savarin dairy free

Savarin (dairy free)

Il Savarin è un dolce di origine francese, conosciuto anche come torta Savarin, o come babà Savarin, proprio per le caratteristiche che lo accomunano al nostro babà partenopeo.

La forma classica di ciambella di questo dolce dalla consistenza porosa e soffice, bagnato inzuppato in uno sciroppo di rum e glassato con della gelatina di albicocche che ne conferisce dolcezza e lucentezza, si presta perfettamente ad accogliere la frutta fresca tagliata in piccoli pezzi, e accompagnata da panna montata.

Ispirata alla ricetta della Torta Savarin Exotique di Csaba dalla Zorza, ho preparato questo dolce per il nostro appuntamento con la Rubrica Il Granaio-Baking Time.

Vai alla ricetta

La scelta della ricetta

Proprio qualche giorno fa, una mia amica mi chiedeva consigli su un dolce da preparare per le festività natalizie, un dolce “nuovo” per rallegrare questo insolito Natale, che non fosse il classico lievitato di queste feste, ma neanche un semplice e comune ciambellone.

Così mi è venuto in mente questo dolce lucidissimo, visto durante una puntata di una gara di pasticceria di un noto programma televisivo, presentato in tutta la sua eleganza e semplicità, ricco di frutta esotica.

E l’ho visto nella mia mente sulla tavola coperta con la tovaglia rossa del Natale, sulla sua alzatina al centro della tavola, lucido, profumato, goloso, circondato da ciuffi di panna montata, e una cupola di frutta al centro.

E quale frutta meglio del melograno, mandarini, ed acini di uva bianca che son di buon auspicio e sono sempre presenti sulle tavole natalizie? Ma si può arricchire il docle con la frutta che più si ama! Io, ad esempio, ho aggiunto anche una banana e del mango (che secondo me, stanno bene con tutto!)

La variante vegetale

Pur restando fedele alla ricetta originale, per il mio Savarin ha dovuto sostituire il burro con un relativo prodotto vegetale (purchè sia senza olio di palma e senza grassi idrogenati), così come la panna montata ha lasciato posto alla panna montata vegetale.

Qualche grasso in meno, ma un risultato altrettanto eccellente: alto, soffice, morbido e delizioso!

Non me ne vorranno i francesi, ma come si dice: necessità fa virtù!

Ed eccolo qui, in tutta la sua maestosità, il mio Savarin dairy free, adatto a tutti coloro che hanno allergia alimentare al latte e derivati del latte, o intollenzanza al lattosio.

Per correttezza devo precisare anche che la ricetta di Csaba vuole una bagna con il Cointreau, mentre io ho utilizzato del rum.

Savarin (dairy free)

0 from 0 votes
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Desserts, Lievitati dolciCuisine: Pasticceria francese, Dairy freeDifficulty: Media
Servings

8

servings
Prep time

1

hour 
Cooking time

35

minutes
Leavening Time

2

hours 

Il Savarin è un dolce di origine francese, conosciuto anche come torta Savarin, o come babà Savarin, proprio per le caratteristiche che lo accomunano al nostro babà partenopeo.
Dalla classica forma di ciambella, inzuppato in uno sciroppo di rum, accompagnato con frutta fresca e panna montata, in questa mia rivisitazione dairy free.

Ingredients

  • Per l’impasto
  • 250 gr di farina 00

  • 20 gr di acqua t.a.

  • 20 gr di lievito di birra fresco

  • 10 gr di zucchero semolato

  • 3 uova di media grandezza

  • 50 gr di burro vegetale a pomata

  • 5 gr di sale fino

  • Per la bagna
  • ml di acqua

  • gr di zucchero semolato

  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere

  • 1 cucchiano di vaniglia

  • la buccia di agrumi (arancio, limone, mandarino, cedro)

  • 30 ml di rum

  • Per lucidare
  • 3 cucchiai di confettura finissima di albicocche

  • 1 cucchiaio di acqua

  • Per decorare
  • frutta fresca q.b.

  • 250 ml di panna vegetale da montare già zuccherata

Directions

  • Preparare l’impasto
  • Sciogliere il lievito nell’acqua e lasciar riposare 5 minuti.
  • Nel frattempo, versare in planetaria la farina setacciata, il sale e lo zucchero.
    Unire il lievito sciolto nel centro delle polveri.
  • Azionare la macchina con gancio a foglia, a velocità media, aggiungendo 1 uovo alla volta, lasciandolo assorbire completamente dall’impasto prima di aggiungerne un altro.
  • Infine, unire il burro vegetale a pomata, poco alla volta, facendolo assorbire completamente.
  • Trasferire l’impasto nello stampo a ciambella precedentemente oliato, livellare bene il composto, e lasciarlo lievitare fino a quando non raggiunge i bordi dello stampo (circa 2 ore)
  • Una volta lievitato, procedere con la cottura in forno, già caldo, a 170°C per 35 minuti, fino a quando il docle non si sarà colorato e si stacca da solo dai bordi.

    Se durante la cottura il dolce tende a colorarsi troppo, coprire con un foglio di alluminio alimentare, e proseguire la cottura come indicato.
  • Una volta cotto, estrarre dal forno e lasciar raffreddare completamente prima di sformare.
  • Preparare la bagna
  • In un pentolino versare l’acqua e lo zucchero e portare ad ebollizione.
  • Unire le spezie e la buccia degli agrumi e lasciar bollire ancora 2-3 minuti.
  • Togliere il pentolino dal fuoco ed unire il liquore.
  • Lasciar raffreddare completamente, quindi filtrare e la bagna è pronta da utilizzare.
  • Bagnare il dolce
  • Una volta tolto il Savarin dallo stampo, ormai completamente freddo, rinserirlo nuovamente nello stesso (nello stampo), e versare sul dolce tutta la bagna (tenendone da parte 1 bicchiere che servirà per la frutta)
  • Aspettare un paio di minuti, quindi appoggiare sullo stampo una griglia, e capovolgere il dolce.
  • Lasciarlo sgocciolare sulla griglia per far perdere lo sciroppo in eccesso.
  • Preparare la glassa per la lucidatura
  • In un altro pentolino versare la confettura di albicocche ed il cucchiaio di acqua. Mescolare e porre sul fuoco, su fiamma bassa.
  • Lasciar scaldare mescolando continuamente, fino ad ottenere una glassa liscia e lucida.
  • Lucidare il dolce
  • Quando il Savarin avrà perso lo sciroppo in eccesso, trasferirlo sul pitto da portata e, con l’aiuto di un pennello da pasticcere, spennellare accuratamente con la glassa di albicocche ancora calda.
  • Lasciar raffreddare.
  • Preparare i decori
  • Sbucciare la frutta,e liminare eventuali semi, e tagliare in pezzi. Sgranare il melograno.
  • Trasferire la frutta in pezzi in un contenitore, coprirla con lo sciroppo lasciato da parte, e lasciare macerare per 15 minuti, coperta con pellicola alimentare.
    Scolare la frutta dallo sciroppo quando arriverà il moneto di utilizzarla.
  • Montare la panna vegetale aneve ferma e trasferire in una sac à poche con beccuccio a stella.
  • Decorare il dolce
  • Come ogni Savarin che si rispetti, creare un decoro tutt’intorno la base del dolce formando un giro di ciuffi di panna montata.
  • Formare dei ciuffetti decorativi anche sopra il Savarin e decorare con dei chicchi di melograno.
  • Riempire il buco centrale del Savarin con la restante panna e la frutta (scolata dallo sciroppo).

Scopriamo insieme il paniere odierno al suo completo:

Carla: Ghirlanda di pane
Monica: Pandolce basso genovese all’olio
Natalia: Pandoro al cioccolato con lievito madre
Sabrina: Savarin (dairy free)
Simona: Cantucci salati
Zeudi: Panbauletto di grano duro


Potrebbero interessarti anche:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
20 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
arbanelladibasilico
arbanelladibasilico
1 anno fa

Al terzo “prodotto” di questa uscita del granaio sono già ingrassata di un chilo. Formidabile anche il tuo dolce Sabri!!! bacioni

Natalia Piciocchi
1 anno fa

Che bello che è con tutta quella frutta al centro. Io ho dei mini stampi per fare questo dolce (che non ho mai usato, accidenti a me).

Simona
1 anno fa

Io l’ho fatto una volta sola credo inizio anni 90 e l’ho amato, chissà perché poi non l’ho più fatto, per me è un dolce veramente intramontabile bravissima è veramente bello

Daniela
1 anno fa

fa-vo-lo-so!!!!!!
Quella fetta la ruberei volentieri ^_^
Bravissimissima!

Zeudi
Zeudi
1 anno fa

Che spettacolo questo savarin, quella fettina con il ciuffetto sopra e l’alveolatura così perfetta ha un aspetto soave. Ho visto anch’io quel programma e direi che il tuo dolce non ha proprio niente da invidiare a quello della signora in questione!

Monica
1 anno fa

Che spettacolo!! Ho visto anch’io la puntata, il tuo savarin è molto elegante e goloso!!! Veramente invitante con la frutta e i ciuffetti di panna…bravissima!!!

Un abbraccio grande
Moni

CLAUDIA
1 anno fa

Wowww che ricettona.. Amando alla follia il babà.. questo non posso perdermelo.. Ricetta salvata! baciotti

Laura De Vincentis
1 anno fa

Maestoso questo savarin! Insieme al babà e ai profiteroles è il dolce che amo di più! Un bacio

Raffaella
Raffaella
1 anno fa

Sono stata attratta dalla descrizione che diceva dairy free ma poi negli ingredienti ci sono burro e uova. Quindi la descrizione è un po’ingannevole direi. Peccato

trackback

[…] con confettura di more fatta in casa Brioche bicolore Brioche alle arance Babà al rum Savarin (dairy free) […]

trackback

[…] di Natale – Panbrioche con canditi e cioccolato Chiffon Cake di Natale Savarin (dairy free) Pandoro e stella di pandoro con gocce di cioccolato fondente Spiced Christmas Cake Stella al […]

trackback

[…] Angelica di Natale – Panbrioche con canditi e cioccolato Albero di Natale goloso Savarin (dairy free) Pandorini salati Ciambella salata di […]