Polpette olandesi

Bitterballen: le polpette olandesi

+1

Le bitterballen sono delle polpette olandesi a base di carne di manzo, dalle piccole dimensioni, che da tradizione vengono servite insieme al formaggio Gouda e ad un buon boccale di birra.

Dalla consistenza diversa dalle nostre comuni polpette di carne, le bitterballen hanno una crosticina molto croccante e dorata fuori (grazie alla doppia panatura), ed un cuore morbidissimo, quasi cremoso, base di carne.

Per mantenere forti queste due consistenze, le bitterballen vanno servite calde e poterle così apprezzare al meglio.

Dall’Olanda alla nostra tavola: in viaggio con Carolina

Torniamo a viaggiare (seppur virtualmente) insieme alla nostra amica Carolina va in città che, in occasione dell’arrivo della primavera, ci porta in Olanda, tra campi di papaveri in fiore, del keukenhof garden di Lisse, (vicino Amsterdam), e nuove bellezze da scorpire.

Ed è anche uno dei viaggi che sogno da sempre di fare, e poter gioire alla vista delle fioritura dei tulipani, visitare la terra natia del mio tanto amato pittore Vincent van Gogh.

L’Olanda è un’area geografica dei Pesi Bassi, situata nel nord-est dell’Europa, conosciuta (oltre che per i tulipani) per i suoi mulini a vento.

Molte le cose da visitare, magari percorrendola in bicicletta grazie alle grandi piste ciclabili che attraversano tutto il paese. Non può mancare la visita al museo di Van Gogh, alla casa di Anna Frank, al Parco Nazionale Hoge Veluwe.

Ma delle meraviglie dell’Olanda e le città protagoniste del Secolo d’Oro, ce ne parla meglio Carolina, che l’ha vissute di persona, e ce ne parla attraverso il suo racconto e le sue immagini nel suo articolo.

Dopo aver ammirato le bellezze di questa terra, è il momento di spostarci in cucina, per scoprire quali sono i piatti tipici dell’Olanda.

La cucina olandese

La cucina olandese è (di base) una cucina poco eleborata e ricca di calorie, che risente notevolmente del passato coloniale, un passato che ha messo il paese a stretto contatto con culture e cucine differenti.

Non mancano infatti tracce della cultura (anche gastronomica) indonesiana, antillana e surinamese. Possiamo riassumere la gastronomia locale come l’insieme delle tradizioni gastronomiche sviluppatesi negli ultimi secoli nei Paesi Bassi.

Basata principalmente su prodotti locali freschi, tra gli ingredienti che caratterizzano la cucina olandese troviamo ortaggi quali patate e piselli, a seguire formaggi (uno dei principali prodotti olandesi da esportazione), selvaggina e pesce.

Grazie alla qualità dei prodotti locali di cui il paese dispone, oggi grandi chef hanno valorizzato la cucina olandese portando diversi loro ristoranti ad ottenere diverse stelle Michelen. Grazie ai loro menù crativi, rendono quella olandere una cucina ricca di sorprese: dalla semplicità di alcuni piatti tradizionali, alla ricerca e creatività di altri.

Anche per quanto riguarda la pasticceria, i dolci olandesi si basano su ricette semplici, molte delle quali a base di formaggi, frutta a guscio (come le mandorle), e spezie. Famosa in tutto il mondo è la loro torta di mele, un vero classico locale, seguita dallo stroopwafel, un biscotto composto da due sottilissime cialde croccanti unite da caramello.

Anche se quando si parla di pasticceria olandese, i primi dolci a cui pensiamo sono sicuramente quelli di pasta lievitata e frutta candita.

La ricetta delle bitterballen

Il nome bitterballen deriva da bitter, termine con il quale in Olanda si indicano i super alcolici, bevande con le quali la tradizione vuol affiancare queste polpette per il loro consumo.

Queste famose polpette vengono consumate non solo come secondo piatto, bensì come snack, anzi, lo snack olandese per eccellenza!

La ricetta originale vuole l’uso di carne di manzo lessata molto a lungo nel brodo (anch’esso di carne di manzo), per poi esser lavorata per preparare le polpette e procederne alla frittura.

Non mancano però delle varianti nella preparzione delle bitterballen che vedono l’utilizzo o l’aggiunta di pollo o funghi.

Per ovviare a personali problemi di allergia al latte e derivati, per le mie polpette ho utilizzato della carne di maiale, unica variante nella preparazione alla quale aggiungere però l’assenza di formaggio Gouda nella consumazione delle stesse.

Se ci trovassimo in un locale olandese, le riceveremmo servite come aperitivo insieme ad un boccale di birra (e al Gouda!).

Bitterballen: le polpette olandesi

Recipe by Sabrina PignataroCourse: Secondi piatti, Secondi di carne, Polpette, Polpette fritteCuisine: Cucina olandese, Dairy freeDifficulty: Facile
Servings

4

servings
Prep time

1

hour 

30

minutes
Cooking time

4

minutes
Rest time

2

hours 

Polpette olandesi a base di carne di manzo, dalle piccole dimensioni, che da tradizione vengono servite insieme al formaggio Gouda e ad un buon boccale di birra.
Dalla consistenza diversa dalle nostre comuni polpette di carne, le bitterballen hanno una crosticina molto croccante e dorata fuori, ed un cuore morbidissimo, quasi cremoso, a base di carne di manzo all’interno.
Per mantenere forti queste due consistenze, le bitterballen vanno servite calde e poterle così apprezzare al meglio.
Per le mie bitterballen, la carne di manzo è stata sostituita con carne di maiale.

Ingredients

  • 400 ml di acqua

  • 200 gr di carne da spezzatino
    (Per la ricetta tradizionale manzo. Io ho utliizzato maiale)

  • 100 gr di pangrattato fine

  • 30 gr di burro
    (io vegetale)

  • 30 gr di farina 00

  • 2 uova di media grandezza

  • 2 chiodi di garofano

  • erbe aromatiche in mix (prezzemolo, rosmarino, salvia)

  • noce moscata q.b.

  • sale e pepe

  • olio di arachide per friggere q.b.

Directions

  • Preparare il brodo e la carne per le polpette
  • In una casseruola disporre la carne tagliata a cubetti, ricoprire con l’acqua ed aggiungere i chiodi di garofano e le erbe aromatiche.
  • Salare e portare a ebollizione su fiamma allegra, quindi abbassare la fiamma e lasciar cuocere per 1 ora, fino a quando la carne non risulterà molto morbida.
  • Una volta pronta, tenere da parte 200ml di brodo di cottura della carne ben filtrato.
    Tritare la carne a coltello.
  • In una padella antiaderente sciogliere il burro e aggiungere la farina. Quando la farina sarà completamente assorbita dal burro fuso, unire i 200 ml di brodo filtrato tenuto da parte. Mescolare bene per ottenere una crema liscia e vellutata, priva di grumi.
    Lasciar cucoere per 2 minuti.
  • Togliere la crema dal fuoco ed unire la carne tritata, la noce moscata, il pepe ed aggiustare di sale.
    Mescolare bene, trasferire il composto in un recipiente con coperchio, e lasciar riposare in frigorifero per 2 ore.
  • Comporre le polpette
  • Sbattere le uova in una ciotola insieme ad un pizzico di sale.
  • Disporre il pangrattato fine in un’altro contenitore.
  • Riprendere il composto di carne dal frigorifero, e prelevarne poco per volta con un cucchiaino da caffè (2 cucchiaini di composto di carne alla volta circa)
  • Formare delle palline con la carne, quindi passarle prima nel pangrattato, poi nelle uova sbattute ed infine ancora nel pangrattato.
  • Ripetere questa operazione fino a completare tutto il composto.
    Si otterranno circa 20 – 25 piccole polpettine panate.
  • Frittura delle polpette
  • In una padella dai bordi alti, portare a temperatura l’olio di arachide.
  • Tuffare le polpettine nell’olio caldo e farle friggere 3 – 4 minuti, fino a completa doratura.
  • Estrarre le polpette con un mestolo forato e disporle in un piatto ricoperto da carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.
  • Servire le bitterballen calde o appena tiepide così da avere un perfetto contrasto tra la crosticina dorata e croccante ed il cuore morbidissimo.

Potrebbero interessarti anche:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.