No Dairy Eggnog

Eggnog

L’Eggnog è una bevanda anglosassone tipica del Natale, cremosa e dal sapore dolce e speziato.

Le spezie più comuni utilizzate nell’eggnog sono la noce moscata, la cannella e i chiodi di garofano.

La bevanda è a base di uova, latte, panna, zucchero e spezie e viene preparata e servita durante le feste natalizie in molti paesi come Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia.

L’eggnog può essere servito caldo o freddo, da sorseggiare da solo o accompagnato da dolci natalizi, come biscotti o torte.

La storia dell’Eggnog

L’eggnog ha una storia antica e tracce delle prime ricette di questa bevanda risalgono al Medioevo. Originariamente la bevanda era utilizzata come alimento fortificante per via delle proprietà degli ingredienti utilizzati (uova, latte e spezie).

Fu nel XIX secolo che l’eggnog divenne popolare come bevanda natalizia: in questo periodo, infatti, la bevanda iniziò a essere aromatizzata con liquore, rendendola ancora più gustosa e ricca.

Oggi, l’eggnog rimane la bevanda anglosassone d’eccellenza del periodo delle feste di Natale e Capodanno.

L’eggnog è una bevanda che è stata protagonista di molte opere di letteratura e di cinema; ed è stata la ricetta di maggior successo condivisa lo scorso anno per gli amici che hanno partecipato al freeebie natalizio, organizzato in collaborazione con Carolina va in città, e che oggi voglio condividere con tutti voi.

Eggnog per tutti: la mia rivisitazione dairy free

Come già spiegato sopra, l’eggnog viene preparata con uova, latte e panna, spezie e zucchero. Bevanda deliziosa ma non adatta per chi ha allergia alimentare al latte e derivati del latte (parliamo dunque di allergia alla caseina, ovvero le proteine del latte).

Eco dunque che per rendere l’eggnog una bevanda ideale da sorseggiare durante le feste natalizie senza escludere nessuno, ho cercato di sostituire i prodotti incriminati con alternative vegetali, fino ad arrivare alla scelta di quelli che riporto in questa ricetta e che, a mio avviso, garantiscono un gusto altrettanto armonioso tra cremosità, sapore e dolcezza.

Come preparare un perfetto Eggnog

La preparazione dell’eggnog è relativamente semplice ma richiede un po’ di attenzione se si vuol servire una bevanda calda: è importante infatti non cuocere l’eggnog troppo onde evitare che la bevanda perda di cremosità e che gli ingredienti si separerino.

Personalmente preferisco sorseggiare l’eggnog caldo ed il modo più semplice per servirlo così è (secondo me) scaldarlo a bagnomaria.

Tanti modi per gustare l’Eggnog

L’eggnog può essere arricchito servendolo con panna montata o aggiungendo del liquore: la panna montata conferisce alla bevanda una consistenza più cremosa, mentre il liquore le conferisce un sapore più ricco e alcolico.

Dal classico Eggnog anglosassone è possobile preparare diverse varianti per deliziare ogni palato:

  • Eggnog al cioccolato: aggiungere al composto 100 g di cioccolato fondente fuso,
  • Eggnog al caffè: aggiungere al composto 2 cucchiai di caffè solubile,
  • Eggnog al caramello: aggiungere al composto 100 g di caramello liquido,
  • Eggnog alla frutta: aggiungere al composto 100 g di frutta fresca, come fragole, banane o lamponi,
  • Eggnog analcolico: ideale per i più piccoli, da preparare omettendo la parte alcolica e aumentando un poco la quantità di panna,
  • Eggnog alcolico: aggiungere alla ricetta del liquore come rum, brandy o whisky,
  • Eggnog aromatizzato: aggiungere alla ricetta della scorza grattugiata di limone o arancia.

Per i più golosi, è possibile servire l’Eggnog non soltanto con un bel ciuffo di panna montata (che sia vegetale o meno), ma arricchendolo con topper al cioccolato, alla frutta o caramello, con dei biscottini speziati o con codette colorate.

Eggnog

5 from 1 vote
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Bevande, Bevande natalizieCuisine: cucina anglosassoneDifficulty: Facile
Servings

2

servings
Prep time

10

minutes
Cooking time

2

minutes

L’Eggnog è una bevanda anglosassone tipica del Natale, cremosa e dal sapore dolce e speziato.
Le spezie più comuni utilizzate nell’eggnog sono la noce moscata, la cannella e i chiodi di garofano.

La bevanda è a base di uova, latte, panna, zucchero e spezie e viene preparata e servita durante le feste natalizie che può essere servito caldo o freddo, da sorseggiare da solo o accompagnato da dolci natalizi, come biscotti o torte.

Ecco come fare l’Eggnog perfetto con bevande vegetali, da poter servire anche a coloro che hanno allergia al latte e derivati del latte (intolleranza al lattosio e/o allergia alle proteine del latte-caseina-), senza rinunciare al gusto avvolgente e unico della bevanda.

Di seguito la ricetta dell’Eggnog (rivisitata con alternative vegetali), ricetta classica ed alcolica, ma le varianti sono molte, tutte gustose, anche senza parte alcolica per i più piccoli.

Ingredients

  • 100 ml 100 latte (io bevanda vegetale all’avena linea ” Alpro barista”

  • 50 ml 50 panna da montare (io alla soia)

  • 15 ml 15 brandy

  • 15 ml 15 rum scuro

  • 10 ml 10 estratto di vaniglia Bourbon

  • 30 g 30 zucchero semolato

  • 1 cucchiaino 1 noce moscata (grattugiata al momento)

  • 1/2 cuchiaino 1/2 cannella in polvere

  • 1/4 cucchiaino 1/4 chiodi di garofano in polvere

Directions

  • In una ciotola capiente, sbattere le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso.
  • Unire il latte, la panna e le spezie e mescolare fino a ottenere un composto omogeneo.
  • Versare l’eggnog in bicchieri e servire caldo o freddo.
  • Versione fredda:
    preparare il composto utilizzando ingredienti ben freddi di frigorifero, seguendo le indicazioni come da punto 1 e 2.
  • Versione calda:
    una volta preparato il composto, trasferirlo in un pentolino e portare sul fornello (fiamma bassa) per farlo scaldare giusto qualche istante, affinchè diventi caldo ma il composto non si separi. Durante l’operazione, mescolare con una frusta amano.

    In alternativa, è possibile scaldare il composto a bagnomaria onde evitare che scaldi troppo e che si separi.

Notes

  • Per versione fredda: utilizzare ingredienti ben freddi di frigorifero. Per versione calda: scaldare qualche istante (meglio se a bagnomaria) e servire subito.
  • Una volta pronto, l’Eggnog va conservato in frigorifero, chiuso in una bottiglia di vetro ermetica e consumato entro 48 ore massimo.
  • E’ possibile preparare svariate versioni di questa bevanda:
  • – aggiungendo panna montata prima di servire con l’aggiunta di codette di cioccolato, biscottini o zuccherini vari. – Si può omettere il liquore e preparare una versione analcolica adatta anche ai bambini.
  • – Per un Eggnog più aromatico si può aggiungere la scorza grattugiata di un agrume.
  • – Si può preparare un Eggnog al cioccolato o al caffè aggiungendo al composto 100 g di cioccolato fondente fuso (e lasciato raffreddare) oppure 2 cucchiaini di caffè solubile.
  • – Per l’Eggnog al caramello basta aggiungere al composto base 100 ml di caramello liquido.
  • – Per una bevanda fruttata invece, una volta pronta la bevanda, servire aggiungendo 100 g di frutta fresca come fragole, banane, lamponi, melograno sgranato, spicchi di mandarino.


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments