Torta sette vasetti

Tortine 7 vasetti

Rivisitazione senza lattosio e senza proteine del latte

Le tortine 7 vasetti sono dei dolci sofficissimi e golosi, facili e veloci da preparare, che non richiedono l’utilizzo della bilancia. Per preparare questi dolcini, infatti, si utilizza il vasetto di yogurt per dosare tutti gli ingredienti, da qui il nome “7 vasetti”.

Per le mie tortine ho utilizzato uno yogurt vegetale bianco, il che rende queste tortine perfette per coloro che devono eliminare dalla loro dieta alimentare lattosio e proteine del latte, un dolce morbidissimo senza burro!

Inoltre, si possono personalizzare a proprio piacimento, utilizzando uno yogurt alla frutta che più si preferisce, oppure aggiungendo delle gocce di cioccolato fondente all’impasto, della granella di nocciole o della frutta a pezzi, aggiungendo caffè o del cacao…insomma, le varianti di questo dolce sono davvero molte!

Io le ho lasciate semplici, dal gusto delicato e dalla mollica interna candida e morbida, cotte in stampini a forma di cuore per portare le tortine in tavola nel giorno più romantico dell’anno: San Valentino.

Le tortine 7 vasetti sono ideali per la merenda dei più piccoli, da portare a scuola o per la merenda pomeridiana tra amici, perfette come snack da portare in ufficio, per accompagnare un caffè ma anche per la colazione, così come ottima base per preparare una golosa torta di compleanno e, se farcita e decorata, è una torta scenografica ideale per festeggiare un anniversario!

L’impasto “7 vasetti” è forse una delle ricette più conosciute, apprezzate e replicate sia per la sua sofficità e versatilità, sia per la sua praticità e facilità nel prepararla: non serve avere grandi doti da pasticcere e non si usa la bilancia ma direttamente il vasetto dello yogurt e si sporca una sola ciotola!

Come preparare le tortine 7 vasetti

L’impasto “7 vasetti” è davvero semplice e veloce da preparare. Non occorre una bilancia per pesare gli ingredienti perchè si utilizzerà lo stesso vasetto di yogurt (quello da 125 g) per dosare gli ingredienti.

Oltre allo yogurt, si utilizzeranno pochi altri ingredienti per preparare l’impasto base come la farina, la fecola, le uova ed il lievito. Non possono mancare gli aromi (vaniglia o scorza grattugiata di agrumi) per donare al dolce un profumo intenso e irresistibile e, volendo, ingredienti aggiuntivi a seconda della propria fantasia per personalizzare l’impasto base.

Riposta la bilancia, necessitiamo solo di una ciotola ed uno sbattitore elettrico (o una frusta a mano) per preparare quest’impasto. Per la cottura invece, possiamo scegliere di preparare delle piccole tortine e, dunque utilizzeremo degli stampini mooporzione, oppure una torta grande utilizzando uno stampo da 20-22 cm di diametro (oliato e infarinato, oppure rivestito con carta forno bagnata e strizzata).

Prepararti gli ingredienti ed il necessario per lavorarli, basterà montare le uova con lo zucchero per poi unire lo yogurt e dosare con il suo contenitore la farina e la fecola, da aggiungere poche alla volta. In ultimo si aggiungerà il lievito e l’aroma scelto. Una rapida mescolata per amalgamare bene il tutto e via nello stampo/i e si passa alla cottura in forno statico, a 180°C per 20-25 minuti in caso di tortine monoporzioni, 40-45 minuti in caso di torta unica (20-22 cm diametro).

Varianti e sostituzioni

  • Fecola di patate: può essere sostituita con tutti gli altri amidi come ad esempio, la frumina, l’amido di mais o l’amido di riso. In generale, in mancanza di un amido, usate la semplice farina.
  • Yogurt: al naturale o alla frutta, vaccino o vegetale, a seconda delle proprie esigenze nutrizionali e/o al proprio gusto, senza alcun problema!
  • Olio di semi: può essere sostituito con un olio di oliva leggero o un vasetto di burro sciolto (quest’ultimo caso solamente se non si hanno problemi nell’assumere prodotti caseari).
  • Aromi: si può scegliere di aggiungere all’impasto l’aroma che più si ama tra la vaniglia (semi prelevati dalla stecca o essenza), buccia grattugiata di agrumi, o entrambi. Si può aggiungere un cucchiaio di liquore all’anice, rum o quello che più si preferisce, anche in considerazioni di eventuali altri ingredienti aggiuntivi all’impasto.
  • Stampo: per una torta grande, da poter anche farcire e/o decorare, è ideale una tortiera da 20-22 cm di diametro, ma si può usare anche uno stampo da plumcake. Per delle tortine onoporzioni, invece, utilizzare dei pirottini da cupcakes classici oppure dalle diverse forme a seconda dell’occasione (ad esempio a forma di cuore come nel mio caso).
  • Tempi di cottura: a seconda della grandezza della torta, i tempi di cottura variano. Nel caso della torta grande (20-22 cm diametro), saranno necessari 40-45 minuti per una corretta cottura del dolce, al contrario, nel caso di piccole porzioni, i tempi di cottura saranno dimezzati. Ad influire un poco sui tempi di cottura, anche la potenza del proprio forno. Per questo motivo, consiglio sempre di fare la classica “prova stecchino” al termine dei minuti indicati per la cottura: inserendo lo stecchino al centro del dolce se esso (lo stecchino) risulterà asciutto e pulito, il dolce sarà perfettamente cotto, al contrario, prolungare di qualche minuto la cottura.
  • Aggiunte: le aggiunte per personalizzare il dolce sono infinite! Dalle gocce di cioccolato all’uvetta, dalla frutta a pezzetti ai canditi, dalla frutta secca tritata alla frutta essiccata, dal cacao in polvere al caffè…Insomma, libero sfogo alla propria fantasia!
  • Decorazioni: si può farcire e guarnire la torta come più si preferisce. Si può spolverare semplicemente con dello zucchero a velo oppure glassarla con del cioccolato, si può tagliare a metà e farcire con la crema che più si ama o con la marmellata o confettura preferita. Così come la torta grande, anche le monoporzioni possono essere decorate e farcite secondo proprio gusto!
  • Gluten free: per un impasto “7 vasetti” senza glutine bisogna sostituire la farina e l’amido con 3 vasetti di mix di farine senza glutine. In tal caso, bisogna porre attenzione a scegliere anche un lievito per dolci senza glutine.

Varianti dell’impasto base “7 vasetti”

  • Cacao: se si vuol preparare un impasto “7 vasetti” al cacao, sostituire il vasetto di amido con un vasetto di cacao amaro in polvere.
  • Cocco: così come per la variante cacao, anche per l’impasto al cocco, sostituire il vasetto di amico con un vasetto di farina di cocco.
  • Gocce di cioccolato: per arricchire l’impasto con delle gocce di cioccolato, basterà unire quest’ultime a composto preparato. L’importante sarà utilizzare delle gocce di cioccolato precedentemente congelate oppure infarinate e ben setacciate così che durante la cottura non cadranno sul fondo.
  • Banane o ananas caramellate: tagliare la frutta (in lunghezza o a rondelle), cuocerla in padella con tre cucchiai di zucchero di canna e una noce di burro vasetti”(vegetale per chi ne ha necessità). Sistemarle ancora calde sul fondo di una tortiera oliata insieme al caramello che si sarà formato, quindi ricoprire con l’impasto “crudo della torta”7 vasetti”. Dopo la cottura, ribaltare il dolce quando è ancora caldo così il caramello non si attaccherà.
  • Pere, nocciole e cioccolato: aggiungere a tutti gli ingredienti un vasetto di nocciole tritate, del ciococlato fondente tritato grossolanamente, una spolevrata di cannella e poi decorare con fettine di pera.
  • Carote e mandorle: aggiungere all’impasto base due carote grattugiate e ben strizzate, 2 cucchiai di mandorle tritate e due cucchiai di spremuta di arancia.
  • Marmorizzata o zebrata: per un effetto marmorizzato o zebrato, basterà dividere l’impasto base in due recipienti e aggiungere in uno due cucchiai di cacao. Versare poi sia il composto chiaro che quello scuro in uno stampo, uno sopra all’altro (prima un pò di chiaro e poi sopra, nel centro, un pò di quello scuro) per l’effetto zebrato; in modo casuale e disordinato da mescolare delicatamente con la punta di un coltello per l’effetto marmorizzato. L’importante è che i due composti restino separati.
  • Festosa: questo impasto base è perfetto anche per le torte da compleanno di grandi e piccini, o per le occasioni speciali. Per renderla “festosa” basterà tagliarla a metà una volta fredda, bagnarla (con del succo di frutta, ad esempio succo d’ananas, o del tè, o con una bagna alcolica, o una bagna al caffè…) e poi farcirla con crema (crema pasticcera, o crema al burro, crema alle nocciole, o confettura, o marmellate e/o con fruta fresca o sciroppata a pezzi). Quindi coprire con l’altra metà e decorare con creme, panna montata (anche vegetale), ganache al cioccolato o con un frosting di formaggio spalmabile (vegetale all’occorrenza) e zucchero a velo.

Tortine 7 vasetti

5.0 from 1 vote
Recipe by Sabrina Pignataro Course: dolci, dolci da credenza, tortine, colazione, merendaCuisine: cucina italianaDifficulty: facile
Servings

8

servings
Prep time

10

minutes
Cooking time

25

minutes
Total time

35

minutes

Le tortine 7 vasetti sono dei dolci sofficissimi e golosi, facili e veloci da preparare, che non richiedono l’utilizzo della bilancia. Per preparare questi dolcini, infatti, si utilizza il vasetto di yogurt per dosare tutti gli ingredienti, da qui il nome “7 vasetti”.
Per le mie tortine ho utilizzato uno yogurt vegetale bianco, il che rende queste tortine perfette per coloro che devono eliminare dalla loro dieta alimentare lattosio e proteine del latte, un dolce morbidissimo senza burro!
Inoltre, si possono personalizzare a proprio piacimento, utilizzando uno yogurt alla frutta che più si preferisce, oppure aggiungendo delle gocce di cioccolato fondente all’impasto, della granella di nocciole o della frutta a pezzi, aggiungendo caffè o del cacao…insomma, le varianti di questo dolce sono davvero molte!
Io le ho lasciate semplici, dal gusto delicato e dalla mollica interna candida e morbida, cotte in stampini a forma di cuore per portare le tortine in tavola nel giorno più romantico dell’anno: San Valentino.

Ingredients

  • Unità di misura: 1 vasetto da 125 g di yogurt
  • 2 vasetti zucchero semolato

  • 2 vasetti farina tp.00

  • 1 vasetto yogurt vegetale bianco (io soia)

  • 1 vasetto fecola di patate

  • 1 vasetto olio di semi di girasole

  • 1 bustina lievito in polvere per dolci (16 g)

  • 1 cucchiaino estratto di vaniglia Boubon

  • 1 pizzico sale fino

  • 3 uova di media grandezza a temperatura ambiente

Directions

  • Sgusciare le uova in una ciotola e montale insieme allo zucchero utilizzando le fruste elettriche o una frusta a mano.
    Montare fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
  • Aggiungere al composto montato lo yogurt e tenere da parte il vasetto da usare per misurare gli altri ingredienti.
  • Dopo aver amalgamato bene gli ingredienti, versare l’olio di semi a filo.
  • Infine, incorporare un po’ alla volta la farina, la fecola setacciate ed il lievito setacciati; aggiungere un pizzico di sale. e lavora l’impasto in modo che si presenti omogeneo e senza grumi.
  • Versare il composto negli stampini, rimepiendoli per 3/4 della loro capienza e infornarli.
    Cuocere in forno preriscaldato, modalità statica, a 180°C per 20-25 minuti., fino a doratura.
  • Sfornare e lasciar raffreddare.

Notes

  • Le tortine 7 vasetti si conservano per 2-3 giorni sotto una campana di vetro.

San Valentino: la storia

San Valentino è una ricorrenza che inizia a diventare un rito ben 600 anni fa, anche se buona parte della storia di San Valentino è avvolta dal mistero e da leggende.

Non era allora una festa degli innamorati, ma una festa romana dedicata alla fertilità. Una festa pagana che la Chiesa cattolica cercò di cristianizzare.

Tra misteri e leggende, nella realtà ci sono stati tre santi con questo nome e tutti e tre martiri. Sembrerebbe che quello che festeggiamo noi oggi, sia il sacerdote Valentino (vissuto durante il terzo secolo a Roma) quello al quale papa Gelasio I nel 496 dedicò il 14 febbraio come festa personale.

In quel periodo infatti, l’imperatore Claudio II decise che per arruolare soldati da inviare in guerra fossero più indicati gli scpoli perché privi di legami. Decise così di abolire matrimonio e fidanzamenti per i ragazzi in età di leva. Ciò non piacque a Valentino, battagliero sacerdote cristiano, che si oppose alla dcisione dell’imperatore e celebrò un legame d’amore in un 14 febbraio. Quando l’imperatore lo scoprì, fece imprigionare Valentino e lo condannò a morte.

Secondo altre storie invece, sembrerebbe che Valentino aiutò i cristiani a fuggire dalle carceri (dove venivano maltrattati e torturati) e per questo condannato a morte.

In base ad un’altra leggenda invece, Valentino era un giovane prigioniero che, innamorato della figlia del suo carceriere, le inviò un biglietto d’amore firmandolo “Dal tuo Valentino” (espressione ancora in uso) prima di essere condannato a morte.

San Valentino oggi

Di certo oggi è la festa alla quale gli innamorati dedicano grande importanza e intorno alla quale gira un indiscusso successo commerciale.

Dopo i primi amori adolescenziali, oggi non festeggio l’amore della mia vita in questa data o, meglio, “scremo” dalla festa tutto ciò che è commerciale e rendo unico ogni gesto da dediacare a lui, anzi, a loro: papo e figlio!

A loro dedico tutte le attenzioni e festeggio l’amore ogni giorno ma, in questa occasione speciale, mi piace sorprenderli con qualche coccola e attenzione in più!

Ti è piaciuta la ricetta di oggi? Valuta la ricetta e fammi sapere nei commenti cosa ne pensi! Inoltre, assicurati di seguire Delizie & Confidenze su Instagram e taggami quando provi una delle mie ricette così posso vedere tutte le tue deliziose creazioni!

HAI PROVATO QUESTA RICETTA?
FAMMI SAPERE COM’È ANDATA: SCRIVIMI NEI COMMENTI E LASCIAMI LE STELLINE IN BASE AL TUO GRADIMENTO!


Altre ricette per il menù di San Valentino?

Potrebbero esserti utili queste proposte per preparare un menù perfetto, dall’antipasto al dolce.



Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments