Dolci svedesi

Lussekatter- dolci natalizi svedesi

Ricetta senza proteine del latte

I lussekatter sono dei tipici dolci svedesi che vengono tradizionalmente preparati per il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia. Si presentano solitamente a forma di “s”, ma possono avere anche altre forme.

Anche detti “Gatti di Santa Lucia” i lussekatter (o lussebullar, dövelskatter o ancora dyvelkatter) sono dei dolci lievitati morbidi e golosi, profumati e dal colore giallo intenso grazie alla presenza dello zafferano tra gli ingredienti.

Oggi i lussekatter accompagnano tutto il periodo natalizio e fanno parte della tradizione dei Paesi scandinavi. Non mancano infatti anche nelle cucine finlandesi o di altri paesi confinanti, dove i dolci assumono altro nome, variano un pò nella forma ma mantengono la caratteristica del colore e la loro bontà.

La tradizione dei lussekatter

I Lussekatter, o Gatti di Santa Lucia, vengono preparati in occasione della festa dell’omonima Santa, arricchiti con lo zafferano per “dar luce alle tenebre” nella giornata più corta e buia dell’anno: il 13 dicembre appunto.

L’aggiunta dello zafferano sta proprio a simboleggiare la luce con il loro colore luminoso come fossero piccole fiamme.

In Svezia la tradizione vuole che le bambine, indossando un copricapo decorato con le candele, distribuiscono doni e dolci natalizi a tutta la famiglia, in segno di “dono della luce”.

La leggenda

Il termine lussekatter sembra riferirsi alle parole “Lucifero” e “gatti”, nome derivato ad un’antica leggenda. Secondo una credenza popolare tedesca, infatti, Lucifero, sotto le sembianze di un gatto, incuteva timore nei bambini, e che Gesù donava ai bambini più meritevoli, dei dolcetti di un colore giallo intenso, in grado di allontanare Lucifero e le tenebre grazie alla loro luce.

Dalla ricetta tradizionale alla rivisitazione senza proteine del latte

L’impasto dei lussekatter è molto semplice: si tratta di un impasto lievitato dolce, preparato con burro, latte, zafferano e senza uova.

Per i miei dolcetti ho sostituito burro e latte con alternative vegetali, così da rendere i lussekatter perfetti anche per coloro che non possono assumere proteine del latte.

L’impasto è semplice da preparare e si può lavorare sia a mano che in planetaria.

L’occasione perfetta

Se in Svezia si da il via con i primi dolci natalizi proprio il 13 dicembre con i lussekatter, io do il via al mood natalizio proprio oggi e preparo i lussekatter per il paniere odierno della Rubrica Il Granaio – Baking Time.

Lussekatter- dolci natalizi svedesi

5 from 2 votes
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Dolci, Lievitati dolci, Dolci nataliziCuisine: Cucina svedese, Dairy freeDifficulty: Facile
Servings

25

dolcetti
Prep time

20

minutes
Cooking time

20

minutes
Leavening Time

1

hour 

30

minutes

I lussekatter sono dei tipici dolci svedesi che vengono tradizionalmente preparati per il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia. Si presentano solitamente a forma di “s”, ma possono avere anche altre forme.
Anche detti “Gatti di Santa Lucia” i lussekatter (o lussebullar, dövelskatter o ancora dyvelkatter) sono dei dolci lievitati morbidi e golosi, profumati e dal colore giallo intenso grazie alla presenza dello zafferano tra gli ingredienti.
Oggi i lussekatter accompagnano tutto il periodo natalizio e fanno parte della tradizione dei Paesi scandinavi.

L’impasto dei lussekatter è molto semplice: si tratta di un impasto lievitato dolce, preparato con burro, latte, zafferano e senza uova.
Per i miei dolcetti ho sostituito burro e latte con alternative vegetali, così da rendere i lussekatter perfetti anche per coloro che non possono assumere proteine del latte.
L’impasto è semplice da preparare e si può lavorare sia a mano che in planetaria.

Ingredients

  • 500 gr 500 farina Manitoba

  • 250 ml 250 bevanda di soia senza zuccheri aggiunti + 1 cucchiaio per spennellare (io di soia)

  • 100 gr 100 burro vegetale (io margarina senza olio di palma e senza grassi idrogenati)

  • 100 gr 100 zucchero semolato

  • 12 gr 12 lievito di birra fresco

  • 1 gr 1 zafferano

  • 1 1 tuorlo d’uovo per spennellare

  • q.b. uva sultanina per decorare

Directions

  • Preparare l’impasto
  • In una casseruola sciogliere il burro nel “latte” vegetale insieme allo zafferano; mescolare bene, quindi togliere dal fuoco e lasciar intiepidire.
  • Nella ciotola della planetaria versare la farina, lo zucchero e sbriciolarvi sopra il lievito di birra.
  • Azionare la planetaria con gancio a foglia (K) a bassa velocità, versando a filo il composto di latte, burro e zafferano (una volta tiepido).
  • Quando le polveri avranno assorbito il liquido, aumentare la velocità e lasciar impastare accuratamente, fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.
  • Trasferire in una ciotola, coprire con pellicola alimentare e riporre in luogo asciutto e caldo, al riparo da correnti d’aria.
  • Lasciar lievitare per 60 minuti, fino al suo raddoppio.
  • Pezzatura e forma
  • Ammollare l’uvetta in acqua calda per 10 minuti, quindi strizzare bene ed asciugare accuratamente.
    Tenere da parte.
  • Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume, ribaltare sul piano lavoro, sgonfiarlo con le mani delicatamente e dividere in 20-25 pezzi circa.
  • Allungare ogni pezzo a formare un salsicciotto, quindi “arrotolare” le due estremità di ogni salsicciotto a formare una “S”.
  • Disporre l’uvetta nelle due estremità (i due vertici) che formano la S e adagiare i dolcetti sulla leccarda rivestita con carta forno, distanziati l’uno dagli altri.
  • Coprire i dolcetti e lasciar riposare altri 30 minuti, fino al raddoppio del loro volume.
  • Cottura
  • Preriscaldare il forno a 250°C, modalità statica.
  • Sbattere il tuorlo d’uovo insieme ad un cucchiaio di “latte” vegetale.
  • Riprendere la leccarda con i dolcetti e spennellare ognuno con il composto d’uovo e latte.
  • Infornare e cuocere per 10 minuti a 250°C, poi (senza aprire il forno) abbassare la temperatura a 220° e proseguire la cottura fino a doratura dei dolcetti (circa 5-7 minuti).
  • Sfornare e lasciar raffreddare i dolcetti sulla gratella.

Notes

  • I lussekatter si conservano per diversi giorni se riposti in apposito contenitore chiuso (latta per biscotti) o altro contenitore munito di coperchio.

Scopriamo insieme le altre proposte del paniere odierno:

Segui anche la nostra pagina Instagram e Facebook

ALLERTA SPOILER: i Lussekatter hanno qualcosa a che fare con Carolina va in città. Seguimi per scorpire dove ci porta e la ricetta realizzata per lei che uscirà domani!


Potrebbero interessarti anche:


Seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato sugli ultimi articoli e ricette.

Per qualsiasi domanda, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, per delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Condividila nei tuoi profili social e ricorda di menzionare @delizieeconfidenze e inserire il tag #delizieeconfidenze.

Poi lascia la recensione sulla ricetta, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
Federica
2 mesi fa

Davvero molto ispirativi questi dolcetti dal nome forse un po’ difficile ma assolutamente facili da far fuori, tra un morso e l’altro ??io li vedrei accompagnati da infusi caldi e aromatici…

Simona Nania
2 mesi fa

Queste brioche mi fanno impazzire, avevo potuto assaggiare una volta quelle originali che mi ha portato mio figlio, mi riprometto sempre di provarle e prima o poi… le tue sono veramente magnifiche brava brava brava?

Zeudi
Zeudi
2 mesi fa

Sarò onesta, ignoravo completamente l’esistenza e la storia di questi dolcetti, perciò ti ringrazio per avermeli fatti conoscere. Per il resto, cosa ti posso dire? Sono bellissimi, come tutte le tue brioche!

Daniela
2 mesi fa

Sono stupendi! Ogni anno mi riprometto di farli e poi mi tiro indietro, ma dovrò decidermi e prepararli per il mio nipotino 🙂 Buon mese di dicembre.

trackback

[…] tradizione, il glogg viene gustato in abbinamento ai lussekatter, dei dolci lievitati dal colore acceso (dovuto all’aggiunta di zafferano nell’impasto) […]

trackback

[…] Angelica di Natale – Panbrioche con canditi e cioccolato Savarin (dairy free) Lussekatter- dolci natalizi svedesi Albero di Natale goloso Stella al cioccolato Chiffon Cake di Natale Torta al vin […]