Pan Brioche al mandarino

Pan Brioche al mandarino

La brioche che si crede un panettone

Il Pan brioche al mandarino è un lievitato dolce soffice e delizioso nel profumo e nel gusto. Una variante della classica brioche, preparato nello stampo del panettone e confezionata come tale, diventa un dolce perfetto da portare in tavola durante il periodo delle feste natalizie, Capodanno ed Epifania compresi.

Senza burro ma altrettanto soffice e goloso

Il Pan Brioche al mandarino è realizzato senza burro e, pertanto, è un dolce perfetto per chi deve eliminare latte e derivati dal proprio regime alimentare.

L’assenza del burro non influenza la morbidezza e sofficità di questo pan brioche. Inoltre la presenza di succo di mandarini rende l’aroma, il profumo ed il gusto di questa brioche davvero unici.

Semplice da preparare, perfetto per ogni occasione

Realizzarlo è semplicissimo e basta utilizzare uno stampo per panettone per renderlo perfetto come sostituto del classico panettone di Natale, perfetto per tutto il periodo delle festività, Capodanno ed Epifania compresi!

Inoltre, è un’ottima idea regalo da preparare con le proprie mani anche per chi non ha molta affinità con i grandi lievitati: una volta pronto, basterà confezionare il pan brioche al mandarino e portarlo in dono.

E’ altresì perfetto per la colazione e la merenda di tutta la famiglia, nonché come dessert da fine pasto da servire in semplicità o da accompagnare ad una crema pasticcera, crema al caramello o chantilly (sempre senza proteine del latte) o un bicchiere di glogg o vin brulè.

Ed è la mia proposta per il primo appuntamento in questo nuovo anno con la Rubrica Il Granaio-Baking Time… Perchè infondo siamo ancora nel periodo festivo e si sa: “L’Epifania ogni festa porterà via!” quindi io continuo a festeggiare con gusto ancora!

La calza della Befana: l’origine di questa tradizione

La storia della Befana: come nasce la tradizione

Quella della “calza della Befana” è una tradizione molto antica, che risale al XII secolo, legata alla storia dei Re Magi ed una vecchietta incontrata durante il loro cammino.

Si racconta infatti, che durante il cammino dei Re Magi verso la grotta di Betlemme, chiesero indicazioni ad un’anziana signora indaffarata nella raccolta di legname per la sua abitazione. L’anziana donna rispose frettolosamente e in modo poco garbato ai tre sconosciuti, non fornendo loro nessuna indicazione.

E mentre i Re Magi ripresero il loro cammino, la vecchietta riflettè sull’accaduto e si pentì della sua scortesia. Cercando un modo di porre rimedio al suo comportamento sgarbato, l’anziana donna preparò un sacco pieno di dolci e girò tutta la città, bussando di porta in porta, nella speranza di trovare questo piccolo nato di cui parlavano i tre viandanti: il piccolo Gesù.

Ella non riuscì a trovare Gesù così, per porre rimedio a quel gesto scortese, ogni anno, tra la notte del 5 ed il 6 gennaio, l’anziana donna porta in dono regali a tutti i bambini del mondo.

La calza della befana: l’origine

Diverse le leggende legate all’origine della tradizione della calza della Befana. Nel corso degli anni, ella ha visto un mutamento assumendo sempre più sembianze benevole: da anziana scontrosa, a gentile e generosa vecchietta.

Ad oggi la Befana viene dipinta come un’anziana donna dall’aspetto poco piacevole, con gobba e naso aquilino, con un grande porro (o neo) nero sul viso ed il mento a punta, vestita di stracci e “in sella” ad una scopa magica con la quale solca i cieli , per poi calarsi attraverso i camini e conseganre i doni ai bambini.

Ma vediamo qualche leggenda legata alla sua nascita:

  • secondo una leggenda, sembrerebbe che la calza della Befana nasca a Roma dall’usanza di Re Numa Pompilio (uno dei sette re di Roma) di mettere una calza vuota appesa in una grotta, per farsela riempire da una Ninfa.
  • Un’altra leggenda vede la Befana come una Dea antenata, custode del focolare domestico e della casa,
  • in alcune parti del mondo, invece, la Befana è “una “la Signora della vita e della morte” per la rigenerazione della natura.

Anche i doni che portava la Befana erano diversi da quelli odierni: ella infatti portava in dono frutta secca, mele e arance, considerati “dono delle primizie” che richiamavano i semi della terra e, quindi, avevano una funzione scaramantica, un portafortuna.

Il carbone era invece il simbolo del rinnovamento stagionale, inserito come dono insieme ai simboli propiziatori. Solo successivamente il carbone si trasforma in un simbolo di punizione per i bambini che si son comportati male durante l’anno.

E mentre a Babbo Natale vengono lasciati biscotti e latte, alla Befana veninvano lasciate scarpe e stivaletti così che, nel caso ne avesse avuto bisogno, l’anziana donna avrebbe preso le scarpe nuove e lasciato in cambio dei dolcetti: così come si recita nella filastrocca infatti, “la Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte…”

Ma niente paura: se non ne avesse avuto bisogno di scarpe nuove, avrebbe comunque lasciato dei dolcetti in dono, riempiendo ogni scarpa, scarponcino o stivaletto lasciato lì per l’occasione!

Pan Brioche al mandarino

5 from 2 votes
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Lievitati dolci, Lievitati delle festeCuisine: cucina italiana, Dairy freeDifficulty: Media
Servings

1

stampo da 500 gr
Prep time

30

minutes
Cooking time

45

minutes
Leavening Time

4

hours 

Il Pan brioche al mandarino è un lievitato dolce soffice e delizioso nel profumo e nel gusto. Una variante della classica brioche, preparato nello stampo del panettone e confezionata come tale, diventa un dolce perfetto da portare in tavola durante il periodo delle feste natalizie, dal Capodanno all’Epifania compresi.
Il Pan Brioche al mandarino è realizzato senza burro e, pertanto, è un dolce perfetto per chi deve eliminare latte e derivati dal proprio regime alimentare.
L’assenza del burro non influenza la morbidezza e sofficità di questo pan brioche. Inoltre la presenza di succo di mandarini rende l’aroma, il profumo ed il gusto di questa brioche davvero unici.

Ingredients

  • 350 gr 350 farina Manitoba

  • 60 gr 60 zucchero semolato

  • 50 ml 50 olio di semi (io di girasole)

  • 12 gr 12 lievito di birra fresco

  • 5 5 mandarini

  • 1 pizzico 1 sale fino

  • 1 noce 1 burro vegetale (anche margarina senza olio di palma nè grassi idrogenati)

  • 1 1 uovo a t.a.

  • q.b. canditi in mix (facoltativo)

Directions

  • Preparare l’impasto
  • Lavare accuratamente la buccia di un solo mandarino, asciugarla bene e grattugiarne la buccia.
    Tenere da parte la buccia grattugiata mentre sbucciare tutti e 5 i mandarini.
  • Spremere i mandarini e tenere da parte il succo.
  • Nella ciotola della planetaria versare l’uovo e lo zucchero e, con il gancio a foglia (K), iniziare a lavorare gli ingredienti aggiungendo a filo il succo dei mandarini e l’olio.
  • Spegnere la planetaria ed unire la farina, il lievito di birra sbriciolato direttamente sulla farina e la buccia grattugiata del mandarino.
  • Riaccendere la planetaria a velocità media e lasciar amalgamare bene tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio e compatto, ma non appiccicoso.
    In ultimo unire il sale e lasciar assorbire al composto.
  • Ribaltare il composto sul piano lavoro leggermente infarinato e, con una leggera pressione delle mani, aprire a formare un rettangolo.
  • Versare sul rettangolo i canditi tagliati in piccoli cubetti, quindi ripiegare un’estremità del rettangolo verso il centro e ripetere anche con il lato opposto.
    Chiudere allo stesso modo anche i restanti due lati.
  • Arrotolare l’impasto e trasferirlo in un recipiente leggermente oliato, quindi coprire con pellicola alimentare e riporre in luogo caldo e riparato da correnti d’aria (perfetto il forno spento con la sola luce accesa).
  • Lasciar lievitare fio al suo raddoppio. Saranno necessarie circa 2-3 ore.
  • Formare il Pan brioche
  • Una volta raddoppiato il volume, riprendere l’impasto e ribaltarlo sul piano lavoro leggermente infarinato.
  • Allargare nuovamente con le mani, sempre con una pressione delicata, quindi fare due giro di pieghe.
  • Trasferire nello stampo da panettone da 500 gr, coprire con pellicola alimentare e porre nuovamente a lievitare fino a quando l’impasto non raggiunge il bordo dello stampo.
    Sarà necessaria 1 ora di lievitazione (sempre nel forno spento con la sola luce accesa).
  • Cottura del pan brioche al mandarino
  • Preriscaldare il forno a 180°C, modalità statica.
  • Mentre il forno raggiunge la temperatura, eliminare la pellicola sul pan brioche e incidere sulla superficie di quest’ultimo una croce con l’apposita lama da pane.
  • Prendere la punta di ogni angolo inciso e portare all’indietro, come a “spellare” la superficie della cupola del pan brioche.
  • Aperte tutte e quattro le estremità delle punte, disporre nel centro “spellato” la noce di “burro vegetale”.
  • Infornare il pan brioche una volta raggiunta la temperatura del forno e lasciar cuocere per 45-50 minuti.
    Verificarne la corretta cottura con la classica prova stecchino che dovrà risultare asciutto e pulito.
  • Sfornare e lasciar raffreddare completamente prima di servire il pan brioche al mandarino tagliato a fette.

Notes

  • Il Pan Brioche al mandarino si conserva soffice e goloso per diversi giorni se ben chiuso nell’apposita campana per dolci o nel sacchetto alimentare.
  • E’ possibile congelare il Pan Brioche per un massimo di tre mesi, meglio se tagliato in fette già proporzionate, chiuse negli appositi sacchetti per congelatore.
  • Varianti: è possibile sostituire i mandarini con altrettante clementine oppure con il succo di 2 arance. E’ possibile omettere i canditi o sostituirli con gocce di cioccolato fondente o frutti rossi essiccati. Il Pn Brioche può esser arricchino nell’aroma aggiungento della cannella in polvere e/o della vaniglia Bourbon.

Scopriamo insieme le altre proposte del paniere odierno:

Seguici anche su FacebookInstagram e Pinterest


Potrebbero interessarti anche:


Seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato sugli ultimi articoli e ricette.

Per qualsiasi domanda, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, per delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Condividila nei tuoi profili social e ricorda di menzionare @delizieeconfidenze e inserire il tag #delizieeconfidenze.

Poi lascia la recensione sulla ricetta, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
Simona Nania
21 giorni fa

Bravissima, le varie brioche cotte nei pirottini del panettone o stella o albero sono sempre davvero di grande effetto, con il lievito di birra poi si ottengono bellissime e stabili forme, poi il mandarino l’adoro, vorrei proprio averne una bella fetta. Insomma … il tuo lievitato è da 10 e lode. Buona befana 🙂

Teresa
21 giorni fa

È spettacolare Sabri ❤️ un Pan brioche profumato e soffice! Che dire, irresistibile 🥰

Zeudi
Zeudi
21 giorni fa

Immagino il profumo, dev’essere Rispostostupendo! Sai che mi sono sempre chiesta se si potesse usare il succo di agrumi o altra frutta mai lievitati? Direi che mi hai risposto con gran classe 😍