Ciambelle di manioca per colazione

Eccomi con un’altra idea realizzata con la manioca.
La ricetta è semplicemente quella delle classiche ciambelle fritte con le patate,  ma quest’ultime lasciano il posto alla loro degna sostituta: la mioca (appunto).
Risultato?
 Stesso gusto strepitoso delle ciambelle fritte,  con una diversa nota lasciata dalla manioca, ed un profumo più deciso e delicato!!

Ingredienti:

500 gr di manioca
300 gr di farina 00
25 gr lievito di birra
130 ml di latte intero
3 uova
1 pizzico di sale
olio per frittura
zucchero semolato q.b.
zuccheroa  velo q.b.

Procedimento:

Sbucciare la radice di manioca, lavare e tagliare a pezzi e lessare in abbondante acqua per circa 20 minuti dalla ripresa del bollore.
Una volta pronta, lasciater
raffreddare, quindi schiacciarla con uno schiacciapatate per ridurla in purea.

Sciogliere
il lievito nel latte tiepido.
Sbattere a parte le uova e poi
incorporarle alla purea di patate. Aggiungere la farina setacciata, il
latte con il lievito e un pizzico di sale. Amalgamare bene gli
ingredienti fino ad ottenere un composto liscio, omogeneo e morbido.
Coprire con la
pellicola trasparente e lasciar riposare per circa 1 ora in un luogo caldo lontano da correnti d’aria.

Trascorso il tempo di riposo, riprendere l’impasto,lavorarlo  ancora per qualche minuto.
 Prendere un pezzetto alla
volta e formare degli anelli della grandezza di un braccialetto.
Una volta preparate le ciambelle, scaldate
l’olio in padella e immergere poche ciambelle alla volta. Estrarle
man mano che diventano dorate e lasciarle scolare su un foglio di carta
da cucina.

In un piatto disporre lo zucchero semolato e passarvi le ciambelle ancora calde così da far aderire lo zucchero.
Sistemare le ciambelle su un vassoio e spolverizzare con zucchero a velo.

Idee e varianti:
Potete
arricchire l’impasto aggiungendo della scorza grattugiata di limone e
semini di finocchietto selvatico.
Ottimo aggiungendo dell’uva sultanina.

……… Buona colazione!!
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
Pamela
9 anni fa

Adoro le ciambelle!!!! Buongiorno! 😉

Sabrina
9 anni fa
Reply to  Pamela

Buondì a te Pamela….anzi, ormai buon pomeriggio!!
Ad essere sincera, le ciambelle sono una di quelle cose che ho iniziato ad apprezzare da grande …
per la mia linea era meglio se non fosse mai successo, per le mia gola mannaggia: quanto tempo perso!!
Un abbraccio cara, a presto!

Cinzia Tamburo
9 anni fa

Che voglia che mi hai fatto venire! Mi sembro Omer dei Simpson: Ciambelle!

Sabrina
9 anni fa
Reply to  Cinzia Tamburo

Ahahahahhaha!!! Grande Cinzia!!
Un abbraccione!

maris
9 anni fa

Golosità allo stato puro :-)))
La fragranza di queste tue ciambelle buca il monitor! Complimenti!!

Sabrina
9 anni fa
Reply to  maris

Maris, ma che bel complimento, grazie!!!
Un bacione grande

Fabiola Anna Casarano

solo colazione? io le mangerei in ogni momento della giornata!!!!!

Sabrina
9 anni fa

Ciao Fabiola,
a chi lo dici!!!!!
Sai quanto sono durate in casa?
Zero!!
Fatte e mangiate (ancora calde alcune!!) in pochi minuti spazzolate via!!
Bacione cara, a presto

andreea manoliu
9 anni fa

Che sofficita !!!! Ti fanno venire voglia di dare un morso.

sabrina pignataro
3 anni fa

Eh, come darti torto!!! ???

Patrizia
Patrizia
3 anni fa

Sono in Argentina e ho comprato la farina di mandioca (sembra mais).Va bene comunque? E come la uso?

sabrina pignataro
3 anni fa
Reply to  Patrizia

Ciao!! Perdona il ritardo nella risposta, ma sono in vacanza ed ho poca connessione qui.
Allora, io ho utilizzato la polpa cotta e schiacciata, quindi maggiore umidità.
Puoi utilizzare anche la farina, ma dovrai dosare bene il rapporto liquidi/polveri.
Io lascerei invariati i vari dosaggi, sostituendo i 500 gr di polpa fresca di manioca con 200 gr di farina di manioca. Se il composto dovesse risultare troppo duro, aggiungi poco latte alla volta, al contrario, aggiungi poca farina di manioca alla volta.
Fammi sapere?