Minestra di fave

Scafata (minestra di fave)

La scafata è una gustosa minestra di fave e ortaggi freschi, un piatto povero ma ricco di gusto e sostanzioso che, con qualche fetta di pane casereccio e tostato, diviene un ottimo piatto unico.

Il nome scafata deriva da scafo, termine dialettale con cui si indica il baccello delle fave. Conosciuta anche come “baggiana”, la scafata è una zuppa tipica della cucina laziale e molto diffusa anche in Umbria.

La ricetta è tipicamente primaverile poichè si utilizzano ingredienti tipici della stagione quali le fave fresche (possibilmente piccole) e gli ortaggi come biete, carote, cipollotti e pomodori. Il piatto però può essere preparato tutto l’anno utilizzando legumi surgelati e altre verdure di stagione fresche oppure utilizzare quelle surgelate.

Come da antica ricetta, per preparare la scafata si lasciano insaporire nel lardo le fave (private del tegumento che le ricopre) per poi lasciarle cuocere nel brodo vegetale con l’aggiunta di bietole e pomodoro a pezzetti. Alcune ricette prevedono l’utilizzo di finocchietto selvatico per insaporire e arricchire l’aroma della minestra. E’ possibile sostituire il lardo con del guanciale o della pancetta, aggiungere piselli alla preparazione e/o sostituire/aggiungere altre verdure alla zuppa.

La scafata è ottima calda ma altrettanto gustosa servita tiepida, con o senza aggiuta di formaggio grattugiato. La preparo spesso in primavera e la preparo oggi per gli amici della Rubrica Al km 0 ed il menù odierno “Gran gusto col piatto unico“.

Scafata (minestra di fave)

Recipe by Sabrina Pignataro
5.0 from 1 vote
Course: minestre, zuppe, primi piatti, piatto unicoCuisine: cucina laziale, cucina italiana, cucina umbraDifficulty: facile
Servings

4

servings
Prep time

30

minutes
Cooking time

29

minutes

La scafata è una gustosa minestra di fave e ortaggi freschi, un piatto povero ma ricco di gusto e sostanzioso che, con qualche fetta di pane casereccio e tostato, diviene un ottimo piatto unico.

La ricetta è tipicamente primaverile poichè si utilizzano ingredienti tipici della stagione quali le fave fresche (possibilmente piccole) e gli ortaggi come biete, carote, cipollotti e pomodori. Il piatto però può essere preparato tutto l’anno utilizzando legumi surgelati e altre verdure di stagione fresche oppure utilizzare quelle surgelate.

Come da antica ricetta, per preparare la scafata si lasciano insaporire nel lardo le fave (private del tegumento che le ricopre) per poi lasciarle cuocere nel brodo vegetale con l’aggiunta di bietole e pomodoro a pezzetti. Alcune ricette prevedono l’utilizzo di finocchietto selvatico per insaporire e arricchire l’aroma della minestra. E’ possibile sostituire il lardo con del guanciale o della pancetta, aggiungere piselli alla preparazione e/o sostituire/aggiungere altre verdure alla zuppa.

La scafata è ottima calda ma altrettanto gustosa servita tiepida, con o senza aggiuta di formaggio grattugiato.

Ingredients

  • 300 g fave fresche (al netto degli scarti)

  • 100 g biete

  • 50 g lardo

  • 2 carote

  • 2 pomodori

  • 1 cipollotto

  • 300 ml brodo vegetale

  • 2 cucchiai olio extra vergine di oliva

  • q.b. sale fino

  • q.b. pepe

  • q.b. peperoncino (facoltativo)

  • q.b. pane casareccio (facoltativo)

Directions

  • Sgusciare le fave e decorticarle eliminando il tegumento che le ricopre.
    Lavare, scolare e tenere da parte.
  • In un tegame scaldate l’olio, unire il peperoncino (facoltativo) ed il lardo battuto e, quando quest’ultimo inzia a sudare, unire le carote e il cipollotto tritati.
  • Lasciar rosolare a fuoco basso fino a quando il lardo diventa trasparente e le verdure leggermente dorate; dunque unire le fave ben sgocciolate e i pomodori tagliati a cubetti.
  • Salare con parsimonia e lasciar insaporire per pochi minuti, quindi aggiungere brodo vegetale caldo coprendo a filo. Portare ad ebollizione, coprire con coperchio e lasciar cucoere a fiamma moderata per 15 minuti.
  • Nel frattempo lavare le biete, spezzettarle sgossolamnamente ed unirle alla minestra.
    Continuare la cottura per altri 20-25 minuti.
  • Al termine della cottura, spegnere il fuoco e lasciar riposare la scafata pochi minuti prima di servirla con fette di pane leggermente tostate.
    Se si preferisce, completare il piatto con una spolverata di formaggio grattugiato.

Notes

  • NON SPRECARE: non buttare i baccelli delle fave ma sbollentali ed utilizzali per altre gustose ricette. Con essi infatti potrai preparare delle insalate ricche e gustose, impanarle e preparare dei fritti sfiziosi, frullarli con altri ingredienti (ad esempio acciughe) e preparare un saporito e insolito pesto, saltarli in padella con un pomodorino per un contorno nuovo o per preparare delle uova strapazzate ricche…

Le altre proposte del menù odierno “Gran gusto col piatto unico”:

Ti è piaciuta la ricetta di oggi? Valuta la ricetta e fammi sapere nei commenti cosa ne pensi! Inoltre, assicurati di seguire Delizie & Confidenze su Instagram e taggami quando provi una delle mie ricette così posso vedere tutte le tue deliziose creazioni!

Hai provato questa ricetta?
Fammi sapere com’è andata: scrivimi nei commenti e lasciamo le stelline in base al tuo gradimento!

Grazie per il tuo sostegno.

Sabrina


Potrebbero interessarti anche:



Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
Simona
1 mese fa

Vorrei davvero passare due giorni con te in cucina per imparare a cucinare le fave. In piemonte non sono presenti nelle nostre ricette, come sempre le tue zuppe sono super succulente! Baci

Sabrina
1 mese fa
Reply to  Simona

Uh, sarebbe grandioso Simo, sai come ci divertiremo!
Qui le fave le adoriamo in ogni salsa!
Io vado matta per la semplice spadellata fave-patate che si può arricchire di cipollotto fresco e/o guanciale… Ma anche in minestra sono spettacolari!

carla emilia
carla emilia
1 mese fa

Proprio gran gusto con questa minestra Sabri, mi piace moltissimo!

Sabrina
1 mese fa
Reply to  carla emilia

Una minestra primaverile davvero gustosa, si prepara in poco e d è davvero nutriente.
Son felice ti piaccia Carla, grazie mille.
Un abbraccio grande