Stracciatella alla romana

Stracciatella alla romana

La stracciatella alla romana è una minestra a base di brodo di carne e uova sbattute, semplicissima da preparare e sostanziosa, ricca di gusto.

Un primo piatto tipico della tradizione romana e del Lazio in generale, di povere origini, oggi preparato soprattutto nel periodo natalizio.

Come ogni piatto tradizionale che si rispetti, la stracciatella viene preparata ed apprezzata anche in altre Regioni del centro Italia.

Un piatto semplice ma sostanzioso: la stracciatella alla romana

La stracciatella alla romana è una ricetta davvero semplice da preparare, ma allo stesso tempo è nutriente e sostanziosa, un vero comfort food che scalda corpo e spirito con gusto e semplicità.

Le origini contadine della stracciatella fanno si che gli ingredienti per prepararla siano di facile reperibilità: bastano infatti del brodo di carne, delle uova e del Parmigiano Reggiano grattugiato (a lunga stagionatura).

A questi vengono aggiunti noce moscata, buccia grattugiata di limone e sale (tanto quanto necessario per regolarne la sapidità): la stracciatella risulta più saporita e profumata. Insomma, una ricetta a prova di buongustai!

Limone si, limone no.

Spesso la stracciatella alla romana viene preparata con le sole uova sbattute con Parmigiano. Si ha un piatto altrettanto buono e corroborante ma si perdono completamente quelle note di sapore e aroma che l’aggiunta di noce moscata e limone apportano al piatto rendendolo così particolare.

Come preparare la stracciatella alla romana

Per preparare la stracciatella alla romana bisogna prima di tutto preparare del buon brodo di carne.

Solamente quando il brodo è pronto, si passa alla preparazione delle uova.

Le uova vengono sbattute a mano insieme al Parmigiano grattugiato , al sale e alla noce moscata. L’aggiunta della buccia di limone grattugiata non è indispensabile, ma (credetemi) fa la differenza!

Il brodo viene filtrato così da avere un liquido “pulito” e trasparente e portato nuovamente a bollore. Quando bolle, va versato al suo interno il composto di uova sbattute e formaggio.

Si lascia cuocere un minuto e poi si mescola subito (meglio se con una frusta a mano): in questo modo l’uovo si “straccia”, formando tanti piccoli grumi o filamenti all’interno del brodo.

Il risultato è una minestra liquida ma cremosa, caratteristica quest’ultima data dalla cottura dell’uovo nel brodo.

Per un risultato eccellente, bisogna dosare bene la quantità di brodo rispetto al composto di uova: infatti se il brodo è troppo rispetto al composto di uova, si ottiene una minetsra troppo brodosa e si perde la particolarità ed il sapore stesso della stracciatella. Al contrario, se il brodo è troppo poco, la minestra viene troppo densa e si rischia di mangiare una crema cotta invece che gustare la stracciatella alla romana.

Un comfort food anti-freddo

Come già spiegato in questo articolo, ci sono dei piatti che sono grandi alleati contro il freddo, ricchi di nutrienti e dal potere anti-freddo. Tra questi ci sono le zuppe e le minestre.

La stracciatella alla romana rientra in queste categorie, considerata una zuppa calda da preparare soprattutto per il pasto serale, quando (in passato) si tornava a casa dai campi dopo una giornata di pesante lavoro, e si necessitava di un piatto nutriente, che rigenerasse il corpo e fosse di aiuto nel recuperare le forze, per scaldarsi e ristorarsi.

La stracciatella infatti, è una buona fonte di proteine e ha una quantità di grassi limitata. Questo la rende oltresì utile in caso di malanni di stagione (quali raffreddori e influenza) per dare supporto e al nostro organismo.

Gli ingredienti della stracciatella alla romana

Le uova

Come accennato sopra, sono le uova le protagoniste indiscusse di questo piatto.

Sebbene siano state a lungo incriminate come alimento pericoloso per il loro contenuto di colosterolo, le uova sono un importante nutrimento, ricche di proteine e vitamine.

Importante è l’apporto di vitamina D che il consumo di uova apporta al nostro organismo (importantissima per il nostro sistema immunitario), nonchè di vitamina E, di calcio e zinco.

Alta è la percentuale di proteine presenti nell’uovo mentre ridotti sono i grassi e l’apporto calorico.

Certo, non bisogna trascurare l’aspetto colesterolo, per il quale (come per tutte le cose) non bisogna eccedere nel loro consumo.

Il Parmigiano Reggiano

Sfogliando le mie ricette, si noterà come il Parmigiano Reggaino sia sempre presente sotto la voce “formaggio”.

Nell’articolo dedicato alle allergie alimentari, ho riportato alcune informazioni preziose su come il suddetto formaggio sia l’unico il cui consumo è consigliabile nei casi di allergia alimentare al latte vaccino e suoi derivati (salvo diversa indicazione del proprio medico specialistico).

Parliamo del Parmigiano Reggiano con stagionatura oltre i 30 mesi (purchè consumato in quantità moderata).

Alcuni studi medici recenti hanno dimostrato che i soggetti allergici alla caseina (la proteina principale del latte) sono asintomatici all’assunzione di Parmigiano Reggiano, purché sia un Parmigiano a lunga stagionatura.

Per saperne di più su questo tema, ti invito a leggere il mio articolo.

Il brodo di carne

Ultimo, ma non per importanza, è il brodo di carne.

Spesso il brodo di carne viene utilizzato come piatto di recupero del bollito di carne, ma si può preparare un ottimo brodo di carne giusto per l’occorrenza, mettendo a cuocere dei piccoli tagli di carne ai quali aggiungo sempre una cipolla, una patat, una carota e una costa di sedano.

A volte mi piace arricchire il gusto del brodo aggiungendo una spolverata di noce moscata e dei hciodi di garofano applicandoli (infilzandoli) alla cipolla.

La cottura del brodo è lenta e prolungata, su fiamma bassissima e chiuso con coperchio (almeno 2 ore di cottura dal primo bollore dell’acqua).

Spesso viene utilizzato un taglio di muscolo di vitella per preparare il brodo di carne o dei tagli vari di gallina.

Per via dell’allergia al latte di cui soffre mio figlio, tutto ciò che è mucca (vitello, vitellone, mucca, manzo) è off limits. Per questo motivo, il mio brodo di carne è quasi sempre di gallina (pollo o gallina,) soprattutto quando le carni provengono dal “pollaio di famiglia”. Rare altre volte utilizzo tagli vari di altre carni per preparare il brodo.

Ricordo che quando ero piccola e, nel periodo invernale, avevo forti raffreddori e/o bronchiti, mia nonna materna mi preparava delle fumanti tazze di brodo di gallina, da farmi sorseggiare finchè caldo (incandescente sottolinerei), perchè “così ti passa tutto” diceva sempre.

Dal piatto povero contadino al piatto della tradizione natalizia

Sarà stato per la semplicità della sua preparazione, sarà stato per la reperibilità degli ingredienti, oppure per la sua bontà e leggerezza, che la stracciatella è diventata negli anni una ricetta della tradizione natalizia romana.

La tradizione infatti vuole che venga preparata tra il 25 ed il 26 dicembre, per “alleggerire” il pasto dopo l’abbuffata della sera della Vigilia di Natale.

Non potevo quindi non offrirvi un corroborante e delizioso piatto di stracciatella alla romana in occasione del nostro appuntamento con la Rubrica Al Km 0 ed il menù odierno decìdicato alle “Ricette per le festività”.

Perchè a Roma non c’è Natale che si rispetti senza la stracciatella alla romana: fumante, equilibratamente brodosa e cremosa, profumatissima.

Stracciatella alla romana

5 from 1 vote
Recipe by Delizie & Confidenze Course: Uncategorized
Servings

4

servings
Prep time

30

minutes
Cooking time

40

minutes

La stracciatella alla romana è una minestra a base di brodo di carne e uova sbattute, semplicissima da preparare e sostanziosa, ricca di gusto.
Un primo piatto tipico della tradizione romana e del Lazio in generale, di povere origini, oggi preparato soprattutto nel periodo natalizio.
La stracciatella alla romana è una ricetta davvero semplice da preparare, ma allo stesso tempo è nutriente e sostanziosa, un vero comfort food che scalda corpo e spirito con gusto e semplicità.

Ingredients

  • 4 uova intere fresche

  • 1 lt brodo di carne filtrato

  • 50 gr Parmigiano Reggiano 36 mesi

  • 1 limone (la buccia grattugiata)

  • q.b. noce moscata

  • q.b. sale fino

Directions

  • Per preparare la stracciatella alla romana bisogna prima aver preparato il brodo di carne e, una volta pronto, filtrare il brodo per eliminare verdure e carne ed ottenere un liquido “pulito”.
  • Versare il brodo filtrato in una pentola e portare al bollore.
  • Nel frattempo, in una terrina rompere le uova e sbattere con una forchetta (o una frusta a mano).
  • Aggiungere il formaggio grattuggiato, la scorza di limone grattugiata, la noce mostata (anch’essa grattugiata) ed un pizzico di sale. Sbattere ancora per maalgamare bene il tutto.
  • Versare il composto di uova sbattute nel brodo in ebollizione.
  • Lasciar cuocere per un minuto poi mescolare con una frusta a mano fino a “stracciare” le uova in cottura ed ottenere una sorta di “fiocchetti”.
  • La stracciatella alla romana è pronta: aggiustare eventualmente di sale, impiattare e servire ben calda.

Notes

  • La stracciatella alla romana va preparata al momento e servita ben calda.
  • E’ possibile preparare il brodo di carne in anticipo e conservarlo in frigorifero. Filtrare e portare al bollore prima di versare il composto di uova sbattute e formaggio.
  • E’ possibile omettere la noce moscata e la buccia di limone al composto di uova e formaggio, rinunciando però al sapore ed il profumo che caratterizzano la stracciatella stessa.
  • NON SPRECARE: il brodo di carne può esser conservato in appositi contenitori (di vetro e sterili, sanificati) per diverso tempo. Basta versarlo nei contenitori quando ancora ben caldo, chiuderli ermeticamente e lasciar raffreddare a temperatura ambiente prima di riporli infrigo (dove si conserverà per alcune settimane) o nel congelatore (dove si conserverà per un paio di mesi).
  • Utilizzare la carne del brodo per prepara un delizioso piatto di lesso da accompagnare con le verdure utilizzate per la cottura del brodo stesso. Per arricchire di gusto questo secondo piatto, si possono aggiungere delle mostarde senapate e/o di frutta.

Scopriamo insieme le altre proposte del menù “Ricette delle feste”:

Carla: Arrosto arrotolato con zucca mele e castagne
Laura: Ravioli di Zucca al Forno alle Erbe
Simona: Biscotti gluten free di grano saraceno e riso integrali farciti con confettura

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e su Pinterest


Potrebbero interessarti anche:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
Simona
8 mesi fa

Sai che la stracciatella si fa anche qui in Piemonte nello stesso identico modo, ma non per Natale, anzi si fa più proprio per i convalescenti con un buon brodo leggero di carne (magari di pollo) con il limone, si. Mi ricordo mia suocera la preparava spesso, ma mio marito non piaceva un granché, forse la associava a qualche malanno chissà 😂 io l’ho fatta una volta ma non mi è venuta un granché bene, la tua invece è fatta a regola d’arte e vorrei davvero assaggiarla!

sabrina
8 mesi fa
Reply to  Simona

Dai, non credevo si prepara se anche lì. Io la preparo non solo per il Natale: è il mio salvacena preperito durante l’inverno!
Anche per i miei malanni di stagione mia nonna mi preparava il brodo di pollo, però puro, senza stracciatella, che mi faceva sorseggiare quando era ancora incandescente… Puntualmente mi ustionato lingua e palato, quindi poi il rwffreddore passava per forza di cose in secondo piano😂😂😂
Se devo dirla tutta, questa fotografata di stracciatella non è tra le mie migliori: la preferisco quando i fiocchi restano più piccoli e non grossi come questa. Ho aspettato troppo prima di mescolata con la frusta, ma va beh, è solo una preferenza personale.
Ps: non ci credo che qualcosa sia venuta non bene a te che sei fabtastica in cucina!

Simona
8 mesi fa
Reply to  sabrina

Mi hai fatto troppo ridere 😂
(Giuro: l’ho cucinata due volte ma non mi è venuta affatto bene, che fosse sbagliata la ricetta della suocera?🤭🤫😬)

sabrina
8 mesi fa
Reply to  Simona

E allora non ti resta che provare la mia ricetta😜

carla emilia
carla emilia
8 mesi fa

Era la mia minestra preferita quando ero piccola e mi piace sempre moltissimo! Bacione

sabrina
8 mesi fa
Reply to  carla emilia

Si, anche a me piace moltissimo!
Diciamo che di base il brodo lo preparo spesso, e capita di gustare la stracciatella non così di rado!

Piccolalayla - Profumo di Sicilia

Wuauu con questo a tavola freddo non ti temo… Sento il suo sapore ad ogni cucchiaiata…a presto La

trackback

[…] Stracciatella alla romana Saccottini di crepes agli albumi e zafferano con brie, noci e Fiordifrutta agrumi e zenzero Tagliolini al cacao con gamberetti, stracciatella e pinoli Gnocchetti al salmone e mandorle Insalata di finocchi, arance e mele con aceto balsamico e miele Nocchiata artenese Panettone veloce all’olio Panettone semplice […]