Zeppole al tiramisù

Zeppole al tiramisù

Dolci tipici della festa di San Giuseppe e festa del papà, le zeppole che vi propongo oggi sono una rivisitazione personale della ricetta classica, una fusione perfetta tra tradizione e gusto personale.

Un croccante guscio di pasta choux bagnato al caffè, un ripieno cremoso di mascarpone ed il cacao amaro a pioggia su questi dolcetti che ripropongono il gusto del tiramisù: ecco nascere le zeppole al tiramisù.

Le zeppole sono delle ciambelle di pasta choux cotte in forno e, al posto della classica crema pasticcera e amarena, si lasciano abbracciare dai gusti univoci del tiramisù (dolce molto amato dal nostro papo).

Come preparare le zeppole al tiramisù

La ricetta per preparare le zeppole al forno perfette è quella infallibile delle mie zeppole dairy free (senza lattosio e senza proteine del latte), dal guscio sottile e croccante fuori, gonfie e cave all’interno.

La pasta dei bignè (o pasta choux) è una preparazione base importante della cucina italiana quanto di quella francese, che grazie al suo gusto neutro e delicato, si presta per molte ricette, sia dolci che salate.

Per realizzare delle zeppole uguali in grandezza, ho disegnato dei cerchi sul foglio di carta forno, posto con il lato disegnato verso la teglia, così da seguire con il sac a poche la linea disegnata e realizzare delle ciambelline di pasta choux tutte ugiuali.

Una volta preparare e cotte le zeppole al forno, basterà preparare la crema per la farcia montando il mascarpone con lo zucchero a velo, preparare il caffè espresso e munirsi di buon cacaco amaro in polvere da spolveraze sulla farcia.

Senza latticini: come prepapare le zeppole dairy free

Le zeppole

La ricetta tradizionale richiede quattro ingredienti per la preparazione della pasta choux: latte e burro vaccini, farina 00 ed uova.

Per rendere i miei bignè dairy free e, quindi, ideali per coloro che hanno intolleranza al lattosio e/o allergia al latte e suoi derivati (dunque, anche alle proteine del latte), ho apportato qualche variazione negli ingredienti:

  • latte vaccino: al suo posto ho utilizzato dell’acqua (semplice, naturale, a temperatura ambiente),
  • burro vaccino: sostituito con dell’olio di semi (io di girasole),
  • farina: per questa occasione ho utilizzato la farina di uso comune (tp. 00) ma si possono utilizzare anche altre farine come la farina integrale di avena e donare ai bignè del colore e gusto in più.

La crema

Anche per la classica crema del tiramisù sono necessari alcuni semplici ingredienti: mascarpone, uova e panna per alcuni.

Per rendere la mia farcia ideale per coloro che hanno intolleranze al lattosio e/o allergia alle proteine del latte, ho sostituito gli ingredienti con alternative vegetali, oggi facilmente reperibile in qualsiasi punto vendita specializzato bio o nella grande distribuzione:

  • mascarpone: sostituito con mascarpone vegetale,
  • panna: ho aggiunto della panna vegetale per conferire una maggiore cremosità alla crema

Per la mia crema ho voluto aggiungere un pò di panna al composto perchè ne conferisse una maggiore cremosità e stabilità ma, per chi non gradisse, può tranquillamente ometterla.

Ovvio che parlando di alternative vegetali, il gusto classico del tiramisù non è riproponibile al 100% , ma si avrà un ottimo risultato utilizzando prodotti di qualità.

Si parla di alternative vegetali perchè si ha necessità di eliminare taluni alimenti dal proprio regime alimentare per motivi salutari (nel mio caso, o etici in altri). Per coloro che non hanno di queste necessità, possono preparare la ricetta utilizzando i classici prodotti caseari e preparare la classica crema del tiramisù.

Quando si procede con queste alternative, non ci si può aspettare di ritrovare al palato gli stessi elementi in consistenze e gusto come nelle ricette originali. Bisogna disabutuare il nostro palato ed il nostro cercello ad aspettarsi quei classici gusti.

Per quanto riguarda l’uovo (il tuorlo d’uovo) si può optare per aggiungerlo oppure ometterlo per una crema più leggera. Nel caso si voglia mantenere l’aggiunta del tuorlo d’uovo al mascarpone, consiglio di pastorizzarlo prima di aggiungerlo alla crema di mascarpone.

Qui io ho omesso l’aggiunta di uovo optando per la panna vegetale: la crema risulta più leggera e compatta (ferma, consistente) per mantenere meglio la forma senza bagnare troppo il guscio di pasta choux.

Se non si trova il mascarpone vegetale? Beh, un’ottima alternativa al mascarpone per la realizzazione del tiramisù è la crema preparata per questa charlotte.

La cottura in forno della pasta choux

La ricetta della mia choux dairy free è super collaudata, utilizzata sia per preparare bignè salati, che per delle zeppole con crema al succo di frutta.

Questa ricetta è perfetta per la cottura in forno della pasta choux, ha una resa davvero straordinaria: rispettando tempi e temperature di cottura, garantisco dei bignè gonfi, dorati e cavi all’interno, perfetti per essere riempiti dalle creme che più si preferisce.

La cottura in forno (oltre ad essere una garanzia per l’ottima riuscita dei bignè) offre dei dolci più leggeri e croccanti ma altrettanto golosi rispetto alla pasta choux fritta.

Il segreto per delle zeppole al forno perfette

Il segreto per preparare delle zeppole al forno ben dorate e perfettamente gonfie, è cuocerle con temperature differenti. Non allarmatevi se nei primi minuti di cottura la pasta sembra non gonfiarsi affatto: tempo al tempo e sarete generosamente ripagati dell’attesa!

Dopo un impatto inizale con calore elevato, le zeppole continuano la cottura a temperature sempre inferiori, allo scadere di tempi ben precisi riportati in ricetta. Così facendo, il composto avrà modo di sviluppare bene, di gonfiarsi e raggiungere la giusta cottura in ogni sua parte.

Dopo la cottura, le zeppole vanno lasicate raffreddare all’interno del forno stesso con lo sportello leggermente aperto. Per evitare di inumidire l’impasto delle zeppole, è consigliato farcirle al momento di servirle.

In ultimo, per farcirle si può scegliere se tagliarle a metà oppure utilizzare un beccuccio a siringa e riempirle dall’interno.

La festa del papà

La festa del papà è una ricorrenza diffusa in tutto il mondo sebbene segua delle date diverse. La festività infatti, è variabile da paese a paese, ma le date più comuni sono due:

-19 marzo in alcuni paesi di tradizione religiosa cattolica (come in Italia, in Spagna e Portogallo), giorno associato dalla Chiesa a San Giuseppe,

– 3ª domenica di giugno in molti paesi come in Francia, nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Qualunque sia la data, la festa del papà nasce per celebrare la figura del padre, della paternità, e dell’influenza sociale dei padri.

Zeppole al tiramisù

5.0 from 1 vote
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Dessert, Dolci, Zeppole, Festa del papàCuisine: cucina italianaDifficulty: media
Servings

6

servings
Prep time

30

minutes
Cooking time

1

hour 
Total time

1

hour 

30

minutes

Dolci tipici della festa di San Giuseppe e festa del papà, le zeppole che vi propongo oggi sono una rivisitazione personale della ricetta classica, una fusione perfetta tra tradizione e gusto personale.
Un croccante guscio di pasta choux bagnato al caffè, un ripieno cremoso di mascarpone ed il cacao amaro a pioggia su questi dolcetti che ripropongono il gusto del tiramisù.
Le zeppole sono delle ciambelle di pasta choux cotte in forno e, al posto della classica crema pasticcera e amarena, si lasciano abbracciare dai gusti univoci del tiramisù (dolce molto amato dal nostro papo).
In questa ricetta si utilizzano alternative vegetali per dei dolci senza lattosio e senza proteine del latte ma, se non si hanno particolari restrizioni alimentari, si possono utilizzare prodotti caseari classici per la preparazione della crema.

Ingredients

  • Per 6 zeppole di media grandezza
  • 130 ml acqua a temperatura ambiente

  • 90 g farina tp.00

  • 20 ml olio di smei (io di girasole)

  • 2 uova intere (media grandezza) a temperatura ambiente

  • 1 cucchiaino zucchero semolato

  • 1 pizzico sale fino

  • Per la farcia
  • 250 g mascarpone vegetale

  • 100 g panna vegetale da montare

  • 2 cucchiai zucchero a velo

  • 2 tazzine caffè espresso (non zuccherato)

  • q.b. cacao amaro in polvere

Directions

  • Preparare le zeppole
  • Ritagliare un foglio carta forno e disegnare sei cerchi uguali, quindi adagiare il forno nella leccarda (teglia) con la parte disegnata rivolta verso il basso (a contatto con la teglia), così da intravedere la linea del cerchio.
    Tenere da parte.
    Preriscaldare il forno, modalità statica, a 200°C.
  • Nel frattempo, in una casseruola versare l’acqua, l’olio, il sale e lo zucchero e portare a bollore.
  • Non appena si formano le prime bolle in superficie, versarvi la farina setacciata in un’unica soluzione.
  • Mescolare con una frusta a mano, su fiamma bassa, finchè il composto non si compatta, diventa lucido e liscio e si stacca da solo dalle pareti della casseruola.
  • Trasferire il composto in un contenitore di vetro basso e largo così da “aprire” bene l’impasto e facilitarne il raffreddamento.
  • Una volta completamente freddo, aggiungere al composto un uovo alla volta, lavorando il tutto con le fruste elettriche, lasciando assorbire completamente un uovo prima di aggiungere il successivo.
  • Trasferire il tutto in una sac a poche con beccuccio a stella e, seguendo i cerchi disegnati sul foglio adagiato sulla leccarda, formare i sei cerchi con l’impasto, distanziandoli l’uno dall’altro.
  • Cuocere le zeppole in forno già caldo, (200°C) in modalità statica, rispettando i seguenti tempi e temperature:
    – 200°C per i primi 20 minuti di cottura,
    – 180°C per i successivi 10 minuti di cottura,
    – 180°C per altri 10 minuti ma aprendo lo sportello inserendo il manico di un mestolo di legno.
    – 100°C per ultimi 10 minuti sempre con sportello aperto dal manico del mestolo.
  • Terminata la cottura, spegnere il forno e lasciare le zeppole al suo interno, sempre con lo sportello aperto come sopra, fino a completo raffreddamento.
  • Preparare la crema per la farcia
  • Preparare il caffè espresso e lasciarlo raffreddare completamente. Non zuccherare.
  • In una terrina montare il mascarpone con lo zucchero a velo, quindi unire la panna e continuare a montare, fino ad ottenere un composto compatto e vellutato.
  • Trasferire il composto nella sac a poche con beccuccio a stella.
  • Farcire le zeppole al tiramisù
  • Tagliare le zeppole a metà e bagnare ogni metà con il caffè preparato precedentemente.
  • Farcire ogi zeppola con la crema di mascarpone e spolverare con il cacao amaro in polvere.
  • Adagiare sopra ogni dolce la metà tagliata e creare un ciuffo sopra di crema al mascarpone. Decoare con abbondante spolverata di cacao amaro in polvere.
  • Servire subito.

Notes

  • Le zeppole al tiramisù si conservano in frigorifero chiuse in un contenitore. Si conservano come appena fatte per diverse ore. Vanno consumate nel giro di 2-3 giorni massimo.
  • E’ consigliabile farcire le zeppole con la crema solo al momento di servire per evitare che la pasta choux perda di consistenza e “croccantezza”.
  • Senza farcitura, le zeppole vanno conservate a temperatura ambiente chiuse in un apposito contenitore porta dolci (o altro contenitore con coperchio). Così facendo, le zeppole si manterranno come appena sfornate per diversi giorni.
  • La crema va conservata in frigorifero, coperta da pellicola alimentare a contatto e consumata nel giro di 2-3 giorni.

Ti è piaciuta la ricetta di oggi? Valuta la ricetta e fammi sapere nei commenti cosa ne pensi! Inoltre, assicurati di seguire Delizie & Confidenze su Instagram e taggami quando provi una delle mie ricette così posso vedere tutte le tue deliziose creazioni!

Hai provato questa ricetta?
Fammi sapere com’è andata: scrivimi nei commenti e lasciamo le stelline in base al tuo gradimento!

Grazie per il tuo sostegno.

Sabrina


Potrebbero interessarti anche:



Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
temp mail generator

certainly like your website but you need to take a look at the spelling on quite a few of your posts Many of them are rife with spelling problems and I find it very troublesome to inform the reality nevertheless I will definitely come back again.

speedy70
26 giorni fa

Super golose, bravissima come sempre!!!!