Panettone al cioccolato

Panettone veloce al cacao con gocce di cioccolato fondente

Ricetta senza burro

Il panettone veloce al cacao con gocce di cioccolato fondente è una variante del classico “gran lievitato” delle feste natalizie, altrettanto soffice e goloso, ma di più semplice e veloce preprazione.

Due le particolarità di questo panettone:

  • primo tra tutti l’assenza di burro, che lo rende quindi un’alternativa perfetta per coloro che hanno allergia alle proteine del latte.

Il burro è stato sostituito in questa ricetta con dell’olio di semi, ma, in alternativa, è possibile preparare il panettone veloce con l’olio di oliva.

  • La seconda particolarità, non meno importante, è la semplicità e la velocità di preparazione di questo lievitato.

L’utilizzo di lievito di birra fresco al posto della pasta madre non solo è una soluzione eccellente per coloro che non sono riusciti ad istaurare un buon rapporto con la pasta madre, ma permette di preparare un lievitato che necessita di minori tempi di lievitazione.

Basterà rispettare gli orari indicati nella ricetta per avere un panettone soffice e golosissimo che può esser preparato all’ultimo minuto, come il giorno antecedente la Vigilia per poter portare in tavola un panettone fatto con le proprie mani e chiudere in dolcezza il cenone della Vigilia.

E poi è al cacao, ricco di gocce di cioccolato fondente, ricoperto da una glassa al cacao e codette fondenti; indomma, una vera golosità, irresistibile per tutti i chocolovers, ma senza strafare in dolcezza!

Il panettone alla portata di tutti, anche per i meno esperti di grandi lievitati

Il panettone è un lievitato dolce che fa parte della tradizione natalizia italiana, nato dalla tradizione milanese e diffuso in tutto il territotio italiano per accompagnare tutto il periodo delle festività del Natale.

La preparazione del classico panettone è elaborata e non semplicissima, soprattutto per chi ha meno dimestichezza con i grandi lievitati.

Motivo per il quale ho preparato un panettone più semplice che vado ad inserire nel paniere odierno della Rubrica Il Granaio-Baking Time.

Il panettone classico: la storia

La storia del panettone ha lontane origini medioevali, periodo durante il quale era diffusa l’abitudine di preparare in occasione del Natale dei pani molto ricchi (molto più del pane di tutti i giorni), che venivano serviti dal capofamiglia ai commensali.

Non mancano le leggende legate all’origine di questo lievitato natalizio che è diventato uno dei simboli gastronomici del Natale.

Dal Medioevo ai giorni d’oggi

Il panettone così come lo conosciamo oggi, alto, sofficissimo e avvolto nello stampo di cartapaglia, lo si deve ad Angelo Motta, che negli anni venti si lascia ispirare ad un dolce tradizionale russo (il Kulic. Decide quidi di aggiungere alla preparazione del panettone il burro e confezionarlo nella cartapaglia.

Da quell’ispirazione del Sig. Motta si avrà il panettone così come lo conosciamo noi oggi.

La leggenda del “Pan de Toni”

La prima leggenda vede l’origine del panettone legata all’abilità di Toni, uno sguattero che lavorava nella cucina di Ludovico il Moro, signore di Milano nel XV secolo.

Secondo tale leggenda infatti, durante il banchetto della Vigilia di Natale organizzato dalla famiglia Sforza, il loro capocuoco brucia il doce preparato per l’occasione.

Toni prontamente decide di utilizzare il panetto di lievito che aveva tenuto da parte per il suo Natale: lo lavora aggiungendo farina, uova, uvetta, canditi e zucchero, a più riprese, fino ad ottenere un impasto soffice e molto lievitato.

Il dolce venne apprezzato moltissimo, ebbe un successo strepitoso tanto che la famiglia Sforza decide di chiamarlo “Pan de Toni” in omaggio al suo creatore.

Con il passare dei secoli, il nome del dolce arriva ad esser quello che oggi tutti conosciamo “panettone”.

(Tratto da: Panettone semplice)

Toni, Suor Ughetta o Ughetto degli Atellani: la contesa dell’invenzione del panettone.

Quella di Toni non è l’unica leggenda sulla nascita del panettone. Secondo altre leggende infatti, sembrerebbe che il merito della nascita di tale dolce tipico sia attribuita a Suor Ughetta oppure Ughetto degli Atellani.

Si parla non di avvenimenti storici documentati, ma di storie di un’immaginario collettivo che tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, si sviluppa nella concezione popolare ed esalta la gastronomia milanese.

(Tratto da: Panettone semplice)

Panettone veloce al cacao con gocce di cioccolato fondente

5 from 1 vote
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Lievitati Dolci, Lievitati del Natale, Panettone, Panettone al cioccolatoCuisine: cucina italiana, dairy freeDifficulty: facile
Servings

2

da 500 gr
Prep time

30

minutes
Cooking time

45

minutes
Leaving time

11

minutes

Il panettone veloce al cacao con gocce di cioccolato fondente è una variante del classico “gran lievitato” delle feste natalizie, altrettanto soffice e goloso, ma di più semplice e veloce preprazione.
Due le particolarità di questo panettone: prima tra tutti l’assenza di burro (sostituito con l’olio), l’altra è la semplicità e la velocità di preparazione grazie all’utilizzo di lievito fresco di birra (per un lievitato che necessita di minori tempi di lievitazione).
E poi è al cacao, ricco di gocce di cioccolato fondente, ricoperto da una glassa al cacao e codette fondenti; indomma, una vera golosità, irresistibile, per tutti i chocolovers, ma senza strafare in dolcezza!
Per ottenere un panettone al cacao con gocce di cioccolato fondente impeccabile, rispettare i tempi dei vari passaggi riportati in ricetta.

Ingredients

  • Per l’aroma del panettone
  • q.b. buccia grattugiata degli agrumi (limone, arancia)

  • 3 cucchiai 3 miele millefiori

  • 1 cucchiaio 1 cacao amaro in polvere

  • 1 cucchiaino 1 estratto di vaniglia Bourbon

  • 1 cucchiaino 1 liquore all’anice

  • Per il lievitino
  • 150 gr 150 farina Manitoba

  • 80 gr 80 acqua a t.a.

  • 12 gr 12 lievito di birra fresco

  • 1 cucchiaino 1 miele millefiori

  • Per l’impasto del panettone
  • 230 gr 230 farina Manitoba

  • 160 ml 160 acqua a t.a.

  • 100 gr 100 gocce di cioccolato fondente

  • 70 gr 70 olio di semi

  • 50 gr 50 zucchero semolato

  • 40 ml 40 bevanda vegetale senza zuccher aggiunti*

  • 30 gr 30 cacao amaro in polvere

  • 8 gr 8 sale fino

  • 4 4 tuorli d’uovo (di media grandezza)

  • 1 cucchiaio 1 liquore all’anice

  • Per la glassa al cacao
  • 100 gr 100 zucchero a velo

  • 35 gr 35 acqua

  • 15 gr 15 cacao amaro in polvere

  • Per decorare
  • q.b. codette al cioccolato fondente

  • *la bevanda vegetale può essere omessa ed aggiungere 40 ml di acqua in più all’impasto del panettone

Directions

  • La mattina, ore 9.45: preparare l’aroma del panettone
  • Grattugiare la scorza degli agrumi precedentemente ben lavati e tamponati con panno asciutto e pulito; quindi trasferire in una ciotolina.
  • Unire alla buccia grattugiata degli agrumi tutti gli altri ingredienti, quindi messcolare accuratamente fino ad ottenere una consistenza cremosa e liscia.
  • Coprire con pellicola alimentare e lasciar da parte fino al momento dell’utilizzo.
  • Ore 10 del mattino: preparare il lievitino
  • In una ciotola sbriciolare il lievito di birra nell’acqua, unire il miele e mescolare accuratamente per farli sciogliere bene.
  • Unire la farina e mescolare ancora per ottenere un composto compatto e grossolano, ma che abbia assorbito tutta la farina.
  • Coprire con pellicola alimenatre e porre in luogo asciutto e caldo a lievitare (io nel forno spento con la sola luce accesa).
  • Lasciar lievitare per 3 ore.
  • Ore 13: preparare l’impasto del panettone – primo impasto

    NB: in questo primo impasto gli ingredienti indicati si intendono prelevati dal totale indicato nella lista ingredienti dell’impasto del panettone
  • Nella ciotola della planetaria versare 150 gr di farina prelevata dal totale, 25 gr di zucchero, 80 ml di acqua e 35 gr di olio.
  • Con il gancio a foglia (K) e a bassa velocità, iniziare a lavorare gli ingredienti, quindi aggiungere il lievitino.
  • Lavorare a velocità media per far incorporare bene tutti gli ingredienti, poi iniziare ad unire 2 tuorli, uno alla volta, facendolo incorporare bene all’impasto prima di aggiungere il tuorlo successivo.
  • Lavorare per 8-10 minuti circa, finchè l’impasto non risulta ben incordato.
  • Coprire con pellicola alimentare e riporre in luogo asciutto e caldo a lievitare (io nel forno spento con la sola luce accesa).
  • Lasciar lievitare per 3 ore.
  • ore 16: secondo impasto del panettone

    NB: in questo secondo impasto gli ingredienti indicati si intendono prelevati dal totale indicato nella lista ingredienti dell’impasto del panettone (vanno dunque a completarne le relative quantità indicate)
  • Riprendere il primo impasto e riportare in planetaria, sempre munita di gancio a foglia (K).
  • Unire il cacao in polvere (30 gr), 100 gr di farina, 25 gr di zucchero, 35 gr di olio, la bevanda vegetale (o, in alternativa, acqua) ed il sale.
  • Lavorare gli ingredienti a velocità media, quindi unire i restanti 2 tuorli, sempre uno alla volta.
  • In ultimo, unire il liquore e l’aroma del pandoro tenuta da parte.
    Continuare a lavorare per incorporare bene gli ingredienti all’impasto.
  • Una volta ottenuto un impasto liscio, aggiungere le gocce di cioccolato fondente e lavorare ancora per farle incorporare all’impasto stesso.
  • Lasciar incordare bene l’impasto, quindi ribaltarlo sul piano lavoro e dividerlo a metà.
  • Lavorare velocemente con le mani per ottenere due palle da trasferire ognuna nell’apposito stampo di carta per panettone (da 500 gr cad.).
  • Coprire con pellicola alimentare e porre in luogo asciutto e caldo a lievitare (io nel forno spento con la sola luce accesa).
  • Lasciar lievitare per 5 ore, fino a quando l’impasto non avrà raggiunto il bordo dello stampo.
  • Ore 21: cottura dei panettoni
  • Preriscaldare il forno, modalità statica, a 180°C ponendo sul fondo un recipiente con dell’acqua.
  • Quando il forno avrà raggiunto la temperatura indicata sopra, infornare i panettoni nel ripiano centrale dell’elettrodomestico e lasciar cuocere per 30 minuti.
  • Trascorsa la mezz’ora di cottura, senza aprire il forno, diminuire la temperatura a 160°C e proseguire la cottura per altri 15 minuti.
  • Per esser sicuri della cottura perfetta, procedere con la prova stecchino.
  • Sfornare i panettoni e lasciarli riposare a testa in giù.
  • Ore 21.45: riposo dei panettoni a testa in giù
  • Per questo passaggio è fondamentale avere lo spillone per il panettone, oppure due ferri da maglia che andremo a disinfettare prima dell’utilizzo.
  • Una volta estratti i panettoni dal forno, infilzarli con l’apposito spillone nella parte inferiore del dolce.
    Riporli a testa in giù appoggiando le estremità dello spillone su due ripiani (così da mantenere sospeso nel vuoto il panettone).

    Questo passaggio è fondamentale per evitare che i le gocce di cioccolato scendano verso il basso, nonché per evitare che la cupola del panettone di sgonfi.
    Lasciare in questa posizione per tutta la notte.
  • L’indomani mattina: glassare e decorare il panettone
  • Preparare la glassa al cacao: in un pentolino versare lo zuccero ed il cacao setacciati, unire l’acqua e portare sul fuoco basso, mescolando accuratamente.
  • Portare a leggero bollore e lasciar sul fuoco per 5 minuti: la glassa sarà pronta quando il composto risulta liscio e leggermente denso.
  • Lasciar intiepidire la glassa, quindi versare sui pandori posizionati sulla griglia e liberati dallo spillone.
  • Decorare i pandori con le codette al cioccolato fondente e lasciar rapprendere la glassa.

Notes

  • Per un sapore più delicato, per il mio panettone ho utilizzato dell’olio di semi. In alternativa a questo, si può utilizzare un olio extra vergine di oliva dal sapore leggero, oppure metà dose di olio di oliva e metà di olio di semi di girasole.
  • Per una glassa classica del panettone, basta seguire le indicazioni della glassa che trovate nella ricetta di questo Panbrioche
  • I tempi di cottura possono variare di qualche minuto a seconda della potenza del proprio forno. Per questo la prova stecchino è fondamentale.
  • Il panettone si conserva soffice e morbido per diversi giorni se riposto in un apposito porta dolci.

Scopriamo insieme le altre proposte del paniere odierno:

Seguici anche su FacebookInstagram e Pinterest

Approfitto anche qui per salutare Federica che per il momento deve assentarsi dalla Rubrica e che spero torni prestissimo. E’ stato bello imparare a conoscerti uscita dopo uscita e ti ringrazio per il tuo prezioso contributo. Ci mancherai ma resterai la mia “amica di grembiule” e appena potrai, il tuo posto nel nostro paniere sarà pronto a riaccoglierti a braccia aperte.


Potrebbero interessarti anche:


Seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato sugli ultimi articoli e ricette.

Per qualsiasi domanda, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, per delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Condividila nei tuoi profili social e ricorda di menzionare @delizieeconfidenze e inserire il tag #delizieeconfidenze.

Poi lascia la recensione sulla ricetta, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
Zeudi
Zeudi
1 mese fa

Sarà pure semplice, come dici tu, ma quella fetta lascia intravedere un interno splendido, di cui si riesce a immaginare la morbidezza. Come sempre un risultato strepitoso, Sabrina!

Federica
1 mese fa

Mammamia Sabrina, con questo panettone ti sei proprio superata, è divino, non ho altri aggettivi per descrivere la bontà 💯💯🥰🥰👏🏻👏🏻👏🏻

Teresa
1 mese fa

Hai fatto un panettone eccellente Sabrina! L’utilizzo del lievito di birra in queste preparazione non lo rende secondo a nessuno! Spettacolare 😍 complimenti

Simona Nania
1 mese fa

Non tutti hanno il lievito madre e non tutti hanno dimestichezza come utilizzarlo, quindi ben vengano anche le ricette alternative questa e poi è davvero molto bella e davvero golosa super brava! Bacio

trackback

[…] Panettone veloce al cacao con gocce di cioccolato fondente Panettone semplice Panettone veloce all’olio Angelica di Natale – Panbrioche con canditi e cioccolato Savarin (dairy free) Lussekatter- dolci natalizi svedesi Albero di Natale goloso Stella al cioccolato Chiffon Cake di Natale Torta al vin brulé […]