Castagnole di nonna Maria

Nuovo appuntamento con la Rubrica Idea Menù ed il menù odierno dedicato al Carnevale. A portare il dolce oggi sono io, e quale occasione migliore per proporvi le castagnole di nonna Maria?

Le castagnole di nonna Maria sono le castagnole che prepara da sempre mia mamma, da qui il nome “castagnole di nonna Maria” che gli ha attribuito lo gnomolo. Si tratta di una ricetta tradizionale familiare, una ricetta che sa di ricordi e che viene tramandata da madre in figlia.  Insomma, non c’è Carnevale per noi senza le castagnole di nonna Maria!

La tradizione familiare vuole delle castagnole il cui impasto sia molle, da lavorare a cucchiaio, e preparate con burro e latte vaccino, fritte in abbondante olio caldo, per poi esser servite ricoperte da miele. Per motivi di allergia al latte e derivati, la ricetta di famiglia ha subito una piccola variazione che vede la sostituzione dei latticini con alternative vegetali per delle castagnole dairy free altrettanto deliziose!

Inoltre, abbiamo fatto felice papo quest’anno lasciando le castagnole semplicemente ricoperte da zucchero semolato, mentre per me e lo gnomolo non possono non esser che ricoperte da miele, rigorosamente Mielbio di fiori per me, e Mielbio di Asiago per lui, entrambi della linea Mielbio Rigoni di Asiago!

Il Mielbio di Asiago è un miele dalla consistenza cremosa, ideale da spalmare sul pane per una merenda golosa e sana, da abbinare a formaggi e carni, o da gustare a cucchiaiate proprio come fa lo gnomolo! Nato da una miscela di miele di nettare (millefiori) e di melata dell’Altopiano di Asiago, caratteristico è il suo colore che varia dal crema chiaro all’ambrato, e dal profumo speziato, con una leggera nota vegetale. Il suo sapore è avvolgente e leggermente acidulo, perfetto per accompagnare un dolce fritto quale le castagnole di nonna Maria!

Il Mielbio di fiori invece ha una consistenza più liquida, perfetto da utilizzare come dolcificante, anch’esso favoloso da gustare semplicemente su una fetta di pane, o per la preparazione di dolci e piatti salati, in abbinamento a frutta ma anche a formaggi più stagionati e carni rosse. E’ il classico miele millefiori del Nord e del Centro Italia, dal gusto ricco di profumi e di sapori dei prati.

E mentre voi scegliete il Milebio che più preferite, io vi lascio la ricetta delle nostre castagnole di famiglia, o meglio, le castagnole di nonna Maria!

Castagnole di nonna Maria

Ingredienti

  • 2 uova
  • 350 gr di farina 00
  • 50 gr di margarina senza olio di palma
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 1/2 bicchiere di latte vegetale
  • 1/2 bicchiere di vino bianco da tavola
  • 1 limone (buccia grattugiata)
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia*
  • 1 cucchiaino di lievito
  • olio di semi per friggere (io di arachide)
  • zucchero semolato per completare oppure Mielbio Rigoni di Asiago**

*La vaniglia può essere sostituita da una bustina di vanillina o dai semi ricavati da una bacca di vaniglia

**In alternativa allo zucchero semolato, le castagnole possono essere ricoperte con del miele.

Procedimento

  1. In un pentolino far sciogliere a fuoco basso la margarina nel latte vegetale; quindi lasciarlo raffreddare completamente.
  2. Nel frattempo, in una ciotola versare la farina, il lievito, l’essenza di vaniglia, lo zucchero semolato, ed il vino. Lavorare con una frusta a mano incorporando un uovo alla volta, alternando con il composto di latte vegetale e margarina ormai freddo.
  3. Aggiungere la buccia grattugiata del limone. L’impasto deve risultare liscio, morbido ma non troppo liquido (la consistenza simile ad una pastella).
  4. In una capiente padella dai bordi alti, portare a temperatura abbondante olio per friggere.
  5. Quando l’olio sarà ben caldo*, con l’aiuto di due cucchiai, prelevare una piccola parte di composto e farla cadere nell’olio caldo.
  6. Proseguire fino ad esaurimento del composto, senza però riempire troppo la padella di castagnole per evitare che si attacchino tra loro, ed avere lo spazio necessario per farle roteare e, quindi, dorare su tutti i lati in maniera omogenea.
  7. Prelevare le castagnole con un mestolo forato, e adagiarle in un piatto coperto da carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.
  8. Trasferire le castagnole in un piatto colmo di zucchero semolato, farle roteare per far aderire lo zucchero alle castagnole, e trasferirle nel piatto da portata.**

*Per capire quando l’olio ha raggiunto la giusta temperatura, senza l’utilizzo di termometri, faccio la prova versando una piccola quantità di composto nell’olio: se questa inizia a sfrigolare venendo a galla, l’olio ha raggiunto la giusta temperatura e procedo con la cottura dei miei dolci.

**Se si preferisce una glassatura di miele invece, far scaldare quest’ultimo in un pentolino, su fiamma bassa, fino a quando diventa ben liquido. Disporre le castagnole nel piatto da portata, e glassare versando sopra il miele liquido. Lasciar raffreddare e gustare.

 

Castagnole di nonna Maria

Scopriamo insieme il Menù per Carnevale al suo completo:

Rubrica Idea Menù
Rubrica Idea Menù

Antipasto da Laura: Finti pasticcini 
Primo da Paola: Le mafaldine o lasagnette con ragù a sorpresa 
Secondo da Linda: Wurstel e patate 
Dolce da ma: Castagnole di nonna Maria
5° portata da Carla: Torretta di coppa e robiola 

 

 

Il Mielbio è un prodotto fornito da Rigoni di Asiago

Articoli correlati:

Cicerchiata

Le Chiacchiere della Simo

Castagnole colorate per dei coriandoli tutti da gustare (con colori naturali)

Frappe Arlecchino



Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se vuoi chiedermi un consiglio per personalizzare e rifare una mia ricetta, scrivimi qui. Poi però scatta una foto del piatto ricreato, e condividila sui tuoi profili social utilizzando il mio hashtag #delizieeconfidenze e taggandomi su IG utilizzando @delizieeconfidenze

Ti sono grata per il tuo supporto al mio lavoro!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter, e  Pinterest.

13 Commenti

  1. Cara Sabrina, la famose castagnole, chi non le conosce deve assolutamente provarle, molto buone.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

  2. arbanelladibasilico

    Sono buonissime, potrei mangiarne una tonnellata senza fare una piega 🙂 Bacioni

  3. Dolce tipico di Carnevale che non può mancare, se poi diventa ricetta di famiglia con il valore aggiunto dei ricordi e del sapore di casa, ancor più buone, anche con le varianti necessarie per l’allergia del piccolo!!!
    Baci

    • Vero, le ricette di famiglia hanno sempre quel qualcosa in più che le rende uniche! Si, qui ormai si va di varianti, anche perché ormai anche io e papo ci siam abituati a questi sapori, e preferiamo il dairy free 😉
      Un bacione grande

  4. Eh se si potessero rubare dal web non avresti più la foto, parola mia!!!! che buone!!! Deliziose sia con il miele che con lo zucchero 🙂
    Baci

  5. Potrei fare pazzie per un vassoio di queste castagnole. Mi vanno bene sia con il miele che con lo zucchero 😉
    Un bacio

  6. Pingback: Wurstel e patate - La mia famiglia ai fornelli

  7. ti confesso che le sento nominare molto spesso ma non le ho mai assaggiate nè preparate…prendo l’occasione della tua ricetta per farlo al più presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.