Pesche sciroppate

Le pesche sciroppate sono una conserva tipica estiva, per poter conservare e gustare la bontà della pesca anche nei mesi invernali.

Si prepara in casa senza alcuna difficoltà, basta scegliere la giusta varietà di pesche mature, e seguire pochi semplici passaggi per garantirci una scorta golosa di frutta dal colore vivace, dolce e ottima da consumare per merenda o come dessert di fine pasto, magari con l’aggiunta di panna montata o del gelato alla vaniglia, con scaglie di cioccolato o ameretti sbriciolati.

La ricetta è di famiglia, che utilizza mia mamma per conservare questi frutti, e mia nonna prima di lei. La condivido oggi con voi per la Rubrica Al Km 0, che dedica questo ultimo appuntamento prima della pausa estiva proprio alle conserve: come farle e come utilizzarle.

Per la mia ricetta utilizzo delle pesche percoche, una varietà di pesca con polpa compatta, gialla e talvolta striata di rosso, col nocciolo saldamente aderente alla polpa; caratteristiche queste che le rendono ideali per la produzione di sciroppati.

Una cosa molto importante è dedicare il giusto tempo e le giuste attenzioni per una corretta sterilizzazione dei barattoli da utilizzare. Una volta sterilizzati, biscogna assicurarsi che si sia formato il sottovuoto. Proseguendo la lettura oltre la ricetta, riporto i link delle linee guida del Ministero della Salute da seguire per preparare correttamente le conserve fatte in casa.

Per delle pesche sciroppate dal gusto e profumo irresistibile, si può aromatizzare lo sciroppo con un bastoncino di cannella, qualche chiodo di garofano, o l’anice stellato.

Pesche sciroppate

Recipe by Sabrina PignataroCourse: Frutta di stagioneCuisine: ConserveDifficulty: Facile
Servings

8

servings
Prep time

15

minutes
Cooking time

40

minutes
Total time

55

minutes

Le pesche sciroppate sono una conserva tipica estiva, per poter conservare e gustare la bontà della pesca anche nei mesi invernali.
La ricetta della mia famiglia per prepara in casa le pesche sciroppate senza alcuna difficoltà, seguendo pochi semplici passaggi per garantirci una scorta golosa di frutta dal colore vivace, dolce e ottima da consumare per merenda o come dolce a fine pasto.

Ingredients

  • 1 Kg di pesche gialle mature ma sode

  • 1 lt di acqua

  • 450 gr di zucchero semolato

  • 1/2 limone

Directions

  • Lavare le pesche e trasferrire in una capiente casseruola con acqua bollente.
  • Sbollentare per 2 minuti, quindi scolare le pesche e spellarle tirando delicatamente la pelle con le dita così da lasciar la polpa liscia e vellutata..
    Tagliarle a metà e denocciolarle.
  • Man mano che sono pronte, immergerle in una ciotola con acqua e il succo di limone, così che non anneriscano.
  • Nel frattempo portare ad ebollizione una casseruola con il litro d’acqua e lo zucchero.
    Mescolare fino a quando quest’ultimo si sarà sciolto, e portare a bollore. Da questo momento calcolare 5-7 minuti di ebollizione: lo sciroppo dovrà addensarsi leggermente.
    Spegnere e lasciar intiepidire.
  • Disporre le pesche all’interno dei barattoli prescelti, già sterilizzati, quindi versarvi lo sciroppo arrivando a 2 cm dal bordo del barattolo, avendo cura di aver ricoperto completamente la frutta.
  • Sbattere più volte i barattoli sul piano lavoro in modo da far uscire eventuali bolle d’aria.
    Richiudere con i tappi ermetici e porre i vasi in una casseruola piena d’acqua, inframmezzati da uno o più canovacci, così da evitare che sbattano tra loro e possano rompersi.
  • Portare l’acqua all’ebollizione e lasciar bollire nuovamente i barattoli (pieni) per 30 minuti dalla presa del bollore.
  • Lasciarli intiepidire prima di prelevarli, quindi asciugarli e lasciarli raffreddare completamente sul piano lavoro capovolti.
  • Una volta che i barattoli si saranno raffreddati, verificare che il sottovuoto sia avvenuto correttamente: premere al centro del tappo e, se non si avverte il classico “click-clack”, il sottovuoto è avvenuto correttamente.
  • Porre i barattoli di pesche sciroppate in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce.

Note: Come utilizzare le pesche sciroppate

  • Le pesche sciroppate sono ottime in abbinamento al gelato e alle creme al cioccolato, magari con degli amaretti sbriciolati accanto.
  • Sono perfette per la preparazioni di cheesecake fredde in estate, o torte da forno e crostate in inverno.
  • Si possono preparare dei golosissimi dessert riempiendole con del cioccolato e/o amaretti e passandole in forno per qualche minuto.
  • Anche lo sciroppo delle pesche può essere impiegato come bagna per un dolce alla frutta o per una bagna analcolica per una torta per bambini.
  • CONSERVAZIONE: le pesche sciroppate si conservano fino a 3 mesi, purche il sottovuoto sia avvenuto correttamente e avendo cura di tenere i vasetti in un luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce diretta.
  • Dopo la preparazione delle pesche sciroppate, si consiglia di attendere almeno 1 mese prima di consumarle.
  • Una volta aperto, il barattolo dovrà essere conservato in frigorifero e consumato entro 3-4 giorni al massimo.

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa seguire le Linee Guida del Ministero della Salute : si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona, degli strumenti utilizzati e sul trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione, in modo da non incorrere in rischi per la salute.

Trovi altri consigli utili per una corretta sanificazione dei contenitori e una corretta conservazione in questo mio articolo.

Scopriamo insieme il menù “Le conserve: come farle e come utilizzarle” al suo completo:

Rubrica Al km 0
Rubrica Al km 0

Colazione da Monica: Crostatine albicocche e amaretti
Pranzo da Simona: Pesto di pomodori secchi, capperi e olive
Merenda da me: Pesche sciroppate
Cena da Carla: Sformatini di feta e zucchine con marmellata di cipolle


Articoli correlati:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.

6 Commenti

  1. Ma sono buonissime!!! Ammetto di comprarle.. invece guarda come è facile prepararle! Grazie per la ricetta! smackkk

    • È davvero semplice prepararle! La cosa più difficile diciamo, è la preparazione dei barattoli!
      Nata e cresciuta in un paesino di campagna, con tanto di orto vario dietro casa, passavo diverse giornate ad aiutare mia mamma a preparare conserve di ogni tipo, di ogni frutta e verdura! E le pesche sciroppate non mancavano mai!
      Un abbraccio mia cara, grazie mille e a presto! 🤗

  2. Le amo, mi piacciono tantissimo e le faccio anch’io ogni anno per portare un po’ di sole estivo in inverno!!!!

    Un abbraccio grande e buone vacanze
    Moni

  3. Anch’io uso le percoche o le pesche spaccatelle (come le chiamava mia nonna ma si trovano a fine stagione) le pesche sciroppate sono una vera goduria x gli occhi e il palato! Brava davvero perfette 👏 buone vacanze a te, Fabri e gnomolo ❤️

  4. arbanelladibasilico

    Buonissime le tue pesche Sabri, sono anche una gioia per gli occhi! Buone vacanze a te e gnomolo!

  5. Pingback: Brioche allo yogurt con pesche sciroppate - Delizie & Confidenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.