Frittelle dolci di Carnevale

Frittelle dolci alla birra con miele e Alchermes

Le frittelle dolci alla birra sono una rivisitazione della ricetta classica della mia famiglia delle castagnole di Carnevale, realizzate con l’aggiunta di birra nell’impasto e servite con miele, semplice o con l’aggiunta di Alchermes.

Dei dolcetti fritti ispirati alle tradizioni carnevalesche italiane, croccanti fuori e sofficissimi dentro, semplicemente irresistibili con la copertura a base di miele.

La ricetta di famiglia

Nel corso degli anni, di castagnole ne ho provate di diverse versioni, rivisitando ricette e provando a realizzarne di nuove.

Ma l’unica ricetta che ci lasciato sempre davvero soddisfatti (a me che le preparo e ai miei maschietti che le divorano) restano le castagnole di mia mamma, ossia le “castagnole di nonna Maria“!

Dalla ricetta della mia mamma ho sostituito il vino con la birra per dei dolcetti dalla crosticina dorata e croccante fuori, con una mollica interna sofficissima, dal gusto delizioso e quella nota leggermente amara donata dalla birra che aiuta ad esaltare la dolcezza della copertura con il miele.

L’impasto molle, simile ad una pastella, si preleva con un cucchiaio e si lascia cadere nell’olio caldo, quindi una doratura uniforme e le frittelle son pronte per esser coperte dal miele.

Copertura con il miele o con l’aggiunta di Alchermes: le tradizioni che si mescolano

Anche qui mi son lasciata ispirare dalle usanze ed ho preparato così due frittelline diverse:

  • le prime, per il mio ometto, sono delle frittelle analcoliche, ricoperte semplicemente con il miele (di cui lui va pazzo) come da ricetta tradizionale di mia mamma,
  • le restanti frittelline sono state ricoperte da un composto di miele al quale ho aggiunto del liquore Alchermes. Questa è un’aggiunta tanto apprezzata da mio marito e che risale alle usanze marchigiane della sua famiglia per ricoprire i dolci di Carnevale.

Personalmente apprezzo entrambe le versioni così, per non far torto a nessuno, ne gusto una con solo miele ed una con l’aggiunta di liquore.

Cos’è l’Alchermes

L’Alchermes è un liquore dolce di color rosso molto utilizzato in pasticceria, che conferisce ai dolci gusto ma soprattutto colore.

Le origini dell’Alchermes sembrerebbero essere arabe ma sono stati gli spagnoli ad introdurlo nella nostra Penisola. Diffososi soprattutto a Firenze dove la famiglia dei Medici ne erano grandi estimatori, apprezzandolo non solo come liquore per la bagna dei dolci, ma anche come liquore da fine pasto.

Il nome Alchermes deriva dalla parola araba al-qirmiz, che significa cocciniglia, questo perchè il colore rosso donato alla bevanda era ricavato proprio dall’omonimo insetto. Oggi la cocciniglia è trasformata nel colorante E120.

In passato, in Sicilia veniva chiamato Archemisi e veniva utilizzato contro i “vermi da spavento”, ovvero per calmare i bambini durante un incubo o nei momenti di paura.

Riconosciuto prodotto agroalimentare tipico della Toscana, l’alchermes viene ancora oggi prodotto nell’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella secondo la ricetta di fra’ Cosimo Bucelli.

(Fonte: Gamberorosso)

Per le mie frittelle, il liquore viene aggiunto e mescolato al miele caldo per poi ricoprire i dolci donando loro colore, aroma e gusto.

Il miele

Prima di lasciarvi alla ricetta, devo aprire una piccola parentesi sul miele da me scelto per la realizzazione della stessa.

Si tratta di un mile italiano, non riscaldato, 100% naturale e dalla texture liquida: è il Mielbio Castagno Rigoni di Asiago.

Il colore di questo miele varia dall’ambra al marrone scuro, mentre il gusto è intenso, aromatico, con retrogusto leggermente amarognolo.

E’ perfetto da gustare al naturale, opppure da utilizzare come dolcificante naturale di tisane o altre bevande calde. Ottimo sostituto dello zucchero, si sposa perfettamente sia con abbinamenti dolci che salati.

Lasciato scaldare leggermente su fiamma bassa per renderlo più liscio, Mielbio Castagno Rigoni di Asiago va a coprire completamente le mie frittelle conferendone gusto e dolcezza, con note ambrate in termini di colore e sfumature atomatiche dolciastre in termini di gusto.

Frittelle dolci alla birra con miele e Alchermes

5 from 1 vote
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Dolci, Dolci fritti, Dolci di CarnevaleCuisine: Cucina italianaDifficulty: Facile
Servings

4

servings
Prep time

20

minutes
Cooking time

20

minutes
Total time

40

minutes

Le frittelle dolci alla birra sono una rivisitazione della ricetta classica della mia famiglia delle castagnole di Carnevale, realizzate con l’aggiunta di birra nell’impasto e servite con miele, semplice o con l’aggiunta di Alchermes.
Dei dolcetti fritti ispirati alle tradizioni carnevalesche italiane, croccanti fuori e sofficissimi dentro, semplicemente irresistibili con la copertura a base di miele.

Ingredients

  • Per le frittelle dolci alla birra
  • 350 gr 350 farina 00

  • 100 gr 100 zucchero semolato

  • 50 gr 50 burro vegetale (senza olio di palma nè grassi idrogenati)

  • 2 2 uova di media grandezza

  • 1 cucchiaino 1 lievito in polvere per dolci

  • 1 cucchiaino 1 estratto di vaniglia

  • 1/2 1/2 limone (la buccia grattugiata)

  • 1/2 bicchiere 1/2 latte vegetale (io di soia senza zuccheri aggiunti)

  • 1/2 bicchiere 1/2 birra chiara

  • Copertura
  • q.b.  Mielbio Castagno Rigoni di Asiago

  • 1 cucchiaio 1 liquore Alchermes

  • Per la cottura
  • q.b. olio di arachidi per friggere

Directions

  • Preparare le frittelle dolci alla birra
  • In un pentolino far sciogliere a fuoco basso la margarina nel latte vegetale; quindi lasciarlo raffreddare completamente.
  • Nel frattempo, in una ciotola versare la farina, il lievito, l’essenza di vaniglia, lo zucchero semolato, la buccia grattugiata del limone e le uova.
    Iniziare a lavorare con una frusta a mano incorporando la birra poca alla volta.
  • Unire anche il composto di latte e burro vegetali ormai freddo.
  • Mescolare accuratamente: l’impasto deve risultare liscio, morbido ma non troppo liquido (la consistenza simile ad una pastella).
  • Cottura delle frittelle
  • In una capiente padella dai bordi alti, portare a temperatura abbondante olio per friggere.
  • Quando l’olio sarà ben caldo*, con l’aiuto di due cucchiai, prelevare una piccola parte di composto e farla cadere nell’olio caldo.
  • Proseguire fino ad esaurimento del composto, senza però riempire troppo la padella di frittelle per evitare che si attacchino tra loro e che scenda la temperatura dell’olio.
    Lasciarle dorare su tutti i lati in maniera omogenea.
  • Prelevare le frittelle con un mestolo forato, e adagiarle in un piatto coperto da carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.
  • Dividere le frittelle in due piatti da portata per completare con la copertura.
  • Copertura delle frittelle
  • In un pentolino versare il Mielbio Castagno Rigoni di Asiago e portare su fiamma bassissima.
    Mescolare con un cucchiaio e lasciar sciogliere completamente.
  • Togliere il miele dal fuoco e versare sulle frittelle.
  • Per le frittelle con l’aggiunta di liquore: aggiungere un cucchiaio di liquore Alchermes al miele caldo e mescolare accuratamente.
    Versare il composto così ottenuto sulle frittelle.

Notes

  • Le frittelle si mantengono come appena fatte se consercate in un contenitore chiuso, mantenendo inalterato gusto e consistenza per 2-3 giorni.
  • Le frittelle sono ottime sia appen fatte che nei giorni a seguire se conservate correttamente.

Sul mio profilo Instagram troverai la video ricette da seguire per la preparazione delle frittelle dolci di birra con miele e Alchermes.

Per altre ricette con i prodotti della linea Fiordifrutta Rigoni di Asiago, segui gli hashtag #Fiordifrutta #RigonidiAsiago #LaNaturaNelCuore #RigoniaTavola

(*ADV)

Le altre ricette con Mielbio (dolci e salate) qui.

Se sei alla ricerca di una ricetta della tradizione carnevalesca, ti consiglio di sfogliare i due magazine ideati da Associazione Italiana Food Blogger nei quali troverai ispirazione sia su ricette italiane che ricette dal mondo.

All’interno dei due magazine, troverai anche le mie ricette:


Articoli correlati:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments