Plumcake pere, mele e noci

Plumcake pere, mele e noci

Il plumcake pere, mele e noci è un dolce da credenza perfetto per colazione e la merenda di tutta la famiglia, nonchè per una golosa pausa dolce durante la giornata.

Preparato senza latticini, il plumcake è umidissimo al suo interno, grazie alla frutta a fette presente nell’impasto. La cremosità e la dolcezza della frutta viene esaltata dalle note vivaci del pepe nero aggiunto all’impasto, e dalla croccantezza delle noci.

Un dolce ricco di profumi grazie alla frutta lasciata macerare in un composto di succo di limone, buccia grattugiata di agrumi, qualche goccia di grappa morbida, cannella e pepe quattro stagioni macinato al momento.

Jump to Recipe

“Mangiamo frutta e verdura di stagione”

E’ il tema di questo mese della Rubrica L’Italia nel Piatto, che ci fa viaggiare lungo tutto il nostro stivale, attraverso piatti della tradizione, oppure rivisitazione degli stessi; tutti accomunati dal rispetto della stagionalità degli ingredienti utilizzati nella preparazione degli stessi.

E’ quanto cerco di fare quotidianamanete con la mia cucina e le ricette condivise con voi: seguire la stagionalità dei prodotti, mangiare frutta e verdura di stagione, per un vero piatto sano e salutare, preservando tutte le qualità dei prodotti, nonchè garantire un occhio di riguardo (anche) per il nostro portafoglio.

Perchè è tanto importante seguire la stagionalità della frutta e verdura che acquistiamo e mangiamo? Potremmo riassumerne i motivi in un semplice schema:

  • MAGGIORI PROPRIETA’ NUTRIZIONALI: i prodotti consumati nel corso della loro naturale stagione di maturazione, hanno delle proprietà nutritive superiori rispetto a un frutto o a una verdura maturata al di fuori del proprio arco temporale ideale.
  • MAGGIOR BENEFICI AL MOMENTO GIUSTO: in base alla stagione che viviamo, il nostro organismo ha necessità differenti. La natura, attraverso i suoi frutti, ci offre diversi valori nutrizionali, giusti per quel determinato periodo.
  • MAGGIORE FRESCHEZZA: parlando di prodotti di stagione, essi sono più semplice reperirli e, quindi, necessitano di trasporti meno lunghi, garantendone così una maggior freschezza.
  • MAGGIOR GUSTO: consumando prodotti che crescono in quel determinato periodo, (e quindi non subiscono alterazioni nè a seguito di lunghi trasporti, nè per lunghi tempi in celle frigo) gli stessi arrivano sulle nostre tavole preservando tutti i loro profumi e aromi.
  • MAGGIOR RISPARMIO: i prodotti di stagione non hanno bisogno di serre, quindi il loro prezzo non è maggiorato dali costi sostenuti per l’energia artificiale utilizzata per farli crescere e maturare. Si abbattono anche i costi di conservazione nelle celle frigo in cui vengono immagazzinati. Scegliendo inoltre prodotti locali, il risparmio è ancora maggiore, perché si riducono ulteriormente i costi di trasporto.
  • MAGGIOR RISPETTO DELL’AMBIENTE: come evidenziato già sopra, produrre prodotti fuori stagione richiede un maggior consumo di energia per riscaldare e illuminare le serre, e quando si tratta di prodotti che arrivano da altri Paesi, ci si avvale di mezzi di trasporto che affrontano spesso lunghi viaggi. Tutto questo va ad influire sul fattore inquinamento del nostro Pianeta.
  • MAGGIOR SICUREZZA DAI PESTICIDI: produrre frutta e verdura di stagione richiede un utilizzo decisamente inferiore di pesticidi contro i parassiti, e questo non vale solo per il biologico, ma per tutte le produzioni. Infatti le piante che sono costrette a crescere fuori dal loro ciclo naturale, si presentano più deboli e, pertanto, risultano maggiormente soggette agli attacchi degli insetti; pertanto necessitano di trattamenti antiparassitari specifici e/o maggiori.

La ricetta

Dopo aver ricordato l’importanza di consumare frutta e verdura di stagione e, laddove possibile, anche del territorio, torniamo alla ricetta del dolce.

Come ormai è chiaro a tutti, in questa rubrica di cucina, ogni mese vado a rappresentare non la mia regione, ma una regione che conosco solo perchè mi ha ospitata qualche estate fa, regalandomi emozioni e ricordi unici: la Valle d’Aosta.

Questo mi permette ogni volta di scoprire cose nuove su questa piccolissima Regione italiana, non solo scoperte gastronomiche, ma anche di usanze e tradizioni.

Così ho impataro che nella Valle ci sono grandi produttori di frutta, in particolar modo di mele, di cui ben quattro varietà sono tipiche valdostane (due delle quali sono riconosciute come prodotti agroalimentari tradizionali: la Renetta della Valle d’Aosta, e la Golden Delicious della Valle d’Aosta), e di pere, con la gustosissima pera martin sec (la cui commercializzazione in Valle d’Aosta è prevalentemente affidata alla cooperativa agricola di Saint-Pierre, che ha lanciato sul mercato una linea di prodotti a base di martin sec, quali confetture e succhi).

Quersto mese però la ricetta che propongo a rapprsentanza della Valle d’Aosta non è di origine valdostana, ma nasce da un classico delle torte da credenza (quali la torta di mele e/o pere), con un tocco di internazionalità utilizzando lo stampo da plumcake per la cottura (il plumcake è infatti un dolce di origine inglese), ma utilizzando due dei prodotti tipici della Valle d’Aosta: mele e pere.

Per le mele qualità scelta per il mio plumcake è la Golden Delicious, mentre per le pere, non avendo delle martin sec con cui lavorare, ho optato per delle più comuni pere tipo coscia.

Plumcake pere, mele e noci

Recipe by Sabrina PignataroCourse: Torte da credenzaCuisine: Dairy freeDifficulty: Facile
Servings

6

servings
Prep time

20

minutes
Cooking time

45

minutes
Total time

1

hour 

5

minutes

Il plumcake pere, mele e noci è un dolce da credenza perfetto per colazione e la merenda di tutta la famiglia, nonchè per una golosa pausa dolce durante la giornata.
Preparato senza latticini, il plumcake è umidissimo al suo interno, grazie alla frutta a fette presente nell’impasto.
La cremosità e la dolcezza della frutta viene esaltata dalle note vivaci del pepe nero aggiunto all’impasto, e dalla croccantezza delle noci.

Ingredients
Stampo da plumcake da 30 cm

  • 300 gr di farina 00

  • 200 gr di zucchero di canna grezzo

  • 150 gr di olio di semi di girasole

  • 20 gherigli di noci

  • 4 uova

  • 2 mele Golden Delicious

  • 2 pere coscia

  • 1 limone bio (succo+buccia grattugiata)

  • 1 arancia (la buccia grattugiata)

  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere

  • 1 pizzico di pepe

  • 1 pizzico di sale

Directions

  • Mondare la frutta, eliminare la buccia, i semi ed il picciolo centrale.
    Quindi tagliare a fette da circa mezzo cm, e disporre in un piatto.
  • Versare sulle fette di frutta il succo di limone filtrato. Unire anche la buccia grattugiata degli agrumi, la cannella, il pepe macinato al momento, ed il liquore.
  • Mescolare, coprire e lasciar macerare per 30 minuti circa.
  • Nel frattempo, montare a neve fermissima gli albumi.
    Tenere da parte.
  • Montare a schiuma chiara e voluminosa i tuorli. Unire lo zucchero di canna e montare ancora.
  • Aggiungere poca alla volta la farina setacciata, sempre mescolando.
  • Unire al composto l’olio ed il pizzico di sale, e mescolare ancora.
  • Una volta ottenuta una crema liscia e morbida, unire gli albumi a neve e, con movimenti delicati dal basso verso l’alto, mescolare i due composti con una spatola.
  • Tagliare grossolanamente i gherigli di noce, tenendone 6 da parte per la decorazione finale.
  • Unire al composto i gherigli spezzettati, e la frutta tenuta da parte, con tutto il liquido di macerazione.
  • Mescolare accuratamente con una spatola a mano, quindi trasferire nello stampo da plumcake precedentemente oliato.
  • Disporre in superficie i restanti gherigli di noce, e trasferire in forno per la cottura.
  • Cuocere il dolce in forno già caldo, modalità statica, a 180°C per 45 minuti.
  • Prima di sfornare il dolce, verificarne la cottura con uno stecchino che dovrà risultare asciutto e pulito (al contrario, proseguire la cottura di qualche minuto).
    Sfornare e lasciar raffreddare completamente prima di togliere dallo stampo per evitare che il dolce si rompa.

Notes

  • Con queste dosi si può realizzare una torta utilizzando uno stampo classico da 24 cm di diametro, oppure utilizzare due stampi da plumcake da 18 cm.
  • Per un dolce ancor più rustico, si può sostituire la farina indicata in ricetta con della farina integrale. In questo caso, bisognerà però aggiungere all’impasto mezzo bicchiere di liquido (a scelta tra latte vegetale, succo di frutta, o dell’acqua).

Scopriamo insieme le proposte delle altre Regioni:

Valle d’Aosta: Plumcake pere, mele e noci
Piemonte: Succo d’Uva Bianca Fatto in Casa
Liguria: erbùn
Lombardia: Vulp
Trentino-Alto Adige : La mela – anima di due Strudel
Veneto: Zucca in saòr
Friuli Venezia Giulia: Zuf di coce – crema di zucca friulana
Emilia Romagna: Tortelli di zucca reggiani
Toscana: Cappelle di funghi porcini al forno
Marche: Apple Pie con mele rosa dei sibillini
Umbria: Zuppa di cavolfiore
Lazio: Risotto al pizzutello
Abruzzo: Biscotti arrotolati abruzzesi con confettura d’uva
Molise: Cicoria formaggio e pomodoro
Campania: Zucca lunga di Napoli al forno
Puglia: Cavolo verde stufato
Basilicata: Patate e funghi cardoncelli al forno
Calabria: Mostarda calabrese di uva fragola
Sicilia: Busiate con Gamberi e Pistacchi di Bronte
Sardegna: Frittelle di zucchine


Articoli correlati:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se vuoi chiedermi un consiglio per personalizzare e rifare una mia ricetta, scrivimi qui. Poi però scatta una foto del piatto ricreato, e condividila sui tuoi profili social utilizzando il mio hashtag #delizieeconfidenze e taggandomi su IG utilizzando @delizieeconfidenze

Ti sono grata per il tuo supporto al mio lavoro!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter, e  Pinterest.

17 Commenti

  1. Pingback: Apple pie con mele rosa dei Sibillini, le Marche incontrano gli USA

  2. Pingback: Zucca in saor al forno, tradizione veneta antica - il fior di cappero

  3. Una vera coccola autunnale!
    buon week end
    Alice

  4. quando ci sono le mele nei dolci per me è sinonimo di bontà e comfort food!!!!
    proverò!
    ciao
    elisa

  5. Che bella idea l’aggiunta del pepe nero all’impasto. Un bel dolce, che sa tanto di casa e di coccole in famiglia. Baci

  6. Pingback: Patate e funghi cardoncelli al forno | Quella lucina nella cucina

  7. La provo di sicuro..Gli ingredienti mi piacciono proprio tanto!

  8. arbanelladibasilico

    I dolci con le mele per me sono irresistibili! Ciao Sabri, bacioni 🙂

  9. Un dolce molto invitante e poi c’è tanta buona frutta ^_^
    Un bacio

  10. Perfetto per queste giornate di pioggia, assieme ad un tè fumante!

  11. Pingback: Zuf di coce – crema di zucca friulana

  12. E’ veramente una bontà così ricco di pere e mele e le noci gli regalano una nota croccante che mi garba proprio tanto. Un bacio

  13. I dolci con le mele hanno sempre l’approvazione di tutti, sono buonissimi! Ciao

  14. Un plumcake delizioso e confortante, come solo un dolce autunnale sa essere! Mi piace tantissimo con tutta quella frutta dentro e l’aggiunta del pepe m’intriga… Complimenti, bravissima come sempre!
    Baci,
    Mary

  15. barbara froio

    Amo i dolci con le mele, piacciono sempre a tutti e sanno di famiglia. Insieme con la frutta secca poi formano un abbinamento vincente.

  16. Adoro i dolci così: ricchi e golosi..l’aspetto è delizioso e il gusto, certamente, ancor di più!!

  17. Pingback: Torta di banane e mele con caramello salato - Delizie & Confidenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.