa sorta di pane dolce simile ad un panettone, è oggi consumato per tutto il periodo che va dal Natale alla Santa Pasqua.

Coniglietti di Mecoulin di Cogne

Ingredienti

  • 350 gr di farina 00
  • 125 ml di latte di riso
  • 70 gr di zucchero semolato
  • 20 gr di margarina senza olio di palma
  • 10 gr di lievito di birra fresco
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 1 pizzico di sale
  • la buccia grattugiata di 1 limone
  • 50 gr di gocce di cioccolato extra fondente
  • 1 tazzina da caffè di rum (facoltativo)
  • 1 tazzina da caffè di olio di semi
  • 1 tuorlo + 1 cucchaio di latte di riso per spennellare

Procedimento

  1. In un pentolino far fondere la margarina e lasciarla raffreddare.
  2. In un bricco scaldare leggermente il latte, quindi sbriciolare il lievito nel latte tiepido insieme allo zucchero semolato.
  3. Nella ciotola della planetaria versare la farina ed unire l’uovo precedentemente sbattuto con una forchetta.
  4. Unire alla farina anche la margarina fusa e fredda, la tazzina d’olio e la buccia grattugiata del limone.
  5. Azionare la planetaria con il gancio a foglia, unendo anche il latte con il lievito sciolto e lasciar lavorare fino a quando non inizia a formarsi un panetto.
  6. Sostituire il gancio a foglia con il gancio ad unicino, unire il sale all’impasto e lasciar incordare bene.
  7. Coprire con la pellicola alimentare e lasciar lievitare per 6 ore in un luogo caldo, al riparo da correnti d’aria.
  8. Trascorso il tempo di lievitazione, trasferire l’impasto sul piano lavoro leggermente infarinato, unire le gocce di cioccolato e lavorarlo rapidamente per farle incorporare  all’impasto.
  9. Tagliare in piccole parti formando dei filoncini stretti e lunghi circa 10 cm, e arrotolarli su se stessi a formare una chiocciola.
  10. Adagiare le “chiocciole” sulla teglia rivestita da carta forno, distanziate tra loro.
  11. Ad ogni “chiocciola” applicare due palline di dimensioni diverse: la più grande sarà la testa del coniglietto, la più piccola la coda.
  12. Ritagliare una piccola pallina dall’impasto, tagliarla a metà, adagiare sulla pallina della testa del coniglietto, e modellare con le mani a formare le orecchie dell’animaletto.
  13. Ad ogni testa applicare una goccia di cioccolato che sarà l’occhio del coniglietto.
  14. In un bricchetto sbattere il tuorlo con il latte, e spennellare il composto sugli animaletti.
  15. Cuocere in forno già caldo a 180°C per 25 -30 minuti, fino a doratura.
  16. Sfornare e lasciar raffreddare prima di servirle ai piccoli golosoni di casa!

Coniglietti di Mecoulin di Cogne

Scopriamo insieme le proposte delle altre regioni:

Italia nel piatto: “Mamma ho fame!” Un piatto divertente per i bambini!

Valle d’Aosta: Coniglietti di Mecoulin di Cogne 
Piemonte: Tramezzini alla Piemontese con salsa tonnata e uova sode per L’Italia nel Piatto 
Liguria: Le allegre paperelle…di riso 
Lombardia: Asparagi alla milanese con cereghin 
Trentino: Wurstel sfiziosi con crauti
Veneto: Cicchetto: uova ripiene di primavera
Friuli Venezia Giulia: Lecca lecca di frico friabile
Emilia Romagna: Cestini di mela al forno 
Toscana: Orsacchiotto di pancakes alla farina di castagne con crema alla ricotta 
Marche: Panini agli spinaci con salamino alla cacciatora italiano DOP 
Umbria: Ciaramicola donut su stecco 
Lazio: Focaccine alle patate 
Abruzzo: Biscotti pasquali al farro 
Molise: Il Principe Ranallo – Sofficiotto al caciocavallo 
Campania: Pigna coniglietti 
Puglia: Il Benedetto pasquale 
Basilicata: Focaccine di semola e acqua in padella 
Calabria: Sgute calabresi 
Sicilia: Rosticceria Palermitana: le pizzette! 
Sardegna: La Tartarughina di Su Coccoi

Coniglietti di Mecoulin di Cogne

Articoli correlati:

Pizza sbattuta romana

Pastiera napoletana

Colomba veloce cocco e mirtilli rossi senza lievitazione e senza lattosio

Campana pasquale salata



Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se vuoi chiedermi un consiglio per personalizzare e rifare una mia ricetta, scrivimi qui. Poi però scatta una foto del piatto ricreato, e condividila sui tuoi profili social utilizzando il mio hashtag #delizieeconfidenze e taggandomi su IG utilizzando @delizieeconfidenze

Ti sono grata per il tuo supporto al mio lavoro!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter, e  Pinterest.

29 Commenti

  1. arbanelladibasilico

    Bellissimi e teneri coniglietti pasquali che ci ricordano che per fortuna la vita avanti e ci porterà fuori da questa storia! Bacione Sabri a presto 🙂

    • Grazie mille Carla!
      Si, esatto, la vita va avanti e soprattutto per i bambini, non dobbiamo far perdere loro la magia di alcuni momenti, di alcune date (che siano religiose o meno), di alcuni momenti di condivisione in famiglia.
      Un grosso abbraccio

  2. Pingback: Uova sode alla barbabietola ripiene, c'era una volta un cicchetto - il fior di cappero

  3. Pingback: Biscotti Pasquali al Farro - unamericanatragliorsi

  4. Sono incantevoli i tuoi coniglietti! Bravissima Sabrina, come sempre!
    Baci,
    Mary

  5. Che teneri!!!! Sono troppo belli. Un’ottima proposta ^_^
    Un bacione

  6. Sono carinissimi i tuoi coniglietti…. alla prossima pasticciata faccio fare questi ai miei figli. Baci.

  7. Complimenti, sono simpaticissimi, perfetti per la tavola di Pasqua!

  8. Carini questi coniglietti e bella la tua ricerca sulle tradizioni valdostane!

    • Grazie mille!
      Ogni mese è un grosso lavoro di ricerca e studio della tradizione valdostana, una grossa sfida mensile per me che vengo dal Lazio, terra con tradizioni e, soprattutto, con prodotti completamente diversi!
      Ma il bello della cucina è questo: studiare e cimentarsi in nuove tradizioni, scoprire nuovi prodotti, riadattare ricette alla propria terra.
      Un grosso abbraccio

  9. sei proprio brava a rivisitare i piatti tipici. Questi coniglietti sono deliziosi! Ti auguro buona Pasqua Sabrina, quest’anno è così insolita!

    • Grazie mille Marina! Dopo il tanto lavoro fatto (che ognuna di noi fa per studiare, organizzare e scrivere un articolo e per la ricetta stessa) leggere questo è una vera gratificazione e soddisfazione. Quindi grazie davvero mille!!
      Son felice che ti siano piaciuti i miei coniglietti.
      Buona insolita Pasqua a te🤗🐰🕊️

  10. Ma sono davvero deliziosi questi coniglietti, di una dolcezza infinita e poi sono anche in tema con la S.Pasqua! Ottima proposta! e ancora tanti auguri!

  11. Pingback: Pastiera Dairy Free - Delizie & Confidenze

  12. Pingback: Il Principe Ranallo- Sofficiotto al caciocavallo - TartetaTinA

  13. Ma sono tenerissimi!

  14. Pingback: Coniglietti di Mecoulin di Cogne - Delizie & Confidenze

  15. voglio farli anche ioo! sono troppo simpatici!!!

  16. Sono bellissimi! proprio brava!!
    ciao
    elisa

  17. Se penso che sarebbero stati i protagonisti del mio corso di Pasqua con i bimbi, mi ci prende male! Ormai è tutto in standby e la vita di prima mi manca da matti!!!
    Bellissimo post cara, complimenti e felice we a tutta la tua bella famiglia (incluso il peloso a 4 zampe :-P)

    • Sabrina Pignataro

      Ciao Consu, perdona il ritardo nel risponderti, ma paradossalmente ho meno tempo ora che siamo in quarantena che prima!
      Si, immagino il tuo dispiacere, speriamo di poter tornare presto alla normalità, a rivivere la nostra vita.
      Un abbraccio grande a tutti voi, tutti tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.