Pane valdostano con frutta secca

Con le feste natalizie ed il Capodanno appena terminati, capita spesso di ritrovarsi in casa con quantità smisurate di frutta secca che durante le festività ci ha deliziato, regalandoci non poche qualità nutritive.

Ora però, come possiamo riciclare la frutta secca?

Noi della Rubrica L’Italia nel Piatto abbiamo raccolto delle ricette della tradizione che hanno come ingrediente la frutta secca, oppure rivisitazioni di piatti con frutta secca e ingrediente tipico del proprio territorio.

Non è sttao difficile trovare la ricetta giusta per rappresentare la Valle d’Aosta, in quanto la tradizione valdostana ha già una ricetta favolosa con la frutta secca: il pane valdostano.

In origine il pane con la frutta secca era preparato esclusivamente nel periodo delle feste, ed era la versione dolce del pane di segale che preparavano nei forni comuni, arricchita da ciò che le credenze offrivano, per preparare una leccornia nutriente in occasione festività.

Il mio pane valdostano con frutta secca è preparato con un mix di farina integrale e farina di segale integrale, arricchito da mele e castagne in piccoli pezzi così come viene preparato in alcune zone della Valle d’Aosta.

Valle D’aosta
Pane valdostano con frutta secca

Ingredienti

  • 100 gr di farina integrale
  • 100 gr di farina di segale integrale
  • 300 gr di farina tp. 0
  • 270 ml di acqua tiepida
  • 10 gr di lievito di birra fresco
  • 15 gr di miele di castagno
  • 20 gr di burro a temperatura ambiente*
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • 70 gr di uvetta
  • 100 gr di fihi secchi
  • 100 gr di gherigli di noci
  • 50 gr di castagne precotte e spellate
  • 1 mela cotta tagliata a dadini

*per la mia ricetta ho utilizzato del burro vegetale

Procedimento

  1. Sbucciare la mela, eliminare il torsolo ed i semi, tagliare in piccoli dadini e lasciar cuocere in un pentolino con 10 gr di burro preso dal totale indicato. Quando i dadini di mela risultano ben morbidi, togliere dal fuoco e lasciar raffreddare completamente.
  2. In una ciotola versare mezzo bicchiere di acqua prelevata dal totale, e sciogliervi il lievito insieme al miele. Lasciar riposare per 10 minuti.
  3. Nella ciotola della planetaria versare le farine, mescolare tra loro, ed unire l’acqua con il lievito ed il miele sciolti. Iniziare a lavorare con il gancio a foglia.
  4. Unire poca alla volta la restante acqua, il burro in pezzi e, in fine, il sale. Quando il composto inizia a compattarsi, sostituire il gancio a foglia con quello ad uncino.
  5. Lavorare a lungo fino ad ottenere un impasto ben incordato.
  6. Trasferire l’impasto in una ciotola, coprire con pellicola alimentare, e lasciar lievitare fino al suo raddoppio, in luogo caldo (circa 1 ora)
  7. Nel frattempo tritare la frutta secca non troppo piccola, tagliare in piccoli pezzi le castagne già lessate e spellate, e mettere l’uvetta in ammollo in una ciotolina con acqua per 30 minuti; dopodichè, strizzare l’uvetta ed asciugarla bene con un foglio di carta da cucina.
  8. Trasferire l’impasta lievitato sul piano lavoro leggermente infarinato e, senza lavorare nuovamente, allungare e stendere con le mani.
  9. Distribuire sulla pasta la frutta secca tagliata, le castagne e le mele a dadini, l’uvetta ravvivata. Lavorare in modo che la frutta resti ben amalgamata all’impasto.
  10. Formare un salsicciotto lungo e cicciotto, e adagiarlo sulla leccarda rivestita da carta forno. Lasciar lievitare nuovamente per 30 minuti.
  11. Preriscaldare il forno statico a 200°C e cuocere il pane per 40 minuti, finchè non risulta ben dorato.
  12. A cottura ultimata, togliere dal forno e lasciar raffreddare completamnete sulla griglia così che non resti umida la parte inferiore del pane.

Il pane valdostano con frutta secca si conserva per diversi giorni in un sacchetto per pane. E’ delizioso per accompagnare salumi e formaggi, ma è altrettanto favoloso con della confettura!

Pane valdostano con frutta secca

Vediamo insieme le proposte delle altre regioni:

Valle d’Aosta: Pane valdostano con frutta secca
Piemonte: Dolce al Vin Brulè con granella alle Nocciole per l’Italia nel Piatto
Liguria: Trofie con funghi, noci e pinoli 
Lombardia: non partecipa
Trentino-Alto Adige: Stracadenti 
Veneto: Pan del Doge 
Friuli-Venezia Giulia: non partecipa
Emilia-Romagna: I mandorlotti 
Toscana: Panforte e panpepato di Siena 
Umbria: Torcolo al latte con frutta secca 
Marche: Le pecorelle, il dolce per la Befana di Corinaldo 
Lazio: I maccheroni con le noci 
Abruzzo: Coperchiole abruzzesi con miele e noci 
Molise: Salame di noci 
Campania: Pasta con crema di noci e pinoli, porri e pancetta 
Puglia: Ostie chiéne 
Basilicata: non partecipa
Calabria: Stracette riggitani
Sicilia: Cubbaita il croccante di frutta secca –
Sardegna: S’Aranzada 
Italia nel piatto

Pane valdostano con frutta secca

Articoli correlati:

Trota alla Valdostana – L’Italia nel piatto

Pane di segale tedesco simil Landbrot



Seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se vuoi chiedermi un consiglio per personalizzare e rifare una mia ricetta, scrivimi qui. Poi scatta una foto del piatto ricreato, e condividila sui tuoi profili social utilizzando il mio hashtag #delizieeconfidenze e taggandomi su IG utilizzando @delizieeconfidenze

Ti sono grata per il tuo supporto al mio lavoro!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter, e  Pinterest.

28 Commenti

  1. Pingback: Le pecorelle, il dolce per la befana di Corinaldo | Forchetta e Pennello

  2. Pingback: Coperchiole Abruzzesi con Miele e Noci - unamericanatragliorsi

  3. Che delizia questo pane! Buon anno cara 🙂

  4. Pingback: Kipferl alle mandorle e nocciole

  5. dev’essere buonissimo!
    lo rifaccio di sicuro!
    ciao

    elisa

  6. Com’è ricco di ingredienti questo pane. Deve essere particolare. MI incuriosisce soprattutto la presenza della mela cotta. Bellissima proposta.

  7. Ha un aspetto meraviglioso e dev’essere buonissimo!
    Baci,
    Mary

  8. Ha un aspetto meraviglioso e dev’essere buonissimo!
    Baci,
    Mary

  9. Buono e tanto goloso il tuo pane!
    Milena

  10. Pingback: Il salame di noci - TartetaTinA

  11. Immagino che buon profumo deve avere questo pane!

  12. Anche le castagne.. dev’essere proprio buono! Ti auguro un ottimo 2020!

  13. Un ottimo pane , ricco e goloso, grazie della ricetta!

  14. arbanelladibasilico

    Che bontà Sabri, un riciclo delizioso! Bacione e buon anno 🙂

  15. wow che spettacolo di pane, anche le mele, va assolutamente provato, è davvero molto originale! Bravissima!

  16. Pingback: Frittelle di mele valdostane (dalla tradizione valdostana alla mia rivisitazione) - Delizie & Confidenze

  17. Pingback: Strudel al cioccolato (ricetta senza latticini) - Delizie & Confidenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.