Charlotte (simil) tiramisù

Charlotte (simil) tiramisù

La Charlotte tiramisù è un dolce scenografico perfetto per le occasioni speciali, feste e compleanni. E’ una torta che unisce la delicatezza della Charlotte alla bontà del tiramisù, un dessert al cucchiaio davvero goloso.

La rivisitazione dairy free del tiramisù:

la mia crema perfetta che sostituisce alla perfezione il mascarpone

Anche se dobbiamo rinunciare al classico mascarpone per via dell’allergia alle proteine del latte, ho trovato questo mix di sapori che a mio avviso è perfetto, tanto che i miei commensali si son accorti della differenza solo dopo diversi cucchiaini e non hanno esitato a gustarlo fino alla fine, chiedendone anche un bis!

La vellutata e golosa crema che preparo per i miei tiramisù è composta da yogurt di soia e mandorle alla vaniglia e panna vegetale di soia, lavorate insieme per ottenere la crema golosissima che va a creare un’armonia infallibile con il caffè ed i savoiardi.

Inoltre questa mia crema è priva di uova, non si avrà quindi il problema di pastorizzare quest’ultime per il consumo a crudo (come invece è necessario per la classica crema al mascarpone del tiramisù).

I savoiardi invece sono quelli morbidi e lunghi di SavoSardo Giovanni Moro, un gradito omaggio ricevuto dal mio caro amico Giovanni Moro, che ringrazio dedicandogli questo dolce.

Charlotte (simil) tiramisù

Recipe by Sabrina Pignataro
5.0 from 3 votes
Course: Dessert, Dolci al cucchiaio, Torte senza cotturaCuisine: cucina italiana, dairy freeDifficulty: facile
Servings

1

stampo da 18 cm
Prep time

15

minutes
Resting Time

5

hours 

La Charlotte tiramisù è un dolce scenografico perfetto per le occasioni speciali, feste e compleanni. E’ una torta che unisce la delicatezza della Charlotte alla bontà del tiramisù, un dessert al cucchiaio davvero goloso.
Questa è la mia rivisitazione dairy free del tiramisù, con la mia crema perfetta che sostituisce alla perfezione il mascarpone.

Ingredients

  • 250 gr Savosardo Moro

  • 220 gr yogurt di soia e mandorle alla vaniglia

  • 200 ml panna soia da montare

  • 4 tazzine caffè espresso

  • 2 fogli colla di pesce

  • 2 cucchiai zucchero semolato

  • q.b. cacao amaro in polvere

Directions

  • Preparare il caffè espresso, zuccherarlo e tenere da parte.
  • In un recipiente adagiare i fogli di colla di pesce e ricoprire con acqua fredda. Lasciare in ammollo per 5 inuti.
  • Con le fruste elettriche semi-montare la panna di soia, quindi unire lo yogurt di soia e mandorle alla vaniglia e montare ancora fino ad ottenere un composto voluminoso e compatto.
  • Strizzre i fogli di colla di pesce dopo l’ammollo, trasferirli in un pentolino e porre sul fuoco a fiamma bassa.
    Senza aggiungere liquidi, lasciar sciogliere completamente mescolando delicatamente.
    Unire al composto di panna e yogurt e amalgamare bene.
  • Rivestire la base della tortiera con anello a cerniera con un foglio di carta forno, mentre disporre sui lati un anello di acetato per pasticceria (in alternativa, utilizzare la pellicola alimentare facendola ben aderire alle pareti per evitare pieghe e grinze varie).
  • Ritagliare i SavoSardo Moro ad una altezza pari all’anello della tortiera (lato apribile), quindi formare un disco tutt’intorno con i savoiardi tagliati.
    Con un pennello da pasticcere, bagnare il lato interno dei savoiardi con il caffè.
  • Disporre uno strato di savoiardi imbevuti nel caffè ormai raffreddato e creare una base omogenea.
  • Versare sopra la base di SavoSardi una generosa quantità di crema, quindi livellare bene e spolverare con del cacao amaro in polvere.
  • Creare un secondo strato di savoiardi imbevuti nel caffè e ricoprire ancora con la crema, livellare bene.
  • Trasferire la restante crema nella sac a poche con beccuccio tondo liscio (da 24) e creare dei ciuffi di crema a decorare tutta la superficie del dolce.
  • Lascia riposare la charlotte in frigorifero, chiusa nell’apposito porta torte, per circa 3 -5 ore: più la charlotte riposa, più sarà buona e compatta.
  • Trascorso il tempo del riposo, estrarre il dolce dal forno, lasciar riposare qualche minuto a temperatura ambiente, esrarla dallo stampo (operazione semplice se si utilizza uno stampo a cerniera) e spolverare con il cacao amaro in polvere prima di servire.

Notes

  • La charlotte (simil) tiramisù si conserva in frigorifero per 2-3 giorni masismo, chiusa nell’apposito porta-torte o coperta con della pellicola alimentare.
  • Per rendere la charlotte ancor più bella e scenografica per la tavola, avvolgere intorno al dolce un nastro per torte.
  • Per una dolce dal gusto più deciso, destinto al consumo da parte di soli adulti, è possibile aggiungere al caffè del liquore a scelta (perfetto sarebbe del liquore all’anice).

NB: Per la mia crema perfetta per il tiramisù senza proteine del altte, utilizzo uno specifico yogurt di soia e mandorle alla vaniglia. Se vuoi provarla anche tu e vuoi utilizzare il mio stesso yogurt, scrivimi e ti indico quale utilizzo io.


Potrebbero interessarti anche:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments